Esoterismo ad Agnone, nella terra dove il nome Italia fu per la prima volta utilizzato durante la Guerra Sociale del 91 a.C.

AGNONE (ISERNIA) - Istanze dell'esoterismo passato e presente. Agnone (IS), 12-14 settembre 2014. Il Palazzo della Città www.palazzodellacitta.it e l’Accademia Atene del Sannio www.accademiaitalia.eu presentano un focus di tre giornate che intende offrire molteplici valenze ai partecipanti. Assistere alle relazioni in programma avvalendosi di un confronto costante con gli studiosi stessi e con gli altri convenuti. Un soggiorno di media montagna isolato dalle grandi vie di comunicazione, immerso nella semplice pace rurale. La riscoperta delle tracce delle culture avvicendatesi nell’entroterra italico secondo una prospettiva né “minore” né “micro”, ma piuttosto profonda e verace (ci troviamo nelle terre dove il nome Italia fu per la prima volta usato formalmente dalla confederazione di popoli che sfidò il potere Romano durante la Guerra Sociale del 91 a.C.). I partecipanti saranno alloggiati ad Agnone nel quattrocentesco Palazzo della Città, oggi ristrutturato e adibito a struttura ricettiva.

Agnone: storica terra di insediamento sannitico, luogo di ritrovamento della cosiddetta Tavola Osca (III sec. a.C.), stele di bronzo con inscritto sulle due facce un cerimoniale sacro. Rifondata come borgo longobardo, nel 1100 accoglie una colonia Veneziana dedita alla pratica dell'oreficeria. Fiorente in epoca Angioina, ospita un soggiorno della regina Giovanna II. Guadagna la dignità di Città nel 1404. Patria di letterati ed artigiani. Nel '400 Marino Ionata scrittore dell'elaborato poema escatologico El Giardeno, Baldassarre Labanca filosofo ottocentesco di caratura europea, Luigi Gamberale primo traduttore in italiano del panteismo naturalistico di W. Withman e delle sue Leeves of Grass.

Sede della più antica fonderia di campane del mondo che utilizza ancora metodi di lavorazione risalenti al medioevo.

Pietrabbondante (IS): sede del più importante santuario e centro politico della civiltà Sannita. Capoluogo della relativa marca longobarda in seno al Principato di Benevento.

Programma:

Venerdì
Arrivo, registrazione, ore 13 aperitivo e pranzo tipico; ore 15 passeggiata nel quartiere Veneziano di Agnone (1100), belvedere “La Ripa”; lectio ore 16-19.

1) “Espressioni dell'esoterismo e delle correnti misteriche nella società.” 
     di Antonio Sposito, sociologo, docente di scienze sociali, umane e relazionali.
La lectio, attraverso la descrizione degli scenari nei quali si muovono gli "attori misterici", portatori di un "segreto" e di un senso "altro" rispetto alle ideologie dominanti, verterà sulle dinamiche interattive tra i membri dei gruppi esoterici, nonché tra questi e il sistema sociale di riferimento, considerato anche dal punto di vista storico e culturale.

Esoterismo ad Agnone, nella terra dove il nome Italia fu per la prima volta utilizzato durante la Guerra Sociale del 91 a.C.
Ore 20 degustazione di vini molisani accompagnati da fantasie gastronomiche e musica dal vivo.

Sabato
Colazione, ore 10 visita fonderia; ore 11 partenza per Santuario Sannitico di Pietrabbondante, rientro in Agnone; ore 13 pranzo; ore 15 visita tracce templari, Cappella San Francesco Caracciolo, Cappella Santa Chiara; lectio ore 16-19.

2) “Spiritualità e segreto;  esoterismo ed exoterismo: differenze”. 
di Stefano Arcella, saggista, studioso delle "religioni" misteriche dal mondo greco-romano al Novecento.
Il significato e il valore dei Misteri. Conoscenza spirituale, pensiero sintetico-intuitivo e intelligenza del “cuore”. Pensiero dialettico, quantitativo e cultura profana. Il Silenzio presso i Pitagorici della Magna Grecia e nel linguaggio simbolico della tradizione religiosa romana. Distruzione del dèmone della dialettica: confronti fra Occidente e Oriente. La Tradizione è perenne, non è il passato. Il “tràdere”(il tramandare) ha radici profonde nell'interiorità dell'uomo, nell'istanza della Trascendenza.

Ore 20 degustazione di vini nazionali accompagnati da fantasie gastronomiche e musica dal vivo.

Domenica
Colazione; lectio ore 10-13.

3) “Proiezioni esoteriche nell’arte.”
di Maurizio Vitiello, sociologo, critico d’arte.
Attraverso immagini insolite si declineranno letture di segmenti visivi di interesse misterico, dall’antichità al contemporaneo. Con l’apporto della sociologia e della critica dell’arte si  viaggia alla scoperta di contenuti di conoscenza. Le opere d’arte sono veri e propri strumenti per esplorare “l’identità del mondo”.
stampa la pagina