A Stefano Fabrizio, laureato dell’Università del Sannio, il premio innovazione Leonardo-Finmeccanica

Stefano-Fabrizio-laureato-Universita-Sannio
ROMA - A un giovane laureato Unisannio il Premio Leonardo-Finmeccanica. A Stefano Fabrizio, laureato dell’Università del Sannio, il premio innovazione Leonardo - Finmeccanica. La cerimonia per il conferimento del premio si è svolta il 25 gennaio 2017 a Roma alla presenza della ministra dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli e del top management dell’azienda.

È stato lo stesso amministratore delegato di Leonardo-Finmeccanica, Mauro Moretti, a consegnare il riconoscimento ai sei premiati sui 700 progetti candidati. 

Il Premio Innovazione Leonardo 2016 - riporta ancora il comunicato stampa - fa anche quest’anno il pieno di adesioni e si conferma uno degli appuntamenti più attesi per esplorare le nuove frontiere dell’alta tecnologia. 

Il progetto di Stefano, laureato triennale in Ingegneria energetica e attualmente iscritto alla relativa laurea magistrale dell’Università del Sannio, è risultato tra i migliori della categoria neolaureati. 

Particolarmente rilevante per applicazioni attente alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico, il suo lavoro dal titolo “Energy Harvesting tramite materiali magnetostrittivi - Generazione e storage ad elevata efficienza della energia elettrica” ha come finalità il recupero in energia elettrica dalla energia meccanica altrimenti dissipata nell’ambiente, attraverso l’uso di materiali magnetostrittivi (materiali la cui magnetizzazione viene modificata in conseguenza di azioni meccaniche, pressione o dilatazioni). 

Stefano, 25 anni, originario di Mirabella Eclano, è stato tesista per la laurea triennale dei professori Unisannio Daniele Davino e Ciro Visone e attualmente sta lavorando con gli stessi docenti alla tesi magistrale sempre sul tema dell’energy harvesting.

Grazie al Premio “Innovazione Leonardo riceverà un contributo economico e soprattutto potrà svolgere uno stage di 6 mesi in Leonardo-Finmeccanica.







Commenti