Collaborazione scientifica tra Comune di Napoli e Accademia di Belle Arti per arredo e decoro urbano

one-scientifica-Comune-Napoli-Accademia
NAPOLI - “Decoro Urbano e place identity: presentato l’accordo di collaborazione tra il Comune di Napoli e l’Accademia di Belle Arti”. Presentato oggi, 2 febbraio 2017, nella prestigiosa sede dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’accordo di collaborazione scientifica tra Comune di Napoli e la stessa Accademia, che coinvolgerà gli studenti della Scuola di Progettazione Artistica per l’Impresa in una serie di importanti iniziative progettuali tra cui una sinergica sperimentazione in materia di arredo e decoro urbano.

Nella gremita Aula Magna, l’assessora alla Qualità della Vita e alle Pari opportunità,  con Delega all’Arredo e Decoro urbano, Daniela Villani, il direttore pro tempore dell’Accademia professore Giuseppe Gaeta e il referente del progetto, il professore Marcello Pisani, hanno illustrato con dovizia di particolari i termini della collaborazione, rimarcando come questa partnership non sia un episodio sporadico ma un progetto di lungo corso che vede schierate entrambe le istituzioni al servizio della città.

Panchine, cestini per la raccolta dei rifiuti, rastrelliere per biciclette, totem informativi e fioriere, sono elementi di uso giornaliero che possono fare la differenza e contribuire non solo al benessere di chi ne fruisce ma anche a sviluppare un più elevato senso civico e, non ultimo, migliorare il “senso di accoglienza” percepito dai turisti.

“Il progetto di studio che interesserà sia le nuove centralità che il centro città, diventerà un format di successo da applicare anche ad altri quartieri. L’intento è quello di migliorare la qualità della vita, soffermandosi sulla tesi secondo cui il benessere dell’individuo è sempre connessa al suo abitare in un ambiente favorevole, promuovendo così lo sviluppo di processi maturativi innati e virtuosi, e soprattutto la giovane creatività, tutta Made in Naples, degli studenti dell’Accademia”, ha dichiarato l’assessora Villani.






Commenti