Lo scrittore Antonio Pascale e il fotografo Antonio Biasiucci tra immagine, parola, realtà e narrazione

scrittore-antonio-pascale-fotografo-antonio-biasiucci
SAN TAMMARO - Dialoghi di Carditello Le Metamorfosi. Sabato 6 maggio 2017, ore 11. La terra trasfigurata. Dialogo tra un fotografo e uno scrittore con Antonio Biasiucci e Antonio Pascale. La Fondazione Real Sito di Carditello, presieduta dal professore Luigi Nicolais e diretta da Angela Tecce, presenta il quarto appuntamento di Dialoghi di Carditello_Le Metamorfosi, un ciclo di incontri realizzati in collaborazione con le associazioni Astrea, Sentimenti di Giustizia e A voce Alta, per approfondire i temi legati alla natura, al territorio e alla cultura.

Il quarto incontro sarà dedicato all’immagine e alla parola, tra realtà e narrazione. Osserveremo il mondo contadino, con i suoi ritmi, colto nei momenti di lavoro e di aggregazione, attraverso le fotografie di Antonio Biasiucci, tratte delle serie Pani, Vacche, Vapori, Impasto. 

Approfondiremo - riporta il comunicato stampa - il rapporto tra lo sguardo e la letteratura con una selezione di sei immagini che sono state alla base dell’educazione sentimentale di Antonio Pascale e scopriremo come gli elementi specifici del territorio casertano possano trasformarsi in materia narrativa.

Il tema dei Dialoghi è Le Metamorfosi, inteso come mutazione di forma o rivelazione di una forma originaria ma riposta. Collocate tra natura e artificio, scienza e mito, storia e arte, le metamorfosi si prestano a una riflessione ampia sui temi della forma, dell’abitare lo spazio e, soprattutto, della hybris, come dismisura, oltranza, arroganza di cui - per una legge di necessità - si finisce per subire il ritorno. Evidenti le implicazioni etico-politiche, o civili, se si vuole usare un lessico vichiano: anche la trasformazione violenta del paesaggio o le mutazioni antropologiche hanno a che fare con la metamorfosi.

Non ultima, tra i motivi ispiratori, la ricorrenza dei duemila anni della morte di Ovidio. Con lui, mediatore formidabile tra grecità e latinità, si celebra uno dei classici che più hanno inciso sulla memoria culturale dei moderni. 

Mutamento e territorio saranno il fulcro della proposta culturale anche degli altri appuntamenti, possibili grazie all’impegno organizzativo di Agenda 21 per Carditello e al supporto tecnico di Coldiretti Caserta.

Uno spazio sarà dedicato, di volta in volta, alla presentazione dei prodotti d’eccellenza del territorio.

Calendario dei prossimi Dialoghi di Carditello:

sabato 20 maggio, ore 11 - Atteone. Immagini di una colpa tragica, incontro con Gennaro Carillo, letture di Roberto De Francesco;

sabato 27 maggio, ore 11 - Cicatrici nella tua bellezza. Incontro con Suor Rita Giaretta e Monica Coretti. Conclusioni di Nadia Verdile.

submit to reddit





Commenti