Dead zone. Come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la sopravvivenza delle specie



dead-zone-allevamenti-intensivi-specie
GROSSETO - Ecco i 18 libri che saranno presentati a Festambiente. Tra gli argomenti principali la natura, lo sport, le tradizioni maremmane e le proteste sociali. Il 14 agosto 2017 saranno regalati libri usati destinati al macero in occasione della notte bianca dedicata alla lettura. Tra le novità dell’edizione 2017 di Festambiente c’è sicuramente lo spazio dedicato alla cultura.

Il programma delle presentazioni dei libri non solo è aumentato rispetto agli altri anni ma anche integrato con reading e iniziative per favorire la lettura. Ci sarà anche una delle notti bianche, quella di lunedì 14 agosto, dedicata proprio alla “lettura” con iniziative mirate fino a notte fonda.

Tra i 18 libri che saranno presentati c’è Dead zone. Come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la sopravvivenza delle specie, di Philip Lymbery. Ci sono poi quelli dedicati alla natura e agli alberi come Non siamo che alberi, di Filippo Ferrantini, o La terapia degli alberi, di Marco Mencagli e Marco Nieri. Presenti anche novità letterarie di autori molto conosciuti in Maremma e in Toscana: Sordomutuo: come diventare il più grande scrittore del tuo condominio, di Alessandro Angeli, secondo libro della trilogia tragicomica dedicata alla sua vita, oppure Parole senza capo né coda, dell’intramontabile Luciana Bellini, alle prese con domande e riflessioni a tutto tondo. Non mancheranno i libri sportivi su tematiche importanti come l’immigrazione o la democrazia. La libertà è un colpo di tacco, di Riccardo Lorenzetti, racconta la nascita della Democracia Corinthiana nel Brasile di Socrates, mentre Dallo scudetto ad Auschwitz, di Matteo Marani, racconta la vita dell’allenatore ebreo Arpad Weisz, vincitore di tre scudetti con Inter e Bologna, che fu ucciso nelle camere a gas di Auschwitz insieme alla famiglia. E poi le letture in compagnia delle libraie di Madamadoré.


Lunedì 14 agosto, per la notte bianca dedicata alla lettura, saranno regalati libri usati (romanzi, romanzi per bambini e manuali) nella Piazza dell’Economia civile: per avere un libro basterà compilare una scheda con nome, cognome e mail. L’iniziativa, organizzata da Festambiente in collaborazione con la Biblioteca Chelliana, ha il doppio obiettivo di salvare libri dal macero e di favorire la lettura.

Ecco il programma completo:

Venerdì 4 agosto

ore 19,15 Tramonti nell’uliveto – Il silenzio coprì le sue tracce, di Matteo Caccia.

Ore 20,30 Piazza Economia civile – La morte viene dal passato – Nubi scarlatte, di Carlo Legaluppi. Ne parla con l’autore la giornalista Sara Landi.

Ore 21 Auditorium – Contro canto. Le culture della protesta dal canto sociale al rap, di Antonio Fanelli.

Lunedì 7 agosto

ore 18 Auditorium – Natura dentro, di Arianna Papini.

ore 19 Casa ecologica – Non siamo che alberi, di Filippo Ferrantini.

ore 19 Auditorium – Cari estinti, di Arianna Papini.

Martedì 8 agosto

ore 19,15 Tramonti nell’uliveto – Ci scusiamo per il disagio, di Roberta Lepri. Partecipa l’editore Marcello Baraghini.

ore 21 Casa ecologica – La terapia segreta degli alberi, di Marco Mencagli e Marco Nieri. Presenta Nunzio Gabriele D’Apolito, educatore ambientale Legambiente.

Mercoledì 9 agosto

ore 18,30 Padiglione del turismo sostenibile – Dead zone. Come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la sopravvivenza delle specie, di Philip Lymbery. Avete mai pensato agli allevamenti intensivi come la causa dell’estinzione degli animali selvatici sul pianeta?

Giovedì 10 agosto

Ore 21 Auditorium - La libertà è un colpo di tacco, di Riccardo Lorenzetti.  La libertà a volte arriva anche grazie a un colpo di tacco. Lo stesso con il quale il grande Socrates, “O Doutor”, lanciò la famosa Democracia Corinthiana che contribuì a dare la spallata decisiva alla dittatura militare brasiliana. Introduce Marco Bigozzi Legambiente.

Venerdì 11 agosto

ore 18,30 Auditorium – Il mio primo grande libro sugli uccelli, di Francesco Barberini aspirante ornitologo di 9 anni e autore del libro.

ore 19,15 Tramonti nell’uliveto – Fondazione Luciano Bianciardi presenta Qualcosa, là fuori di Bruno Arpaia. Ne parla insieme all’autore il giornalista Stefano Adami. Introduce Massimiliano Marcucci, Fondazione Luciano Bianciardi.

Ore 20,30 Piazza Economia civile – Arrendersi mai, di Riccardo Parenti.

ore 21 Auditorium - Dallo scudetto ad Aushwitz: storia di Arpad Weitz, allenatore ebreo, di Matteo Marani vicedirettore Sky Sport. Una storia di calcio e di vita, cancellata dall’orrore del nazismo e riportata alla luce dal grande lavoro di Marani. La storia vera di Arpad, allenatore ebreo vincitore di 3 scudetti con Inter e Bologna, tra il 1930 e il 1938, ucciso ad Auschwitz con la famiglia. Coordina Lorenzo Falconi, giornalista di Radio Sportiva. Partecipano l’autore e Stefano Ciafani direttore nazionale Legambiente.

Sabato 12 agosto

ore 19,15 Tramonti nell’uliveto – Quando c’era LVI, di Stefano Antonucci, Daniele Fabbri, Mario Perrotta. Sono pochi gli uomini che con le loro imprese hanno segnato il corso della Storia, ma cosa succede quando la Storia ti riporta in vita e ti chiede il bis?

Domenica 13 agosto

ore 19 Tramonti nell’uliveto – Sordomutuo: come diventare il più grande scrittore del tuo condominio, di Alessandro Angeli. Pur di riuscire a ritagliarsi uno spazio per scrivere il protagonista, un aspirante scrittore alle prese con gravosi impegni familiari, sopporterà l’indicibile, tanto da far cadere in picchiata le sue difese immunitarie. Partecipano, oltre all’autore, l’editore Marcello Baraghini, il musicista Andrea Rocchi e il poeta Luca Bonelli. Coordina Marco Bigozzi Legambiente.

Lunedì 14 agosto

ore 00,00 Piazza Economia civile - Parole senza capo né coda, di Luciana Bellini. Si parla del più e del meno. Riflessioni, domande e punti di domanda. Divagazioni dentro e fuori tema. Si discute, ci s’accolora, si sbraita sulle tematiche di sempre. È un ragionà terra terra: so’ commenti da bar, pettegolezzi via fésbuc.

Martedì 15 agosto

Ore 18 Auditorium - Piggasus e il pianeta vegAMO, di Mariù Mengoni.



Commenti