Il ministro Orlando parte da Ciampino per ricostruire il Partito democratico nella nuova fase politica

ministro-Orlando-Ciampino-Partito-democratico
CIAMPINO - Il “Coordinamento dei Comitati dei Castelli Romani per Orlando Segretario” ieri, 8 marzo 2017, ha iniziato la propria campagna per la fase congressuale del Partito Democratico con l’incontro che si è tenuto a Ciampino alla presenza dello stesso ministro Orlando, candidato a segretario nazionale, dei consiglieri regionali Lupi, Ciarla e Valeriani e dei deputati Carella e Cirinnà, oltre a numerosi amministratori locali.

Davanti ai tanti presenti, dopo gli interventi del sindaco di Ciampino Terzulli e della consigliera comunale di Artena Carocci, il ministro Orlando ha presentato la sua proposta politica tesa a “ricostruire il Pd nella nuova fase politica che si è aperta dopo il referendum, per un partito plurale che sappia dialogare e ricostruire il centrosinistra”, ma non contro Renzi, di cui anzi ha rivendicato e ricordato positivamente alcune scelte politiche tra cui le leggi su unioni civili, “dopo di noi” e le norme contro il caporalato. Anche per sottolineare la nuova fase politica Orlando ha ribadito la sua volontà, qualora vincesse il congresso, di non candidarsi a premier e di dimettersi da ministro della Giustizia.

Orlando ha parlato di un partito che torni a costruire rete con i cittadini, a dialogare con i corpi intermedi della società, con uno sguardo a chi nella globalizzazione rimane indietro e non solo a chi ha avuto successo. Il candidato a segretario nazionale, con un linguaggio ed un vocabolario sicuramente caratterizzato dalla vicinanza alla storia della sinistra progressista italiana, ha sottolineato l’importanza delle scelte in economia, nel campo dell’istruzione e della ricerca che permettano di affrontare le sfide che i grandi cambiamenti tecnologici dei prossimi anni comporteranno, in modo che l’Italia sia nel gruppo di testa dei Paesi sia in termini di competitività economica che di giustizia sociale. La proposta politica descritta ha delineato, inoltre, una visione fortemente ancorata al protagonismo dell’Unione Europea nel mondo globale e come soggetto coordinatore e unificatore delle diverse politiche nazionali, superando l’attuale crisi con un suo rilancio.

Il comportamento tenuto ieri da Andrea Orlando ed il programma da lui presentato, oltre alla grande soddisfazione per l’alta partecipazione di cittadini e amministratori, ci hanno ancor più convinto della scelta di sostenere la sua candidatura a segretario del Partito democratico ed alla costituzione dei Comitati nel nostro territorio - conclude il comunicato stampa -.




Commenti