Pride Toscana 2017, Catia Del Furia: questi temi non sono affatto estranei all'Amministrazione di Sansepolcro



pride-toscana-catia-del-furia
SANSEPOLCRO - Vorrei esprimere tutta la mia personale riconoscenza al Partito democratico della Valtiberina che, in questi giorni, ha attenzionato - a mezzo social e financo per tramite di un'interrogazione consiliare - il tema del Pride Toscana 2017. Ringrazio il Pd perché, senza tutta questa attenzione, non avrei manifestato la gioia derivatami dall'avere partecipato a una civile manifestazione nata in difesa di principi indiscutibili e condivisibili che, troppo spesso, si prestano a facili strumentalizzazioni e appartenenze di comodo.

Ho partecipato in passato, da militante, a questa manifestazione. Ad Arezzo, sabato, ho partecipato come Istituzione, in veste di amministratrice del Comune di Sansepolcro che, la Giunta intera, ha investito di un ruolo di "rappresentanza".

Si è molto parlato di patrocinio. Nessun Comune della Valtiberina (anche a guida Pd) ha patrocinato l'iniziativa. Del resto nessuna richiesta ufficiale è mai giunta al protocollo del Comune ma, per niente al mondo, vorrei che - anche - quest'argomento fosse domani oggetto di strumentalizzazione.

La Città di Sansepolcro il 27 maggio 2017 c'era (unico Comune della valle bagnata dal Tevere) e non con un'adesione di forma ma di sostanza. L'Amministrazione sostiene tutte le battaglie per l'affermazione dei diritti e proprio la "trasversalità" più volte sottolineata - e che la contraddistingue, consente la condivisione e lascia piena libertà a tutti coloro che hanno scommesso in questo "civico" progetto di esprimersi.

Sabato ho avuto il piacere di conoscere tante realtà: la partecipazione è confronto, il patrocinio comoda adesione. In questi giorni ho avuto l'onore di condividere il mio sentire. Ai rappresentanti del Pride, a tutti i valtiberini che, privi di rappresentanza formale, ieri mi hanno ringraziato per la presenza istituzionale, al Pd che, provocando apertamente, mi ha invitato a rispondere, grazie di tutto cuore. Si ri-comincia proprio da qui, da queste contraddizioni e da questa insana ipocrisia, perché questi temi non sono affatto estranei all'Amministrazione che ho il piacere e l'onore di rappresentare.

Assessora Catia Del Furia




Commenti