Paliano, il vescovo Domenico Sigalini chiede agli amministratori comunali l'allestimento di una chiesa a San Procolo



Paliano-vescovo-Domenico-Sigalini-amministratori
PALIANO - Il vescovo Sigalini incontra i consiglieri comunali di Paliano. Alfieri: «Confronto proficuo fra chiesa e società civile». Durante la visita pastorale che il vescovo di Palestrina, monsignor Domenico Sigalini, sta facendo a Paliano in questo mese, è stato organizzato anche un incontro con i consiglieri comunali nel pomeriggio di mercoledì 21 settembre 2016 presso la sala consiliare.
Il vescovo, accompagnato dai sacerdoti delle parrocchia palianese don Paolo e don Loris, ha esordito dichiarando la sua stima verso gli amministratori e il lavoro che svolgono quotidianamente e spiegando l’intento di questo colloquio: dialogare sui problemi del territorio e confrontarsi sulle attività che possono essere messe in campo. Infatti, nel suo intervento, accurato e rigoroso, ha presentato richieste agli amministratori, come uno spazio per potere allestire una chiesa a San Procolo, questione di cui già il sindaco si stava occupando. Poi monsignor Sigalini ha spostato la sua attenzione sulle questioni sociali: aiuti alle famiglie relativamente al lavoro e alle spese per poter mantenere dei figli, proponendo soluzioni già messe in atto dalla diocesi e cercando la collaborazione dell’amministrazione.

Il sindaco Domenico Alfieri, dopo avere ringraziato il vescovo per l’opportunità di questo confronto, inteso come scambio fra la chiesa e la società civile, ha anche espresso gratitudine per le sollecitazioni mosse, «perché sono ottimi spunti su cui riflettere e lavorare, visto che la nostra amministrazione ha sempre scommesso molto sul sociale e ne è dimostrazione l’aumento di fondi dedicati all’assistenza. Ma, visto il difficile periodo di crisi economica, la collaborazione in questo ambito con tutte le associazioni del settore e soprattutto con la Chiesa, non può che essere cosa gradita e apprezzata». 

A fine incontro, il vescovo ha dato la benedizione ai presenti, augurando un proficuo lavoro e incoraggiando ad adoperarsi ancora soprattutto per i più bisognosi.



Commenti