La cantante romana Fabiana Rosciglione rivisita in chiave inedita Isn't she lovely, cult di Stevie Wonder

cantante-fabiana-rosciglione-chiave-inedita
Fabiana Rosciglione
ROMA - Fabiana Rosciglione esce il 29 giugno 2017 col video di "Isn't she lovely". La cantante romana rivisita in chiave inedita uno dei brani cult di Stevie Wonder. Il singolo anticipa l’uscita dell’album “Remembering”. Il 29 giugno esce il singolo “Isn’t she lovely”, su etichetta Carpe Diem e distribuito da Artist First, in contemporanea con la pubblicazione del videoclip diretto da Gabriele Rosciglione.

Il singolo è stato prodotto e arrangiato da Enrico Solazzo e missato da Eugenio Vatta. Al basso Dario Rosciglione, fratello di Fabiana che proviene da una famiglia di apprezzati musicisti: il padre Giorgio Rosciglione e i fratelli Michael e Dario sono contrabbassisti assai noti nel panorama del jazz italiano e internazionale, mentre il nipote Gabriele che firma la regia del videoclip di Isn’t she lovely è conosciuto ai più come Kaligola, giovane rapper che ha preso parte al Festival di Sanremo 2015, vincendo il prestigioso Premio Bardotti.

“Isn’t she lovely” – racconta Fabiana - è stata una scelta condivisa insieme ad Enrico Solazzo, il mio compagno di vita e di lavoro, perché entrambi amiamo da sempre Stevie Wonder.

Proponendo in chiave inedita questo favoloso artista, abbiamo voluto fargli un omaggio originale, diverso da una normale cover, andando controcorrente rispetto al genere musicale che si ascolta in questo periodo.

E’ una sorta di ringraziamento per il patrimonio artistico che ci ha donato e continuerà a donarci Stevie Wonder”.

“Isn’t she lovely” farà parte di un progetto discografico di prossima uscita, dal titolo “Remembering”, un album che raccoglie alcune delle canzoni più belle della storia della musica di tutto il mondo.

Brani celebri e indimenticabili, da Bacarach a Charlie Chaplin, da Jobim ai Beatles, melodie rivisitate con pathos e ricercatezza, grazie alla produzione e agli arrangiamenti originali di Enrico Solazzo.

Fabiana Rosciglione proviene da una famiglia di artisti ed è cresciuta respirando musica fin da piccola. Il padre Giorgio Rosciglione, considerato una colonna portante del jazz italiano, con un carriera di oltre cinquant’anni di cui venti da primo contrabbasso dell'orchestra di Musica leggera della Rai, vanta prestigiose collaborazioni con i più grandi esponenti del jazz internazionale e ha preso parte alle più importanti colonne sonore composte da Ennio Morricone, Piero Piccioni, Nino Rota e molti altri.

I fratelli Dario e Michel anche loro contrabbassisti, seguono le orme del padre vantando anche loro collaborazioni con artisti di fama mondiale.

Cantante versatile, Fabiana ha cominciato molto giovane collaborando in diverse produzioni pop per poi intraprendere la carriera nel mondo del jazz.

Si è esibita, sia in Italia sia all’estero, assieme ai nomi più importanti del jazz italiano ed internazionale come Greg Hutchinson, Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Bobby Durham, Robben Ford, Dario Rosciglione, Giorgio Rosciglione, Michel Rosciglione Domenico Sanna, Gegè Munari, Massimo Faraò, Nicola Angelucci, Massimo D’Avola, Paolo Recchia, Guido Pistocchi, Amedeo Ariano, Sandro Deidda, Pietro Lussu, Vincent Frade, Rosario Giuliani, Shawnn Monteiro, Max Ionata, Riccardo Biseo, David Sauzay, Baptiste Trotignon, Vincent Bourgeyx, Tollak Ollestad, Paolo Alderighi, Nicola Stilo, e molti altri.

Partecipa a diversi Festivals Jazz tra i quali Umbria, Jazz, Elba jazz, Lucca Jazz Donna e molti altri.

Nel 2004 esce l’album “Jazbeat” distribuito dalla etichetta francese Nocturne distribuito in tutto il mondo. La band fondata da Dario Rosciglione fu tra le prime a dare vita al genere musicale Electro-Swing.

Sempre nel 2004 esce l’album come solista “The dream of love” dove interpreta brani be-bop, swing.

Per 2 anni insieme alla Band Jazzbit ha accompagnato l’artista Giorgio Panariello, nello show radiofonico in onda su RTL “Ogni maledetta domenica” ed in seguito nel tour teatrale italiano invernale ed estivo “Panariello non esiste” che ha fatto tappa nei più importanti teatri e palasport italiani.

Nel 2013 esce l’album prodotto da Nicola Bulgari Jazz Collection vol.1. Sempre nel 2013 si trasferisce per un anno a Los Angeles dove avrà modo di collaborare con diversi musicisti del luogo.

Ha collaborato come background vocal in diverse produzioni discografiche, fra le quali nell’ultimo album Eklektik, di Antoniò Faraò.

submit to reddit





Commenti