ARTICOLI FIRMATI    CRONACA    CULTURA     OPINIONI    SPETTACOLO    SPORT

lunedì 30 giugno 2014

Vinicio Capossela, con “Il Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”, alle Cave di Fantiano

GROTTAGLIE (TARANTO) - "... Chi sono, gli animali che compaiono nei nostri sogni, e perché vengono proprio a noi che abbiamo trascorso gli ultimi due secoli a sterminarli regolarmente, a un ritmo sempre più rapido, senza pietà, specie per specie, in ogni parte del mondo? Eppure con quanta incrollabile fiducia continuano a entrare nella nostra anima del sogno, nelle nostre fantasie infantili, nel nostro immaginario artistico." James Hillman "Animali del sogno".

Nella magnifica cornice del teatro naturale delle Cave di Fantiano di Grottaglie (TA), il 3 luglio 2014 Vinicio Capossela presenterà il suo spettacolo “Il Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”.

Quello di Capossela, sarà il primo dei 14 appuntamenti organizzati per l’estate jonica dall’Associazione Musicale Domenico Savino nell’ambito del “Festival della Città delle Ceramiche” e che si svolgerà a Grottaglie dal 3 al 16 luglio.

“Il Carnevale degli animali e altre bestie d’amore” è un vero e proprio concertato di musica, letteratura, canzoni e recitativi che comprende l'esecuzione del Carnevale degli animali, una suite composta da Camille Saint-Saens nel 1886, articolata in quattordici brani di breve durata ispirati ad altrettanti animali o personaggi, e una serie di canzoni di Vinicio Capossela,  in parte edite “La Cicogna”, Zarafà”, e in parte inedite, cucite insieme in un racconto che conduce il pubblico tra le storie di animali celebri, simbolismi e bestiari. Bestie cantate per farci un giro da "bestie incantate", come venivano chiamate le bestie che si esibivano con i saltimbanchi. Soltanto che le bestie sotto incantesimo siamo noi, come ben scrive  James Hillman in "Animali del sogno". Durate il concerto si alternano canzoni che attingono alla più svariata letteratura, da “L’usignolo e la rosa” di Wilde a “Bestiario d’amore” di R. De Fournival.

Animali classici e animali cantati di Vinicio Capossela, rivisti e riorganizzati dal Trio Amadei per l’orchestra da camera composta dai Solisti della Vianiner Philarmoniker a cui si unisce la formazione composta da Vincenzo Vasi al theremin, Asso Stefana alle chitarre, Zeno de Rossi ai tamburi, e Peppe Frana all’oud e strumenti medievali.

Per presentare il concerto Capossela ha scritto: “Bestiari... gli animali... maschere d'enigma... maschere d'accesso al sacro... deita' misteriche con cui dividiamo il creato. I bestiari medievali studiavano gli animali, seppur non in senso zoologico o scientifico, ma per uscire dal reale ed entrare nel vero. Le nature degli animali rappresentano le tante nature dell'uomo, dell'amore, del peccato. La signoria dell'uomo, trasformata man mano in indifferenza, cecità, non conoscenza. Gli animali sono usciti dalle nostre vite e sono entrati nei cartoni animati e nei documentari, oppure sulla tavola, dove si consuma il nostro principale rapporto con loro: mangiarli. Stanno lì', grandi sfingi di pietra, custodi di templi, accompagnatori di deità, o forse Dei essi stessi. Come non si siano organizzati per scacciare l'uomo, resta un mistero. Rinunciare agli animali è amputarsi dell'accesso alla natura che, come dice Psarantonis, è il Dio. Dunque l'animale è la manifestazione del divino, di un’altra lingua che si parla sulla terra, quella che fa dire a Céline, ammirato, per la morte del suo cane: "Se ne e' andata dopo tre piccoli rantoli, senza lamentarsi... in posizione davvero bellissima, come in pieno slancio, in fuga […] senza trallalà, la messa in scena che nuoce sempre agli uomini." Nell'amore siamo governati dalla nostra parte più istintuale. Possiamo studiare, come ha fatto Richard de Fournival, i comportamenti, le nature che si rivelano nel sentimento amoroso, paragonandole a quelle degli animali, come erano conosciuti nel Medioevo.

Vinicio Capossela, con “Il Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”, alle Cave di Fantiano.

Il bestiario d'amore e' lo zoo che conteniamo in noi stessi, quando  la passione apre le gabbie”
Il teatro all’aperto delle Cave di Fantiano, immerso in un parco nato dal recupero di antiche cave di tufo e sabbia, ospiterà altri due appuntamenti in cartellone per il “Festival della Città delle Ceramiche”: “Elisir d’amore” di Donizzetti (10 luglio) e “La traviata” di Verdi (16 luglio). Sette concerti si terranno nel Castello Episcopio di Grottaglie ed altri quattro nel Giardino Mediterraneo.
L’evento gode del patrocinio della Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo – della Provincia di Taranto, del Comune di Grottaglie, di Puglia Events, del Gal Colline Joniche e dell’Endas Puglia ed del sostegno dei Lions Club di Grottaglie e dell’associazione culturale Koiné.

stampa la pagina