Oney Tapia, atleta paralimpico vincitore di "Ballando con le Stelle”, balla Zumba con Beto Perez

MILANO - Oney Tapia e Daddy Yankee ospiti d'onore alla convention annuale di Zumba. Il campione paralimpico italiano d’adozione e vincitore di “Ballando con le Stelle” continua a incantare il popolo di Zumba. Sul palco di Orlando (Usa) anche l’artista internazionale del momento, Daddy Yankee. Giunta ormai alla sua decima edizione, anche quest’anno la Convention (ZINCON) annuale di Zumba, si è confermata un grande successo registrando il sold out da diversi giorni.

oney-tapia-atleta-paralimpico-zumba
Sul palco di Orlando (Florida) a fare ballare migliaia di persone, anche un italiano d’adozione: Oney Tapia, l’atleta paralimpico vincitore dell’ultima edizione del programma “Ballando con le Stelle”. Oney ha ballato Zumba insieme a Beto Perez, il creatore del programma che ha rivoluzionato il mondo del fitness, sulle note di “Bailalo” (di Armando & Heidi).

Il feeling tra i due è nato durante l’ultima edizione del Rimini Wellness,  durante la quale l’atleta ha esordito nel colorato mondo di Zumba. Due personaggi dal grande carisma, sangue latino e passione per la danza: un mix esplosivo che dato vita a una performance indimenticabile per le migliaia di persone che hanno seguito passo passo i movimenti di Oney e Beto.


Dal 27 al 30 luglio 2017 sono stati molti gli artisti che si sono esibiti per i 7.500 istruttori di Zumba arrivati a Orlando da 99 Paesi (tra cui anche l’Italia). Attesissima è stata la performance dell’artista portoricano che impazza da mesi con il tormentone “Despacito”. Daddy Yankee ha iniziato una collaborazione con Zumba da diverso tempo, e venerdì ha scaldato la folla con i brani che fanno scatenare le classi di Zumba di tutto il mondo: “Hula hoop”, “Shaky shaky”e “Firehouse”.

La Zumba Instructor Convention è un ritrovo per gli istruttori di Zumba che vogliono avvicinarsi ancora di più a questa grande famiglia. La quattro giorni è stata un susseguirsi di master class delle varie specialty tra cui la nuova STRONG by Zumba, training, seminari, eventi e party. L’attesissimo evento si è aperto giovedì mattina con un kick off di tutto rispetto, che ha ospitato personaggi televisivi come Mario Lopez, che già aveva mostrato la sua passione per il programma di fitness cimentandosi addirittura con la First Lady Michelle Obama. 


“Ho iniziato la mia esperienza con Zumba lo scorso giugno al Rimini Wellness, e ora mi trovo qui, sul palco per eccellenza per tutti gli appassionati di questo programma di fitness. Sono volato dall’altra parte dell’oceano per continuare il mio progetto di dimostrare che tutto si può fare, se lo si vuole. Beto mi ha dato la possibilità di lanciare il mio messaggio anche da un palco così importante. Il popolo di Zumba parla la mia stessa lingua, fatta di passione, dedizione, coraggio, allegria e positività”, ha dichiarato Oney Tapia.

A proposito di Zumba Fitness, LLC

Fondata nel 2001, Zumba è la più grande azienda di fitness al mondo – può contare su oltre 15 milioni di partecipanti a settimana, in 200.000 location, in 186 Paesi. Noto come “esercizio travestito”, Zumba unisce i ritmi contagiosi a coreografie facili da eseguire, per un allenamento efficace e completo che si vive come un’occasione di festa più che come un esercizio fisico. In aggiunta al suo programma originale Zumba, l’azienda offre 10 tipologie di specialità Zumba -- da quella che si esegue in acqua ad altre specificamente studiate per persone meno giovani e per bambini. Nel 2016 Zumba ha lanciato il suo primo allenamento HIIT non ballato, chiamato STRONG by Zumba, che si basa sulla motivazione indotta dalla musica sincronizzata. Il lifestyle Zumba si completa con la numerosa offerta di prodotti consumer, tra cui DVD, video game, brani originali, abbigliamento sportivo e scarpe, linee di bevande nutrizionali come "Zumba Shake Shake Shake", ed eventi interattivi come Fitness-Concert. Per ulteriori informazioni sui programmi e sui prodotti Zumba o per trovare un corso, visita zumba.com. Visita il blog ZLife e seguici su Facebook, Twitter e Instagram.




Commenti