La terra dei Lombrichi al Teatro Valli di Reggio Emilia, viaggio per adulti e bambini tra azioni ed emozioni



terra-lombrichi-teatro-valli-reggio-emilia
REGGIO EMILIA - Nei sotterranei del Teatro Valli, adulti e bambini con "La terra dei Lombrichi". Fondazione I Teatri e Reggionarra propongono venerdì 12 e sabato 13 maggio 2017 (ore 18,30 e 20,30) e sabato 14 maggio (ore 16,30 e 18,30), una narrazione sulla tragedia di Alcesti di Chiara Guidi/Socìetas -  una delle realtà più significative della scena teatrale internazionale.

Un viaggio tra azioni ed emozioni, toccando il tema della morte.

Un viaggio nei sotterranei del Teatro Municipale Valli, un'esperienza che coinvolgerà adulti e bambini.

La terra dei Lombrichi è un viaggio tra azioni e emozioni «toccando il tema della morte, ma non in modo diretto, univoco come è l'immagine che ci restituisce la tv, ma come esperienza, mettendo in moto l'attenzione sensoriale, per cui  su una barca che si lacera si trova pian piano un pensiero sulla morte proprio», spiega Chiara Guidi, la quale ha costruito lo spettacolo con il ‘metodo errante’ cioè coinvolgendo i bambini in quello che sanno, per arrivare a perlustrare ciò che è loro sconosciuto.”

I lombrichi ciechi e sordi, giorno dopo giorno, rivoltano e vagliano la terra. Dalle profondità del suolo, portando in superficie mucchietti di terriccio, sollevano il terreno, trasformano il paesaggio e seppelliscono, custodendoli, molti oggetti antichi. Essi ricoprono e proteggono permettendo, a ciò che è sepolto, di ritornare. Per incontrare i lombrichi occorre scavare ed entrare nella terra perché solo stando un po’ con loro è possibile comprendere bene il loro segreto. 

Oh! E’ un’impresa impossibile, perché nessuno può andare sotto terra, stare con i lombrichi e restare vivo! Occorre, allora, fare come Alcesti, diventare come lei, seguendo la sua storia così come ce la racconta Euripide, un poeta dell’antica Grecia. Alcesti, accettando di morire al posto del marito Admeto, scende nelle viscere della terra e poi, grazie all’aiuto di Eracle, risale in superficie lasciando i lombrichi alla loro infaticabile azione: andare sotto e poi risalire sopra… sotto… sopra… sottosopra…

…un movimento inestinguibile che illumina di speranza anche la tragedia.

Lo spettacolo, nato all’interno della riflessione tecnica sul teatro infantile chiamato Metodo errante - riporta ancora il comunicato stampa -, è una forma teatrale aperta, ha cioè bisogno dei bambini per comporsi e per compiersi. I bambini, guidati dalle figure della narrazione, entrano letteralmente dentro lo spazio dell’azione e determinano l’andamento della vicenda con le loro decisioni o con i loro interventi. Gli adulti che li accompagnano sono osservatori privilegiati dell'azione scenica. 

Venerdì 12, sabato 13 maggio ore 18.30 e 20.30 Domenica 14 maggio  ore 16.30 e ore 18.30 (Lunedì 8, martedì 9 e mercoledì 10 maggio riservato alle scuole) Sotterranei del Teatro Muncipale Valli. 

CHIARA GUIDI /SOCÌETAS La terra dei Lombrichi da Alcesti di Euripide ideazione e regia  Chiara Guidi Assistente alla Regia Chiara Savoia Tecniche Eugenio Resta e Vito Matera Costumi Carmen Castellucci Con Francesco Dell’Accio; e con Laura Ascari, Nicoletta Cappello, Davide Celona, Roberto Magnani, Samuel Mangoni. Ilaria Francesca Marchianò, Silvia Paterlini, Anna Laura Penna, Dalila Reas, Silvia Scotti, Elizangela Torricelli. Cura Stefania Lora, Elena de Pascale Produzione Societas.




Commenti