In Crypto, di Dan Brown, non tutti sono chi dicono di essere; segreti, menzogne e coperture fino all’ultimo

Crypto-Dan-Brown-segreti-menzogne
COMO - Crypto, libro di Dan Brown (1998 by Dan Brown, 2006 Arnoldo Mondadori Editore, 535 pagine). Brown ha un modo di scrivere, a mio parere, convincente. Semplice, veloce, che trascina il lettore di pagina in pagina, incuriosendolo e facendogli provare emozioni forti quale la suspense richiede. Crypto  come La verità del ghiaccio, è un techno-thriller e, come scrive Il Giornale “gli ingredienti ci sono tutti: violenza, passo veloce, false identità. Una storia che cattura fin dalle prime pagine”.

Susan Fletcher è una crittologa della NSA (National Security Agency), di Washington. Cioè dove passano milioni di codici segreti da tradurre per poter difendere la nazione.

Da qualche anno l’NSA si è dotato di un super computer che in pochi attimi riesce a decrittare qualsiasi codice.

Ma, una domenica, il comandante Strathmore chiama d’urgenza la sua collaboratrice: il super computer sono circa 16 ore che è fermo sullo stesso codice.

Da qui il romanzo prosegue a brani, ogni personaggio viene descritto un poco per volta, introdotto nella pagina. Ora uno ora l’altro compiono una parte delle loro azioni, fino a che tutti sono coinvolti nella vicenda e hanno dato il proprio apporto alla trama.

Brown usa un metodo di scrittura incompleto, cioè, ad ogni fine capitolo, capitoli che sono peraltro brevissimi, lascia qualcosa d’incompleto che non verrà ripreso subito dopo, ma magari due o tre capitoli dopo. E questo invoglia il lettore a proseguire, a capire, a vedere cosa succederà più in là.

In Crypto  non tutti sono chi dicono di essere; segreti, menzogne, coperture si mescolano fra di loro fino all’ultima pagina.

Certo è che tutti sono contro Ensei Tankado il responsabile della distruzione del super computer.

Una corsa contro al tempo per salvare i dati segreti della nazione.

Per gli amanti del genere un romanzo appassionante e che, come ormai è noto essere nello stile di Dan Brown, porta a conoscenza di apparati governativi sconosciuti ai più.





Commenti