Discriminazione, prostituzione, genitori e figli: nella profondità di Nicole Cascione e “Amira - Storia di una mezzosangue”



discriminazione-prostituzione-genitori-figli-nicole-cascione
BARI - “Amira - Storia di una mezzosangue”, libro di Nicole Cascione. Una ragazza dagli occhi chiari e dai capelli corvini si copre il volto con il suo velo rosso, il suo hijab, portatore di valori positivi nella calda città del Cairo, in Egitto, ma simbolo di guerra e sangue in Italia, a Bari, terra di origine di suo padre Lorenzo, morto durante violenti scontri civili nella città del Cairo.

Amira, questo il suo nome, dopo la scomparsa del suo amato genitore, decide di ripercorrere in maniera inversa il percorso compiuto da suo padre, decide quindi di voler conoscere le sue più intime radici e di trasferirsi a Bari, nella soleggiata Puglia. Qui si troverà a dovere affrontare l’intolleranza e la discriminazione.

Amira è una ingegnera e aspira alla serenità, alla condivisione della vita con un ragazzo che abbia la forza di superare la disapprovazione altrui, che non si vergogni del suo velo e delle sue preghiere quotidiane, che comprenda il significato del ramadan. Non tutti, purtroppo, scoprirà Amira durante il suo soggiorno a Bari, sapranno accettare la diversità e abbracciarla come portatrice di ricchezza.

Tra le pagine di “Amira - Storia di una mezzosangue”, scritto dalla giornalista Nicole Cascione ed edito da Les Flaneurs Edizioni, si intrecciano numerose tematiche, sopra tutte però quella della discriminazione, tema di grande attualità in questo periodo storico. Accanto a questo si affacciano altri temi: il fenomeno della prostituzione, il rapporto genitori - figli, la letteratura come portatrice di messaggi chiarificatori sulla vita e sugli ostacoli da superare, la fede musulmana spesso associata alla follia del terrorismo. Una serie di tematiche, quindi, che si intrecciano fra loro per dare vita ad una storia semplice che si pone l'obiettivo di mettersi dalla parte dell'altro, del diverso. 

“Amira – Storia di una mezzosangue” (Les Flaneurs Edizioni 2017) nelle principali librerie di Bari, come La Feltrinelli, Laterza e Quintiliano; online al seguente link:  HYPERLINK




Commenti