FCA tra le aziende automobilistiche più sostenibili al mondo. Contribuisce attivamente per la transizione a un’economia circolare



FCA-aziende-automobilistiche-transizione-uneconomia
TORINO - FCA e l’economia circolare, FCA è una delle aziende automobilistiche più sostenibili al mondo. Ogni giorno contribuisce attivamente per la transizione verso un’economia circolare. Negli ultimi decenni la domanda di risorse ha continuato a crescere, minacciando sempre più l’ambiente che ci circonda. Anche l’economia deve fare i conti con risorse finite. La transizione verso un’economia circolare - capace di mettere in discussione la logica dell’usa e getta tipica dell’attuale modello di sviluppo lineare - diventa un imperativo per la sostenibilità del Pianeta.
Con l’economia circolare i prodotti e i loro componenti sono progettati per essere recuperati o riciclati per prolungare il loro ciclo di vita a tutto vantaggio dell’ambiente. Il passaggio verso un’economia circolare offre benefici significativi anche dal punto di vista della sostenibilità economica.

FCA ogni giorno contribuisce attivamente per la transizione verso un’economia circolare - riporta il comunicato stampa -. Un esempio? La promozione del biometano come combustibile alternativo per una mobilità sempre più sostenibile.

Il biometano si ricava dalla purificazione del biogas prodotto da sostanze organiche quali i residui zootecnici, i sottoprodotti agroindustriali e i rifiuti urbani. L’utilizzo del biometano come combustibile rappresenta una valida scelta per ridurre l'inquinamento nelle aree urbane. Infatti i veicoli alimentati con questo carburante producono le stesse emissioni di CO2 di un veicolo elettrico alimentato con energia da fonti rinnovabili.


Tutti i veicoli a metano di FCA possono già essere alimentati anche con biometano. Negli ultimi anni il mercato dei veicoli a metano si è evoluto passando da numeri di nicchia a volumi di vendita significativi: nel triennio 2013-2015 in Europa FCA ha commercializzato oltre 160 mila veicoli a metano tra vetture e veicoli commerciali leggeri, confermando la sua leadership e portando così a circa 700 mila le unità vendute dal 1997.



Commenti