Keytruda, farmaco rivoluzionario per la terapia del cancro. Laura Fasiolo: subito sulla Gazzetta Ufficiale



keytruda-farmaco-terapia-cancro-laura-fasiolo
Laura Fasiolo
ROMA - Il 15 giugno 2017 ho presentato un'interrogazione per chiedere alla ministra della Salute di provvedere alla rapida pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della delibera dell’Aifa, al fine di rendere disponibile il "Keytruda", un farmaco rivoluzionario per la terapia di alcuni tipi di cancro. Di seguito ne riporto il testo.

INTERROGAZIONE ORALE Al Ministro della Salute

Premesso che:

nelle scorse settimane è stato dato ampio risalto dai media alla notizia dell’approvazione da parte dell’AIFA ( Agenzia Italiana del Farmaco) di un nuovo immunoterapico che rivoluzionerebbe la terapia in alcuni tipi di cancro, in particolare in alcune forme di cancro al polmone, sia in prima che in seconda linea;

rilevato che:

il 19 maggio scorso il Consiglio di Amministrazione dell’AIFA ha ratificato con delibera l'autorizzazione all’ammissione alla rimborsabilità del medicinale Keytruda (principio attivo pembrolizumab) per il trattamento del carcinoma polmonare avanzato non a piccole cellule, sia in prima che in seconda linea;

in tal modo il Servizio Sanitario Nazionale renderà così disponibile, anche in prima linea, l’opzione terapeutica immuno-oncologica per il trattamento del carcinoma polmonare, una neoplasia che colpisce oltre 41.000 persone ogni anno in Italia;

per rendere effettivamente disponibile tale opzione terapeutica è necessario un passaggio formale, ovvero la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della delibera della delibera già adottata dall’Aifa;
rilevato, inoltre, che:

con determina del Direttore Generale dell’AIFA del 30 novembre 2016, il citato farmaco “Keytruda” era stato classificato tra i farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilità, mentre nei mesi scorsi la Commissione Europea ha approvato la commercializzazione del predetto farmaco su tutto il territorio dell’Unione Europea;

considerato che:

il predetto farmaco rappresenta una “rivoluzione" nel trattamento e nella cura di molte neoplasie, e alla luce dei  risultati ottenuti,   costituisce una forte e concreta speranza di vita per moltissimi pazienti  italiani, altrimenti costretti a sopportare costi individuali ingentissimi per poter continuare a vivere (il costo di somministrazione si aggira tra gli 8.000 ed i 12.000 € ogni tre settimane);

per sapere dal Ministro interrogato:

quali siano i motivi per cui la delibera AIFA in questione non è stata ancora pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale;

se non ritenga di doversi attivare con la massima urgenza per rendere concretamente disponibile in tempi brevissimi  il predetto farmaco in capo al Servizio Sanitario Nazionale, atteso che la concreta fruibilità dello stesso da parte dei malati oncologici è attualmente bloccata dalla mancata pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della delibera già  adottata da oltre venti giorni dall’AIFA, dopo, tra l’altro,  l’ampia pubblicità che è stata data alla  “rivoluzione terapeutica” nel trattamento e nella cura di molte neoplasie , alimentando in tal modo  le speranze di vita dei malati e delle loro famiglie;

quali misure intenda eventualmente adottare per garantire la concreta, adeguata disponibilità del predetto farmaco da parte del SSN e di quelli regionali a favore di tutti i malati interessati, affinché le loro attese e speranze non siano mortificate da ulteriori ritardi;

se, in attesa della pubblicazione, il farmaco possa essere erogato per via "compassionevole".

Senatrice Laura Fasiolo

Componente della 9a Commissione permanente Agricoltura e produzione agroalimentare
Componente della Commissione d'inchiesta sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali
Componente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere
Componente del Comitato parlamentare Schengen, Europol e immigrazione
Componente supplente della 7a Commissione permanente Istruzione pubblica, beni culturali




Commenti