"Allotropi", mostra di Carla Rigato e Giorgio Trinciarelli, a cura di Adolfina De Stefani, critica di Barbara Codogno



venezia-allotropi-mostra-carla-rigato
VENEZIA - Carla Rigato e Giorgio Trinciarelli in Allotropi, mostra a cura di Adolfina De Stefani, presentazione e critica di Barbara Codogno. “Pur nella differenza semantica di espressione e di segno si scorge, nelle opere di Carla Rigato e di Giorgio Trinciarelli, una potenza espressiva che rimanda ai primordi energetici della creazione del mondo. Agli ALLOTROPI, dal greco Allos (altro) e Tropos (modo), i primi atomi rintracciati agli albori della vita e formati dallo stesso elemento chimico.

Così come in linguistica, gli allotropi vengono detti etimologici, perché riferiti a vocaboli di significato diverso o affine, che risalgono per vie differenti alla stessa forma originaria.

Carla Rigato, con peculiarità femminile, rintraccia l'origine. Il cominciamento del mondo appare grazie all'esplosione vitale degli elementi naturali. Mediante la potenza del colore  intravediamo forme energetiche e figure in embrione uscire dalla placenta dell'incerto, eppur potente amalgama. La vita è in nuce. 

L'“astrattismo” dell'autrice - riporta il comunicato stampa - ci dirige verso un figurativo appena percepito, astratto. Percepiamo chiaramente come dall'energia cosmica si faccia strada la vita. Rigato dipinge il momento decisivo: gli elementi, le particelle elementari, tutte le forze naturali si stanno concretamente avviluppando. Per dare origine al mondo.

Giorgio Trinciarelli, nel suo procedere - che è analitico, e quindi più rigoroso e razionale – ci parla anch'egli alla nascita del cosmo, con passo matematico e cerebrale. Le sue sculture, così come le sue chine, sono matrici modulari, codici genetici, figure tridimensionali che racchiudono il segreto chimico del cosmo. 

Giorgio Trinciarelli

Le opere di Trinciarelli possono definirsi al contempo “naturali” e “artificiali”, ricordano gli algoritmi matematici alla base della vita. Alcuni suoi lavori sembrano partire dalle forme dell'acido nucleico per approdare a geometrie celesti, metafisiche”.

Barbara Codogno

Carla Rigato. Nata a Padova, vive e lavora a Montegrotto Terme. Vantaun'intensa attività nazionale e internazionale, testimoniate dalla sua presenza in importanti mostre collettive e personali. L’arte di Carla Rigato è espressione del nostro tempo. Con passione, forza visionaria e linguaggio personale ha affrontato le principali fonti della pittura del Novecento, dall’Espressionismo all’Astrattismo, per coglierne gli aspetti che meglio traducono il senso di contemporaneità. La sua ricerca pittorica parte da queste basi alla conquista di un linguaggio nuovo, moderno, musicale, flessibile, contrassegnato da note coloristiche inconfondibili che ne stimolano una lettura unica. La ricerca stilistica di Carla Rigato si esprime attraverso la forza e l’energia, fermate per un istante sulla tela dal gesto pittorico per poi tornare a vibrare nello spazio dipinto. Il risultato sono opere senza spazio e senza tempo in totale libertà compositiva, pennellate dense e materiche: una memoria pregna di sensazioni, di emozioni, di suggestioni catturate e rimandate direttamente sulla tela dalla materia del colore.

Un colore a volte violento, drammatico, corrosivo, a volte morbido, lirico, melodico. Anche quando il linguaggio figurativo riappare è pur sempre trasfigurato dal colore, dalla libertà della pennellata, dall’intensità dell’emozione, dalla poetica dell’interiorità. La pittura di Carla Rigato è carne e respiro, è spirito e sangue, è fuoco aria terra e acqua: ogni tela mette a nudo la sua anima per donarci spazi di meditazione che invitano alla scoperta delle profondità dell’essere.

Giorgio Trinciarelli. Nato a Volterra (PI) nel 1958, dal 1959 vive a Mestre dove lavora come medico psichiatra. Inizia a praticare la scultura all’età di  17 anni. 


Il segno e la materia sono il filo conduttore da sempre presente nelle sue opere. Le sue opere si dividono in due grandi gruppi: Segni e Suture. I “Segni” rappresentano il corpo delle opere, l’essenza, l’aspetto più intimo, il filo conduttore. Sono segni che nascono nella massima libertà e si sviluppano per logiche formali. Le “Suture” risentono del dramma sociale e psicologico che l'autore  intercetta nel suo lavoro di psichiatra, delle lacerazioni del connettivo sociale. Nelle suture il segno si fa più violento, più drammatico e il polistirolo e la ceramica raku sono il luogo più adatto ad accogliere questa energia. Le suture trovano poi  nelle acqueforti, nelle chine e negli acrilici un loro naturale luogo di maturazione e di sviluppo. 

L'autore predilige, nell'ambito di questa esposizione, alcuni precisi materiali a partire dall'alabastro che è, insieme al ferro, uno dei primi materiali che ha utilizzato per le sculture. Rappresenta il legame con la terra di origine. L’alabastro, per la sua morbidezza, si presta particolarmente ad una lavorazione duttile e varia, di cui all'artista piace esaltare l’essenza, data dalle venature, trasparenze e opacità naturali. L'autore lavora inoltre il bronzo, brunito, satinato, lucido od ossidato:  un materiale che, a seconda del punto di osservazione, dialoga sempre con la luce. Il polistirolo, in particolare quello nero, è una scoperta relativamente recente dell'artista. Poco utilizzato in scultura, è per l'artista fonte di continue scoperte. Pur considerandosi sostanzialmente uno scultore, Trinciarelli ha sempre dipinto, soprattutto chine, acrilici e acquerelli. La china con il suo nero profondo e luminoso permette all'autore l’invenzione e la sperimentazione di segni grafici.

Da anni attiva nella compagine dell'arte contemporanea sia come artista che come curatrice, Adolfina De Stefani, coadiuvata dall'Associazione Culturale “cittadellarte” ha intrapreso una nuova importante avventura che direziona il raggio del suo intervento organizzativo e creativo nel cuore di Venezia, occupando gli spazi espositivi della Galleria L'Oleandro Rosa in San Marco 1958, Calle de la Fenice. Nasce Cittadellarte che, da aprile a novembre, seguendo il calendario della Biennale d'Arte di Venezia, proporrà al pubblico una serie di ricognizioni artistiche riunite sotto l'egida della mirabilia delle Wunderkammer. 

In Galleria anche opere di: Adolfina De Stefani; Franz Chi, Manu Brunello, Nelli Cordioli e Andrea Tagliapietra. Wunderkammer DUE A cura di Adolfina De Stefani 14 MAGGIO - 4 giugno  2017. Inaugurazione sabato 13 maggio 2017 ore 20 Presentazione e critica di Barbara Codogno. Orari apertura galleria: Mercoledì - Domenica ore 15,30 - 20 Lunedì e Martedì chiuso.




Commenti