Serata dedicata alla “follia” al Giardino Segreto dell’Anima di Tramonti, non caso clinico ma esaltazione dei sentimenti e della vita



follia-Giardino-Segreto-dellAnima-Tramonti
TRAMONTI - “Follie! Follie!” al Giardino Segreto dell’Anima di Tramonti il 20 luglio, con i Premi “Giardini d’Amore” e il battesimo del Club dei Folli. "Follie! Follie! Folleggiar di gioia in gioia" ed anche "Tutto è follia follia nel mondo, ciò che non è piacer" ed anche "Libiamo, libiamo ne' lieti calici, che la bellezza infiora": l'ispirazione della serata dedicata alla “follia” al Giardino Segreto dell’Anima di Tramonti, Mercoledì 20 luglio, con inizio alle ore 21, è tutta poetica e musicale dalla Violetta della Traviata appunto.
Inserito nel cartellone degli appuntamenti della 10a edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, l’evento, costruito da Antonio De Marco ed Enza Telese, custodi dello splendido giardino nella frazione Campinola di Tramonti, ha riferimenti molto più semplici e comuni. La “follia” quindi non come caso clinico o musicale ma come esperienza e momento di esaltazione dei sentimenti e della vita, in tutte le sue manifestazioni. Soprattutto come forza propulsiva di iniziative, atti d'amore, creazione di arte e di poesia. Non un seminario o un convegno, ma una “metafora” per evidenziare quello che di vera "saggezza" emerge dai gesti di persone di buona volontà, con esempi spontanei, sinceri, senza interessi, per vivere autenticamente il territorio e cercare di elevarlo culturalmente. A costo di farsi dire che "si è dei pazzi". Nel corso della serata saranno consegnati i riconoscimenti “Giardini d’Amore” a chi, con passione e un pizzico di follia appunto, in alcuni casi ha lasciato la “comodità” dell’appartamento in centro per dedicarsi al recupero e alla cura di case-giardini: da Raffaella Mollo e Biagio Simonetti sulle alture di Salerno a Lina Morricone e Raffaele D’Andrea nella periferia di Castellammare di Stabia; da Pina Bongiorno ed Elio Di Maso lungo la strada verso l’antica Badia di Cava de’ Tirreni a Danila e Dario Scotto ceramisti nella valle di Molina a Vietri sul Mare. Tutti i premiati saranno iscritti al “Club dei Folli” a cui alcuni “personaggi” del territorio daranno ufficialmente vita nella stessa serata, a cominciare proprio dai “padroni di casa” Antonio De Marco ed Enza Telese che hanno scelto, seguendo il filo delle conoscenze e delle amicizie, i propri “compagni di viaggio”. Sul territorio di Tamonti, che sarà la sede “ufficiale” del Club: Rosa Maria ed Angelo Menditto, da funzionari ministeriali all’impervio orto-giardino in frazione Novella; Maria Mariano e la sua “oasi d’accoglienza” in frazione Pucara; Antonietta Mandara e Giuseppe Francese e gli antichi sapori della loro cucina in frazione Campinola; Franca Primicerio e Sandra Lalia Morra con una “casa d’accoglienza” in frazione Gete; Raffaele Tagliafierro e i sapori del suo vino. Fuori territorio di Tramonti,  da Alfonso Bottone, direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it a Dina Coppola, anima del Progetto Famiglia Cooperazione Onlus di Angri; da Bruno Infante, animatore culturale salernitano, a Dante De Rosa e i suoi “Vizi capitali”.
A sottolineare la serata di “follie” la musica e la voce di Giusy Mansi e Michele Criscuolo.



Commenti