Giornata internazionale della donna col film 7 minuti di Michele Placido, per gli studenti del Piemonte



Giornata-internazionale-donna-film-7-minuti
TORINO - Per la Giornata internazionale della donna “7 minuti” per riflettere sui diritti delle lavoratrici. Mercoledì 8 marzo 2017, alle ore 10, in occasione della Giornata internazionale della donna, la Consulta regionale delle elette, in collaborazione con Agis, propone la proiezione del film 7 minuti di Michele Placido per le studentesse e gli studenti degli Istituti di I e di II grado del Piemonte.

Il film - interpretato da Cristiana Capotondi, Violante Placido, Ambra Angiolini, Ottavia Piccolo e Fiorella Mannoia - affronta i temi dei diritti delle lavoratrici e dell'incertezza sul loro futuro tra caos, logica e giustizia.

Tutto ha inizio quando la maggioranza della proprietà di un'azienda tessile italiana viene ceduta a una multinazionale. Sembra non siano previsti licenziamenti, ma - nell’accordo - c'è una clausola apparentemente insignificante che i nuovi proprietari vogliono far firmare al Consiglio di fabbrica: sacrificare sette minuti d’intervallo al giorno. Il consiglio è composto da nove operaie, un'impiegata e una rappresentante sindacale: uno spaccato della forza lavoro femminile contemporanea italiana che comprende la ventenne neoassunta e la veterana, l’immigrata africana e l’albanese concupita dal proprietario della fabbrica, la donna picchiata dal marito e la ragazza che ha dovuto fare i conti con la tossicodipendenza… Una storia di dignità messa in pericolo dalle dinamiche economiche e da quella legge del mercato in nome della quale si compiono oggi abusi e discriminazioni.

I cinema coinvolti sono l’Agnelli (via Sarpi 111/A), il Monterosa (via Brandizzo 65) e il Lux (Galleria San Federico) di Torino; il Sabrina () di Bardonecchia (To); il Politeama di Chivasso (To); il Boaro d’Ivrea (To), il Ritz di Pinerolo (To), il Cristallo di Acqui Terme (Al), il Lumière di Asti, il Verdi di Candelo (BI), il Baretti di Mondovì (Cn), il Sociale di Omegna (Vco) e il Lux di Borgosesia (Vc).







Commenti