Raccolta, conferimento e gestione dei rifiuti a Capriolo: la polizia locale intensifica i controlli su tutto il territorio comunale

gestione-dei-rifiuti-Capriolo-polizia
CAPRIOLO - Il sindaco di Capriolo, Luigi Vezzoli, ha comunicato a tutta la cittadinanza il contenuto del Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati. Il primo cittadino ha reso note anche le sanzioni previste per chi non rispetta gli obblighi delle noreme in materia di deposito dei materiali di scarto. ECCO L'A V V I S O A L L A C I T T A D I N A N Z A. IL SINDACO Considerato che:
a) Il Comune di Capriolo è dotato di regolamento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 63, del 23 dicembre 2002 e modificato da ultimo con deliberazione del Consiglio Consiglio Comunale n. 18 del 28.07.2016;
b) il citato regolamento disciplina compiutamente le modalità di raccolta e conferimento dei rifiuti urbani e assimilati tramite i servizi “porta a porta” e “all’isola ecologica”.
Constatato che le modalità di conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta sono spesso disattese e che questa circostanza crea disagio agli operatori del servizio nonché pregiudizio al decoro urbano e all’igiene pubblica.

RICHIAMA

La cittadinanza:

a) al rispetto del Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati, in particolare degli artt. 18, 19, 23 (vedi allegato al presente avviso);

b) al rispetto degli articoli: 192, comma 1 del D.lgs 152/2006 che vieta “L’abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo”; 15, comma 1, lett. f) e f-bis) del codice della strada il quale dispone che “Su tutte le strade e loro pertinenze è vietato: (lett. f) depositare rifiuti o materie di qualsiasi specie, insudiciare e imbrattare comunque la strada e le sue pertinenze; lett. f-bis) insozzare la strada o le sue pertinenze gettando rifiuti o oggetti dai veicoli in sosta o in movimento.

AVVERTE

Che:

1. Di concerto con il Comando del Corpo di Polizia Locale, verranno intensificati i controlli su tutto il territorio comunale finalizzati a garantire il rispetto delle norme legislative e regolamentari in materia di raccolta, conferimento e gestione dei rifiuti, anche mediante l’ausilio di sistemi di videosorveglianza;

2. Salvo diversa disposizione di legge, per le violazioni delle disposizioni dei regolamenti comunali si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 euro a 500 euro. Tale sanzione si applica anche alle violazioni alle ordinanze adottate dal sindaco sulla base di disposizioni di legge, ovvero di specifiche norme regolamentari (vedasi art. 7-bis - del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali - introdotto dall'articolo 16 della legge n. 3 del 2003, e s.m.).

3. Il presente avviso è pubblicato all’albo pretorio comunale (albo-online) e affisso negli appositi spazi destinati alle pubbliche affissioni.

IL SINDACO
(Luigi Vezzoli)


ALLEGATO ALL’AVVISO DEL SINDACO PROT. N. 12640 DEL 22/09/2016

Artt. 18, 19 e 23 del Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati

Art. 18 - Tipologia e caratteristiche dei contenitori per il conferimento ai servizi di raccolta porta a porta.

1. Le frazioni di rifiuto interessate dai servizi di raccolta domiciliare porta a porta possono essere conferite, a seconda delle caratteristiche merceologiche e di quanto prescritto in questo regolamento, nei seguenti modi:

a) imballate in sacchi a perdere;

b) prive di imballo;

c) in particolari contenitori dedicati - mono o pluriutenza - presi in carico dagli utenti;

2. Per quello che concerne i sacchi a perdere e i contenitori di cui alla lettera c) del comma 1, corre l’obbligo dell’utilizzo di quelli forniti dall’Amministrazione o aventi le medesime caratteristiche.

3. I sacchi a perdere devono essere semitrasparenti tali da consentire, da parte degli operatori addetti al prelievo, l’ispezione visiva e l’eventuale controllo del contenuto.

Art. 19 - Modalità di conferimento ai servizi di raccolta porta a porta.

