Angelo SenzaDio, il libro di Carmelo Musumeci. Le storie vere non piacciono, questa è una storia inventata

angelo-senzadio-libro-carmelo-musumeci-storie
COMO - Angelo SenzaDio, libro di Carmelo Musumeci (2017 Carmelo Musumeci Amazon Distribution Un progetto Acelum, 173 pagine). Non è un errore, il titolo è proprio Angelo SenzaDio tutto attaccato. Perché Lorenzo, il protagonista, è un ergastolano che ha deciso di allontanarsi da tutti, anche da Dio, per riuscire ad essere abbastanza forte da sopravvivere a quanto gli impone la sua pena.

Entrato in carcere per una rapina, diventa un assassino in carcere. Legittima difesa? Anche. Quello che accade in quelle mura non è sempre limpido, non sempre risponde alle leggi dei perché e dei come.

Scritto come una strana fiaba, con frasi brevi e serrate, Lorenzo, a un certo punto, incontra un Angelo. Un bellissimo Angelo donna che solo lui può sentire e vedere. Sa benissimo che è solo frutto della sua fantasia, eppure, in alcuni momenti, quell’Angelo pare davvero esserci.

Non è certo un Angelo con tutti i canoni! Anzi! A volte dice parolacce e arriva anche a prenderlo a pugni e a calci! 

Ma, forse, per farsi ascoltare da un SenzaDio, il guanto di velluto non darebbe molti risultati.

Lorenzo viene trasferito nel carcere delle scimmie, una prigione con soli 20 detenuti, i più cattivi, i più pericolosi. 

Ma qui, a quanto pare, ci sono cattivi che lo sono più dei cattivi: le guardie, infatti, organizzano eventi dove i detenuti devono battersi fra loro. Divisi in due squadre, li fanno lottare come animali, non importa se qualcuno di loro muore nei combattimenti: si sa, qualche incidente in carcere può sempre capitare.

Lorenzo, alla fine del libro, viene ferito a morte. Gli resta il suo Angelo e l’aver compreso che non è così cattivo come diceva di essere. 

Nella prefazione, Agnese Moro, scrive: “…Parla della possibilità di cambiare che ogni essere umano ha dentro di sé. E di quanto sia importante non essere mai lasciati soli”.

E proprio questo comprende il protagonista, dopo aver intrapreso un percorso di luce insieme al suo Angelo.

Carmelo Musumeci è detenuto dal 1991. Entrato in carcere con licenza elementare ne ha fatta di strada, conseguendo ben tre lauree. Ha già scritto diversi libri, tutti ambientati in carcere, con contributi, tra gli altri, di Erri De Luca e Margherita Hack.

Mi piace molto questa frase che mette proprio all’inizio del libro: “Le storie vere non piacciono mai, per questo scriverò che questa è una storia inventata”.





Commenti