Rievocazione storica dell'Aita a Urbino, la città rivive come nel Quattrocento

URBINO - Associazione Ars Urbino Ducale in collaborazione con Città di Urbino con il patrocinio di Regione Marche presenta XXXVI edizione Festa del Duca, 14 agosto 2017, Urbino. La grande rievocazione storica dell'Aita, attività riconosciuta dal MiBACT tra i quindici giochi storici più prestigiosi d'Italia, farà rivivere uno dei momenti più cruenti della corte.

rievocazione-storica-aita-urbino-quattrocento
Il centro storico si animerà come nel Quattrocento con le attività di corte, mercati, giullari, menestrelli, marionette, danze, musiche e locande rinascimentali. E poi ancora laboratori di tiro con balestra e arco, tiro degli stoppacci e fionda per adulti e bambini, "L’artista e la sua bottega" per apprendere la pittura all’uovo a cura della maestra Monica Ugoccioni (soprallogge di Palazzo Ducale) e l'apertura delle mostre all'Orto Botanico “Fibre tessili nella storia: dal Rinascimento alla metà del ‘900” a cura di Pietro Barsotti e Flavio di Paoli e “I colori ritrovati” di Alessandra Ubaldi e Massimo Baldini. 

Alle 11 Palazzo Ducale aprirà le sue sale per gli aperitivi poetici, in cui sorseggiare ippocrasso ascoltando la "Vita Nova” di Dante decantata da Claudio Tombini e musiche di Paolo Cerboni Bacardi - riporta il comunicato stampa -.  

Grande attesa per l'Aita, gara riconosciuta dal MiBACT tra i quindici giochi storici più prestigiosi d'Italia. Urbino rivivrà così uno dei momenti più apprezzati della corte, quando la Legione Metaurense faceva mostra della propria forza e impeto nei momenti di non belligeranza del ducato. 


La benedizione delle bandiere sulla scalinata del Duomo (20.45) annuncerà il momento più virulento della Festa. 

Chi tra i valorosi Turchini, la squadra dei nobili, e gli agguerriti Gialli popolani avrà la meglio e trionferà nell’Arena di Borgo Mercatale, sotto i torricini del Laurana? A presiedere la sfida Massimo Giovannelli, per 37 volte capitano della Nazionale italiana di rugby che premierà anche la formazione vincitrice.

Decretata la squadra più impavida e abile, i vincitori verranno portati in trionfo dalla parata finale e festeggiati con un tripudio di fuochi d'artificio rinascimentali, dando così appuntamento alla prossima edizione della Festa.

Gli accessi al centro storico saranno regolati da biglietto giornaliero (ore 10 - 22) che permetterà di assistere a tutti gli spettacoli musicali e itineranti, le rievocazioni e i tornei storici e al grande gioco dell’Aita. Lo stesso biglietto offre l'ingresso ridotto agli Oratori di San Giovanni o di San Giuseppe, al Museo Bella Gerit, presso la Fortezza Albornoz, alla Casa natale di Raffaello, alla Galleria Azionale delle Marche - Mostra Rinascimento Segreto.

RICERCHE CORRELATE






Commenti