Festivaletteratura di Mantova dal 7 all’11 settembre 2016, Il Giallo e Inedita Energia gli appuntamenti promossi da Eni

Festivaletteratura-Mantova-11-settembre-2016
SAN DONATO MILANESE - Eni partner della ventesima edizione del Festivaletteratura di Mantova. Due gli appuntamenti promossi dal cane a sei zampe: Il Giallo e Inedita Energia. Eni è partner del Festivaletteratura di Mantova giunto alla sua ventesima edizione. Per cinque giorni, dal 7 all’11 settembre, per chi ama la letteratura la città diventerà tappa obbligata animandosi di incontri con autori, letture in piazza e spettacoli in luoghi di forte valenza storico-artistica.
In quest’ambito, Eni sarà presente con due diverse iniziative speciali - riporta il comunicato stampa -: Il Giallo (che nella sua connotazione cromatica richiama il colore distintivo dell’azienda) ciclo di incontri con alcuni giallisti italiani emergenti, e Inedita energia (domenica ore 11 a Palazzo Ducale), il tradizionale appuntamento con i testi del Gatto Selvatico, la rivista aziendale fondata da Enrico Mattei negli anni Cinquanta e diretta dal poeta Attilio Bertolucci. Con la conduzione di Neri Marcorè, a Inedita energia, il tema di quest’anno sarà la “scoperta”, una parola dalle infinite declinazioni nel campo della scienza, della letteratura, della tecnologia e dello sport. A dialogare con il pubblico di Mantova ci saranno Chiara Montanari, esploratrice e prima donna italiana ad aver guidato una missione in Antartide, Marinella Levi, docente in ingegneria chimica a capo di uno dei più prestigiosi laboratori italiani di stampa in 3D e Antonio Manzini, giallista affermato sulla scena letteraria nazionale. Tra gli ospiti anche Giampiero Ventura, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Calcio.

La presenza di Eni al Festivaletteratura testimonia - scrivono dal Gruppo -, una volta di più, l’attenzione alla realtà culturale di Mantova attraverso la partecipazione a uno dei suoi appuntamenti più seguiti, e un tema, quello della scoperta, da sempre fortemente legato al mondo di Eni che deve gran parte dei suoi successi, del passato e del presente, proprio alla vocazione esplorativa di uomini e donne con una passione innata per l’energia.

Competenze, determinazione, coraggio: un mix che da sempre alimenta, ad ogni latitudine, gli esploratori del cane a sei zampe.




Commenti