Ernest Hemingway, il suo amore per il gioco, la love story con Marylin Monroe dalla voce di Pierfranco Bruni

ernest-hemingway-amore-gioco-love-story
Pierfranco Bruni
ROMA - Pierfranco Bruni realizza dei Docu Video su Ernest Hemingway con un originalissimo “Improvvisando sul mio Ernest”. Un confronto antico che lega vita e letteratura. Pierfranco Bruni si confronta con Ernest Hemingway attraverso il suo itinerario letterario, e in particolare con “Il vecchio e il mare” e “Festa mobile” e con la geografia ispano americana.

Infatti è vivere Hemingway con il cuore e con l'anima, è questo che propone Pierfranco Bruni in un affascinante viaggio onirico che, attraversando la vita del famoso scrittore statunitense, ci fa immergere in importanti considerazioni di carattere filosofico-letterario.  

Recentemente ha già realizzato due Video – Docu dal titolo: “Il mio Ernest e il viaggio accanto” e “Improvvisamente Ernest”.

Bruni ricrea un incontro immaginario con la musa ispiratrice di Luigi Pirandello, la giovane attrice Marta Abba, incontro che gli dà l'opportunità di avviare una appassionante riflessione sul teatro e sull'esistenza, finzione e realtà che si intrecciano nel labirinto della vita. 

Gli aspetti esistenziali di Hemingway, l'amore per il gioco, i suoi molti amori, la sua love story con Marylin Monroe, lo spensierato periodo parigino dal quale nascerà uno dei suoi capolavori letterari, "Festa mobile", vengono recitati da un Pierfranco Bruni calamitizzante che continua a stupire per la sua eccellente qualità di improvvisatore, profonda conoscenza letteraria e per la sua straordinaria sensibilità d'animo. Una miscela di grande suggestione emozionale. 

A fare da scenario alla sua avvincente "improvvisazione recitata" le incantevoli immagini delle spiagge della Florida, di Miami, Key West, Cuba, Avana. Visioni paradisiache che si vanno a fondere ai seducenti scenari paesaggistici siciliani che hanno dato i natali a Luigi Pirandello. 

Ambientazioni in cui il mare rappresenta l'archetipo del mito e il simbolo di un'antropologia dell'esistenza. 

In questo coinvolgente contributo di Pierfranco Bruni i due scrittori, che rappresentano l'oceano e il Mediterraneo, convivono e condividono le stesse esperienze di vita tra cui il viaggiare che è un navigare attraverso le rotte impervie della propria esistenza alla ricerca del senso della vita. 

Il rapporto con la vita e con la morte, morte che vince sulla vita, costituiscono aspetti esistenziali che hanno unito tre grandi della letteratura tanto amati da Bruni: Hemingway, Pirandello e Cesare Pavese. 

Autori che hanno cercato di scrivere il finale della propria vita. 

Ricercatori battuti e vinti di un'esistenza della quale non sono riusciti a penetrarne il significato. 

Significato e senso che Pierfranco Bruni ritrova nell'amore e nell'indagine metafisica della letteratura intesa e vissuta come incipit ed explicit del nostro intero percorso esistenziale.

submit to reddit





Commenti