Gruppo trekking "La via dei monti", guide ambientali escursionistiche. Da Australia e Stati Uniti per "Camminappennino"



trekking-La-via-dei-monti
MODENA - Hanno partecipato anche gruppi di turisti da Australia e Stati Uniti alle escursioni guidate di "Camminappennino", organizzate da giugno a settembre 2016 nell'Appennino modenese dal gruppo trekking "La via dei monti" che riunisce guide ambientali escursionistiche. Complessivamente nel periodo estivo i turisti accompagnati sono stati quasi mille (quasi 1.500 dall'inizio del 2016) con oltre 60 escursioni nei comuni di Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Lama Mocogno, Montecreto, Pievepeleago, Riolunato, Serramazzoni, Sestola e Abetone in Toscana; il progetto è patrocinato dai Comuni, dall’Ente Parchi Emilia Centrale e dal consorzio Valli del Cimone.
«Abbiamo visto anche tanti nuovi turisti - sottolinea Stefano Muzzarelli, sindaco di Fanano - molti dei quali venuti nel nostro Appennino per la prima volta proprio per partecipare a queste escursioni.

Questa iniziativa ci auguriamo possa crescere ulteriormente anche perché rappresenta per noi uno stimolo in più per valorizzare e migliorare la nostra straordinaria rete di sentieri». 

Tra le escursioni più apprezzate spiccano il trekking ‘Cimone all’alba’, ormai un classico dell'escursionismo nell'Appennino modenese che attrae turisti da tutta Italia; ma anche mete meno note come le cascate del Valdarno a Sant’Annapelago, il tour dei borghi abbandonati di Fanano e le miniere di rame a Montecreto. Il programma ha coinvolto anche diverse strutture ricettive tramite  pacchetti specifici, promossi per l'occasione da tour operator specializzati.


«Diversi turisti - afferma Davide Pagliai, guida escursionistica e ambientale dell'associazione - hanno partecipato a più di una escursione, dimostrando interesse anche per le informazioni e curiosità di carattere storico, naturalistico e ambientale fornite dalle guide; abbiamo coinvolto escursionisti dall’intera regione, ma anche da Toscana, Veneto e Lombardia, con gruppi provenienti da Australia, Stati Uniti,  Sudafrica e Grecia. E le iniziative - conclude Pagliai - continuano anche in autunno, con trekking ogni sabato e domenica, mentre per la stagione invernale stiamo elaborando un calendario di ciaspolate che se manca la neve, si trasformeranno in semplici camminate».





Commenti