ARTICOLI FIRMATI    CRONACA    CULTURA     OPINIONI    SPETTACOLO    SPORT

giovedì 25 aprile 2019

Cinema indipendente che passa da Torino (TorinoFilmLab) protagonista con 4 film al Festival di Cannes

TORINO - Dopo l’annuncio della selezione di Port Authority dell’esordiente Danielle Lessovitz nella prestigiosa sezione Un Certain Regard, il Festival di Cannes ha rivelato la presenza di ben 3 film targati TorinoFilmLab alla Semaine de la Critique e alla Quinzaine des Réalisateurs.

Abou Leila e Litigante alla Semaine de la Critique.

Abou Leila, film d’esordio del regista algerino Amin Sidi-Boumédiène, è uno dei 7 film selezionati nella Competizione Ufficiale della 58a Settimana della Critica (15-23 maggio 2019). Sviluppato dal regista insieme alle produttrici francesi Claire Charles-Gervais e Louise Bellicaud all’interno del programma Tfl FeatureLab 2017, il film è il risultato di una co-produzione tra Thala Films (Algeria) e In Vivo Films (Francia).

Ambientato nell’Algeria del 1994, sconvolta dalla guerra civile, Abou Leila racconta la storia di S. e Lotfi, due amici d’infanzia che attraversano il deserto alla ricerca di un pericoloso terrorista in fuga.

Ma più i due si addentrano nel deserto, più saranno costretti a confrontarsi con la loro stessa violenza.

Il TorinoFilmLab si riconferma dunque come una presenza tradizionale nella Competizione della Semaine de la Critique, vinta lo scorso anno da Diamantino di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt, film sviluppato all’interno del programma FeatureLab 2013.

Cinema indipendente che passa da Torino (TorinoFilmLab) protagonista con 4 film al Festival di Cannes.

Litigante, opera seconda del colombiano Franco Lolli dopo Gente de bien (Semaine de la Critique 2014), sarà invece il film d’apertura della sezione Special Screenings. Co-prodotto da Les Films du Worso (Francia), Srab Films (Francia) e dallo stesso Lolli per Evidencia Films (Colombia), la pellicola è stata anch’essa sviluppata all’interno del programma Tfl FeatureLab 2017. Durante il Tfl Meeting Event 2017, forum di co-produzione del TorinoFilmLab, il progetto ha ricevuto il sostegno del Tfl Co-Production Fund (euro 50.000), dedicato alle co-produzioni tra produttori europei e internazionali elargito grazie al sottoprogramma Creative Europe – Media dell’Unione Europea.

Litigante racconta la storia di Silvia, una madre single e avvocatessa coinvolta in uno scandalo di corruzione. Oltre ai problemi sul lavoro, Silvia deve affrontare un problema ancora più doloroso: il cancro della madre. Costretta a fare i conti con la malattia, Silvia intraprende una nuova storia d’amore, la prima dopo tanti anni.

Il laboratorio torinese sarà rappresentato anche nella Giuria, presieduta dal colombiano Ciro Guerra, regista di Birds of passage (film supportato attraverso il Tfl Audience Design 2017). Tra i giurati è inoltre presente l’alumno italo-americano Jonas Carpignano, autore di A Ciambra (sviluppato all’interno del programma ScriptLab 2015).

The orphanage alla Quinzaine des Réalisateurs.

Dopo Wolf and Sheep (Art Cinema Award 2016), la regista afgana Shahrbanoo Sadat torna alla Quinzaine des Réalisateurs (15-25 maggio 2019) con il suo nuovo film The Orphanage. Sviluppato dalla regista insieme alla produttrice tedesca Katja Adomeit all’interno del programma FeatureLab 2016, il progetto è stato presentato in anteprima durante il Tfl Meeting Event 2018 all’interno della rassegna annuale dei film work-in-progress Tfl Coming Soon. The Orphanage è una co-produzione tra Adomeit Film (Danimarca), La Fabrica Nocturna (Francia), Samsa Film (Lussemburgo) e Wolf Pictures (Afghanistan).

Ambientato a Kabul verso la fine degli anni Ottanta, The Orphanage racconta la storia del quindicenne Qodrat, grande appassionato dei film di Bollywood, che viene mandato in un orfanotrofio sovietico. Dopo la conquista di Kabul da parte dei ribelli, Qodrat utilizzerà la sua immaginazione per organizzarsi con gli altri bambini e difendere la loro casa.

Il presidente del Museo Nazionale del Cinema di Torino Sergio Toffetti dichiara: “Il Museo ha investito moltissimo sul TorinoFilmLab. Questo è il risultato di un lavoro di molti anni”.

Come fa notare Savina Neirotti, ideatrice del laboratorio torinese: “La presenza di 4 film – di cui 2 diretti da donne e 2 opere prime – in ognuna delle sezioni più prestigiose del festival dimostra la diversità e la varietà del cinema indipendente che passa da Torino”.

Il TorinoFilmLab è promosso dal Museo Nazionale del Cinema con il supporto di Mibac - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Piemonte, Città di Torino e Creative Europe – Media Sub-Programme dell’Unione Europea, in collaborazione con Film Commission Torino Piemonte.

stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento