Fabbrica Wojtyla lanciata dal filosofo Umberto Galimberti atterra in Albania con Anonimo Napoletano

ROMA - Fabbrica Wojtyla in terra d'Albania con "Anonimo Napoletano". Il ritorno di Fabbrica Wojtyla nel Paese delle Aquile. La  Compagnia teatrale Fabbrica Wojtyla in Albania con lo spettacolo "Anonimo Napoletano", apprezzato dal grande pubblico e dalla critica nazionale (vedi per tutti il recentissimo articolo del filosofo Umberto Galimberti su D di Repubblica), in scena a Valona il 26 settembre  2019 nel prestigioso Teatri Petro Marko, e il giorno seguente 27 settembre al Teatri Kombetar di Tirana, come gesto di solidarietà nei confronti dei fratelli albanesi, per sensibilizzare l'attenzione dell'Italia all'Albania colpita in questi giorni dal terremoto.

Tra Campania e Albania per la similitudine geografica (Durazzo e Valona come Napoli e Salerno) e la vivacità dei suoi cittadini l’abbraccio simbolico tra due culture diverse ma così vicine anche nella storia.


"Anonimo Napoletano" forte del riconoscimento come modello culturale innovativo anche del professore Galimberti, propone la filosofia di Fabbrica Wojtyla in Albania: superare ogni barriera fisica  linguistica e logica per una vita che valga la pena di essere vissuta.

Fabbrica Wojtyla lanciata dal filosofo Umberto Galimberti atterra in Albania con Anonimo Napoletano

"Anonimo Napoletano", “la perla rara” tra le opere prime del Fringe Festival dalla critica ad Edimburgo è una nuova esperienza straordinaria per il teatro itinerante di questi giovani artisti campani divulgatori della nuova cultura teatrale italiana d’autore, nel luogo più emergente e giovane presente in Europa, l’Albania pronta al suo ingresso nella UE.

Scritta e diretta dal drammaturgo Patrizio Ranieri Ciu "Anonimo Napoletano", l'opera teatrale è un innovativo progetto di pura contaminazione artistica che fonde gli stilemi dell’opera lirica con la sagacia del teatro d’autore e storico popolare, caratterizzato da un impasto multilinguistico di napoletano, inglese, italiano e del paese ospitante.  Una storia di intrighi, inganni e amore durante la Rivoluzione Napoletana del 1799, pungente metafora universale sulla condizione dell'umanità e sulla falsità dei mezzi di comunicazione di massa.

Fabbrica Wojtyla lanciata dal filosofo Umberto Galimberti atterra in Albania con Anonimo Napoletano

Commenti

Ricerca personalizzata