Pierfranco Bruni cacciatore di emozioni e magia in un percorso satirico-lirico di alto valore letterario



Pierfranco Bruni
ROMA - In una importante iniziativa Pierfranco Bruni sfida i poeti e gli scrittori “accademici” in una sferzante Cartella in versi nel gioco del farsesco. Ti cercherò altrove per non morire negli oblii leopardiani e montaliani è il provocatorio canto di Pierfranco Bruni che si eleva sul cielo della poesia smarrita e vagheggiata, aggirandosi errante tra gli anfratti nebulosi e melanconici delle liriche montaliane e leopardiane.

Una ricerca spasmodica compiuta con sagace umorismo e spassosa irriverenza tra i simboli peculiari dei grandi autori rievocati mediante la poetica farsesca di un Pierfranco Bruni “cacciatore” di emozioni e magia all’interno di un percorso satirico-lirico di alto valore letterario.

Indirizzata anche alle scuole di ogni ordine e grado per “giocare” con i linguaggi poetici.

Il senso poetico della Meraviglia viene ironicamente “seppellito” negli ossi di seppia, per poi ricercarlo con disillusa consapevolezza tra il profumo delle ginestre e gli irti colli, tra il bove pio innamorato e le donzellette in festa, tra le città invisibili e nel mercato degli almanacchi.

Nemmeno  il sommo poeta viene graziato dalla frizzante ironia di Pierfranco Bruni che si addentra tra le pieghe esistenziali di una tradizione lirica dalla quale prende sempre più canzonatamente le distanze. Una indagine a tratti malinconica che riemerge dalle onde del “mare di Calipso” e le palme dove nidificano le aquile. Immagini pascoliane in cui convivono nostalgie e oniriche realtà.

Il canto bruniano, dopo aver oltrepassato vissuti poetici avvertiti, provocatoriamente, come anacronistici, trova il suo felice approdo tra le terre di Lesbo e del Sacramento, in un appagante auspicato ricongiungimento poetico.

Leopardi, Montale, Carducci, Calvino diventano i degni avversari di un modello poetico di grande singolarità e creatività magistralmente incarnato, secondo Bruni, da Pascoli, Saffo e Francesco Jovine.

Un parodistico viaggio nella dimensione onirica della poesia alla ricerca della vera essenza, quello compiuto da un sorprendente Pierfranco Bruni scopritore di preziosità esistenziali e metafisiche attraverso il sapore autentico dell’ironia.

Le creazioni grafiche della CARTELLA poetica di Pierfranco Bruni dal titolo “TI CERCHERÒ ALTROVE” sono state realizzate da Stefania Romito (OPHELIA’S FRIENDS CULTURAL PROJECTS) che ha saputo trasporre visivamente l’autenticità espressiva della poesia farsesca di Pierfranco Bruni senza contaminarne l’alto messaggio poetico-esistenziale.

Particolarmente suggestiva è la quarta di copertina, simbolo della poesia smarrita incarnata da un Bruni “disorientato spettatore” del circo caricaturizzato della tradizione poetica.

RICERCHE CORRELATE

Presentato il Franco Califano di Pierfranco Bruni, duettare affascinante tra l’autore e Marilena Cavallo

Luigi Pirandello tra il mondo islamico e la grecità negli 80 anni dalla morte. Lezione Magistrale di Pierfranco Bruni

A Cosenza Pierfranco Bruni propone una stimolante interpretazione del Novecento letterario. Leggere Pirandello


Commenti