1. Il conferimento diretto dei rifiuti mediante sacchi o contenitori mono o pluriutenza è regolato nel modo seguente:

a) i sacchi ed i contenitori devono essere esposti fuori dalle proprie abitazioni di residenza o dal proprio domicilio e devono essere conferiti in modo da rimanere il minor tempo possibile incustoditi; è fatto espresso divieto di abbandonarli od esporli nei giorni precedenti la raccolta. Il giorno precedente la raccolta è consentita l’esposizione dei sacchi o contenitori dopo le ore 21,00 (ventuno), mentre nel giorno di effettuazione della raccolta l’esposizione deve essere effettuata entro le ore 6,00 (sei);

b) i contenitori devono essere tempestivamente ritirati a cura dell’utenza a svuotamento avvenuto;

c) è reso obbligatorio il recupero, da parte dell’utente conferente, dei rifiuti eventualmente non ritirati dagli addetti a causa del mancato rispetto delle modalità di conferimento prescritte, dell’esposizione tardiva o di qualsiasi altra causa anche non dipendente da volontà o colpa dell’utente.

2. Il conferimento deve avvenire, ove possibile, nel punto più prossimo alla sede stradale di normale percorrenza del mezzo di raccolta in modo da evitare ogni intralcio al transito veicolare e/o pedonale, nonché ogni disturbo alla popolazione.

2-bis. Nel caso di abitazione o domicilio dell’utenza ubicato in prossimità di sede stradale non ordinariamente accessibile ai mezzi di raccolta, è ammesso il conferimento dei sacchi e dei contenitori presso il punto più vicino di normale percorrenza dei mezzi di raccolta in modo comunque da evitare ogni intralcio al transito veicolare e/o pedonale, nonché ogni disturbo alla popolazione.

Per tali utenze è facoltà dell’amministrazione comunale individuare i luoghi di conferimento con apposita ordinanza.

3. E’ obbligatorio l’impiego di sacchi o contenitori aventi le caratteristiche, anche cromatiche, e recanti le diciture prescritte per ogni singola frazione di rifiuto. I rifiuti conferiti in contenitori diversi da quelli prescritti non saranno raccolti.

4. E’ fatto divieto di:

a) introdurre nel sacco o nei contenitori, senza adeguate protezioni, oggetti taglienti o acuminati, che possano provocare lacerazioni e mettere in pericolo la sicurezza degli addetti alla raccolta ed alle successive fasi di trattamento;

b) introdurre nei sacchi o nei contenitori rifiuti liquidi od eccessivamente impregnati di liquidi che provochino fuoriuscita di percolato;

c) lasciare fuoriuscire dal sacco parte dei rifiuti;

d) riempire oltre misura i sacchi rischiando la loro rottura;

e) conferire sacchi aperti o chiusi malamente;

f) esporre oggetti vari all’esterno dei sacchi o dei contenitori o legati esternamente ad essi.

5. In caso di frazioni raccolte con il sistema porta a porta, senza il supporto di appositi sacchi o contenitori, i materiali da raccogliere dovranno essere confezionati o impilati in modo da occupare il minor spazio possibile al fine di evitare: la loro dispersione nelle aree circostanti, danni agli addetti alla raccolta e, in genere, alla popolazione e/o all’ambiente.

6. Nelle zone eventualmente servite da cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani non riciclabili, gli utenti sono tenuti comunque all’utilizzo dei sacchetti forniti dal comune o aventi le caratteristiche dallo stesso indicate. E’ vietato immettere rifiuti sfusi.

7. Il comune predispone un adeguato servizio di accertamento della corretta applicazione delle disposizioni del presente articolo anche attraverso controlli a campione, controlli casuali o su segnalazione degli addetti alla raccolta.

Art. 23 - Conferimento e raccolta della frazione umida.

1. Il servizio di raccolta della frazione organica dei rifiuti urbani e assimilati (frazione umida), qualora sia attivato dal comune, è finalizzato al riciclaggio organico per la produzione di compost da rifiuti.

2. Il conferimento e la raccolta della frazione umida dei rifiuti urbani dovrà essere effettuato tramite l’uso congiunto di sacchi a perdere e contenitori dedicati, mono o pluriutenza, secondo le modalità di seguito esposte:

a) le utenze devono conferire la frazione organica negli appositi sacchetti di mater - b;

b) le utenze possono usufruire di contenitori mono pluriutenza in cui conferire i sacchetti in mater - b;

c) i contenitori devono essere esposti, a cura dell’utenza, sulla sede stradale nei luoghi ed orari stabiliti per la raccolta. I contenitori devono essere custoditi all’interno di spazi privati e posizionati sulla strada solo in concomitanza al passaggio dei mezzi di raccolta.




Commenti