Nuova metodologia di indagine giudiziaria, a Treviso un seminario tecnico mette a confronto 400 ingegneri

indagine-giudiziaria-Treviso-seminario-tecnico
TREVISO - Federazione Ordini Ingegneri Veneto. Gli ingegneri “principi” del Foro, al Museo di Santa Caterina. “Treviso Forensic”: l'ingegneria forense a servizio del sistema giustizia. Dal 28 al 30 settembre 2016 a Treviso, il Seminario tecnico in anteprima nazionale: 400 ingegneri si confrontano su una nuova metodologia di indagine giudiziaria. Per discutere di “Ingegneria Forense” per la prima volta in Italia oltre 400 partecipanti da università, enti pubblici, professioni tecniche e giuridiche si daranno appuntamento da mercoledì  28 a venerdì 30 settembre (tutti e tre i giorni dalle ore 9 alle ore 18,45 circa) presso il polo museale di Santa Caterina a Treviso in occasione del seminario tecnico “TREVISO FORENSIC”, iniziativa organizzata dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Treviso e patrocinata da FOIV Federazione Ordini Ingegneri del Veneto.
Ma cosa si deve intendere per ‘Ingegneria Forense’? «Essa rappresenta una nuova disciplina tecnica non ancora pienamente riconosciuta in ambito nazionale – dichiarano gli ingegneri Alberto Pivato e Linda Tassinari organizzatori dell’evento per conto dell’Ordine degli Ingegneri di Treviso – che mira ad applicare i metodi e le conoscenze scientifiche dell’ingegneria al processo di analisi di problemi tecnici nell’ambito dei procedimenti penali, civili ed amministrativi».

Questa specifica disciplina sta assumendo sempre più un ruolo determinante nel sistema giustizia e diviene, per la sua natura di scienza oggettiva e logica, elemento cardine a sostegno dell’attività di indagine/investigazione durante le attività giudiziarie. 

«Certo – sostengono gli organizzatori – si deve cercare  di superare la cosiddetta sindrome ‘CSI’ ovvero quella distorsione della realtà causata dal proliferare di moltissime serie televisive (CSI Miami, CSI New York,  CSI Cyber, Senza Traccia, NCSI,  Cold Case, Numbers, Criminal Minds,  Bones e the Mentalist per citarne alcune) nella quale la ‘scienza’ permette di determinare in tempi brevissimi, con assoluta certezza e nel 100% dei casi il ‘colpevole’ o  ‘la causa’, ma la strada è quella di individuare e consolidare nuove prassi e nuovi approcci grazie all’importante apporto fornito dalla nostra professione».

La vera sfida per il futuro di appuntamenti come questo organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Treviso,  sarà appunto quella di consolidare ed arricchire una  vera cultura dell’Ingegneria Forense sia nei confronti dei professionisti che la esercitano, ma anche – e forse soprattutto – nei confronti di coloro che nel sistema giustizia ne utilizzano il servizio (avvocati, giudici, etc.).






Commenti