Terremoto ad Accumoli, Cas e strutture alberghiere del comune di San Benedetto del Tronto per la popolazione



Terremoto-Accumoli-Cas-strutture-alberghiere
ACCUMOLI - Il capo dipartimento della Protezione civile italiana, Fabrizio Curcio e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ieri, 3 settembre 2016, hanno raggiunto il Centro Operativo Comunale di Accumoli per un incontro tecnico - centrato sul tema dell'assistenza alla popolazione del territorio - con il commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani, il sindaco di Accumoli Stefano Petrucci, il prefetto di Rieti Valter Crudo e il questore Gualtiero d'Andrea.
La mattinata è quindi proseguita con un incontro con la popolazione assistita nell'area di accoglienza di Accumoli.

Qui il sindaco, alla presenza anche del presidente della Provincia di Rieti, ha ringraziato tutto il Sistema nazionale per la rapidità e l'efficacia della riposta all'emergenza che ha permesso alla popolazione, in meno di 12 ore, di essere assistita nelle aree di accoglienza.

Curcio ha invece voluto rivolgere il suo ringraziamento proprio ai cittadini, che hanno aiutato la macchina dei soccorsi ad aiutare, nonostante la complessità e la difficoltà, sia logistica sia emotiva, dell'emergenza.

La volontà delle comunità è, come naturale, ripartire dal proprio territorio. Questo significa iniziare a lavorare sin d'ora per una soluzione abitativa nelle aree colpite. Soluzione che - prevedendo anche il ripristino di tutta una serie di servizi, a partire per esempio dalle scuole - richiede tempo, sette mesi ha spiegato il Capo Dipartimento, e quindi, simultaneamente, l'adozione di misure immediate per dare ai cittadini una rapida alternativa alle aree di accoglienza.

Il capo dipartimento ha quindi illustrato ai cittadini in cosa consiste il Cas - Contributo di Autonoma Sistemazione, di cui chi ha casa inagibile potrà usufruire nel caso abbia possibilità di provvedere autonomamente a trovare un alloggio.

Per la popolazione colpita dal terremoto del comune di Accumoli una ulteriore e importante soluzione alternativa al Cas è stata individuata nelle strutture alberghiere del Comune di San Benedetto del Tronto, con cui Accumoli è gemellato.

Questa soluzione - ragionata in stretto raccordo con il sindaco e condivisa dal primo cittadino con gli abitanti - permette di raggiungere l'obiettivo principale di questa fase: mantenere integra la comunità, il senso di appartenenza, garantendo al contempo un buon livello di servizi e assistenza alla popolazione, che tenga conto delle esigenze di tutti, dalle persone anziane alle famiglie con bambini.

Si sta già lavorando alla predisposizione di uno sportello comunale che porti l'amministrazione di Accumoli sul territorio di San Benedetto, proprio per mantenere un contatto, un filo diretto e "fisico" con i propri cittadini.

Le amministrazioni di Accumoli e San Benedetto predisporranno anche un servizio navetta per consentire ai cittadini ospitati nelle strutture alberghiere di poter comunque raggiungere con facilità Accumoli e, quindi, monitorare personalmente l'andamento dei lavori.



Commenti