La Liberazione dei giovani attori casertani, che fanno i nomi dei soldati caduti in tempo di pace

liberazione-giovani-attori-casertani-nomi
CASERTA - Sentinelle di Pace, forte emozione per lo spettacolo del Comune di Caserta in ricordo dei militari italiani impegnati quotidianamente nelle missioni di pace. Sentinelle di Pace è andato in scena martedì 25 aprile 2017, presso il Teatro Comunale di Caserta. Si può raccontare la pace? È questa la domanda che muove Sentinelle di Pace, lo spettacolo andato in scena il 25 aprile sera presso il Teatro Comunale «Costantino Parravano» di Caserta nell’ambito del Progetto Tradizione & Traduzione diretto da Patrizio Ranieri Ciu.

Sul palco i giovani attori de la Compagnia della Città accanto alla Fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi in uno spettacolo che affronta il delicato ed attualissimo tema del peacekeeping e onora il grande impegno dei militari italiani impegnati in missione di pace in tutto il mondo - riporta il comunicato stampa -.

Attori che raccontano la pace celebrando la creatività che alberga nei giovani ed il progresso che dona forza nuova alla società e che non può non essere figlio sia di quella serenità che dà ai poeti la delicatezza d’animo ed agli scienziati la tranquillità della ricerca. La pace presentata come missione quotidiana, quella stessa che vede impegnati i soldati italiani in tutto il mondo. Toccante il momento in cui i giovani artisti hanno scandito uno dopo l’altro i nomi di altri ragazzi come loro, quello dei soldati caduti in tempo di pace.

Il tema dello spettacolo si ritrova eccezionalmente nelle stesse parole del messaggio della senatrice Roberta Pinotti, ministra della Difesa, trasmesso in occasione del 72° anniversario della Liberazione – «è per questo che oggi rispondiamo sempre, con impegno e determinazione, quando la Comunità internazionale ci chiama a contribuire con le nostre donne e i nostri uomini, con le nostre risorse e le nostre capacità, per sostenere quei popoli che lottano contro regimi che non riconoscono e rispettano i fondamentali diritti umani» – sottolineando ancora una volta l’incredibile attualità degli argomenti affrontati dagli artisti de la Compagnia della Città.

Emozionante la partecipazione della Fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi che ha intonato l’Inno di Mameli in un incontro che ha aggregato tutti, artisti, pubblico, militari ed amministrazione comunale intorno ad un momento di ricordo e riflessione in memoria di quanti hanno sacrificato la propria vita per la salvaguardia della pace.

Commenti