Per Elena Fornari la Banda Musicale Città di Orzinuovi entusiasma alternando pezzi classici a quelli moderni

Per-Elena-Fornari-la-Banda
ORZINUOVI - Concerto per Elena, 24 settembre 2016, Rocca Sforzesca di Soncino. Si è svolto nella suggestiva  Rocca Sforzesca di Soncino (Cremona) il tanto atteso CONCERTO PER ELENA, che il tempo inclemente di giugno aveva “boicottato”, in ricordo della giovane musicista scomparsa qualche anno fa.  La musica era infatti la grande passione della soncinese Elena Fornari, una ragazza che è venuta a mancare improvvisamente il 15 ottobre 2009.
Per questo motivo un gruppo di amici ha pensato di ricordarla facendo risuonare le note di quelle musiche che Elena amava e che spesso aveva eseguito con il suo inseparabile trombone.

Dopo avere intrapreso gli studi musicali presso la Banda Civica di Soncino, Elena aveva collaborato con diverse formazioni della provincia di Cremona: l'Orchestra di fiati di Trigolo e San Bassano, il Corpo Bandistico "Igino Robbiani" di Soresina , Quatour Brass e con il gruppo "The Swingers big band" di Cremona.

Gli strumenti musicali di Elena - riporta ancora il comunicato stampa - sono stati donati alla “Virus Band” (settore giovanile della Banda) della scuola I.C. di Orzinuovi , permettendo ad alcuni ragazzi ad avvicinarsi alla musica.

Coloro che hanno avuto il privilegio di starle vicino e di condividere questa sua passione vogliono ricordare il suo entusiasmo e la sua dedizione rendendole omaggio con il linguaggio universale della musica.


In questa serata, vissuta quasi come una prova generale in vista del Concerto al Teatro Grande di Brescia,  la Banda musicale Città di Orzinuovi diretta dal maestro Giancarlo Locatelli  ha catturato e affascinato il pubblico alternando pezzi classici a quelli più moderni.

Sostenuti e spronati dai complimenti  della dolcissima ed elegante Roberta Scolari, che ha accettato con grande umiltà il ruolo di presentatrice, dal sindaco di Soncino, dalla signora Luigia, mamma di Elena, e da tutti i presenti, i ragazzi hanno dato il meglio, dimostrando maturazione, unione, attenzione, concentrazione.

Durante la serata l’artista soncinese Aldo Gallina “Jona” ha regalato al pubblico e alla Banda alcune sue composizioni poetiche accompagnato dalle note di una chitarra.

Doverosi i ringraziamenti a tutti coloro che si sono prestati per organizzare la serata e soprattutto ai genitori di questi fantastici musicisti.

Qualcuno, qualche settimana fa, seguendo con attenzione un concerto ha detto che questi ragazzi sono un insegnamento di volontà e perseveranza, posseggono strumenti tutti diversi tra loro che quando suonano insieme diventano un’unica melodia, perché si ascoltano l’un l’altro;  ha sottolineato come questa diversità, attraverso l’ascolto, porta all’unità e come anche una comunità nasce dall’insieme delle diversità che si ascoltano e crescono all’unisono.









Commenti