Il Comune di Desenzano del Garda stanzia 23mila euro per il rimborso delle utenze domestiche 2016

Comune-di-Desenzano-del-Garda
DESENZANO DEL GARDA - Bando dell'Amministrazione comunale di Desenzano del Garda per l'assegnazione dei contributi a parziale rimborso delle utenze domestiche 2016. Il Comune stanzia la somma complessiva di 23.000 euro come contributo a parziale rimborso delle utenze domestiche per l’anno 2016. Ad ogni nucleo familiare in possesso dei requisiti stabiliti nel bando di seguito, sarà erogato un contributo comunale di 230 euro.
Nel caso di eccedenza del numero dei beneficiari rispetto allo stanziamento disponibile, la somma verrà ripartita proporzionalmente in base alle domande accolte, senza scendere al di sotto dei 150 euro. Qualora anche questa rideterminazione non risultasse sufficiente, si procederà con la stipula della graduatoria, con riferimento al valore ISEE in ordine crescente.

A partire dal 31 ottobre e fino al 28 novembre 2016 ore 12,30 (termine scadenza bando), è possibile presentare la richiesta per l’ammissione al “bando per l’assegnazione dei contributi a parziale rimborso delle utenze domestiche per l’anno 2016”, approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 252/2016.

Requisiti per la presentazione della domanda

Possono presentare domanda i cittadini residenti nel Comune di Desenzano del Garda, in possesso dei seguenti requisiti:

età inferiore o uguale ai 65 anni;

che non abbiano ricevuto il contributo previsto dall’Accordo Comune/Sindacati Pensionati anno 2016;

per i richiedenti, con cittadinanza extra UE, regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno;

ISEE ordinario e aggiornato rispetto ad eventuali cambiamenti nella composizione del nucleo familiare e/o dei redditi/patrimonio, non superiore a euro 10.650.

La mancanza anche di uno solo dei requisiti sopra descritti comporterà l’esclusione della domanda.

Sono esclusi dai benefici: 

coloro che abitano in un alloggio di categoria catastale A7 (abitazione in villini-bifamiliare), A8 (abitazione in ville), A9 (abitazione in castelli e palazzi di pregio);

i nuclei famigliari al cui interno vi sono componenti proprietari di altre abitazioni oltre a quella di residenza, di terreni o altre tipologie di beni immobiliari nella misura di almeno il 50%, ad esclusione della nuda proprietà.

Sono destinatari del contributo i nuclei famigliari e non il singolo richiedente. 

Determinazione del contributo e budget disponibile

Si riporta di seguito la soglia ISEE e l’entità del beneficio concesso: 

Soglia ISEE da 0 a 10.650,00 Contributo euro 230

Lo stanziamento complessivo e massimo messo a disposizione è di euro 23.000.

Modalità e tempi di presentazione delle domande

Le richieste di contributo dovranno essere presentate al Centro Sociale, in orario di apertura al pubblico, esclusivamente su apposito modulo, ritirabile presso il Centro stesso e scaricabile dal sito www.comune.desenzano.brescia.it nel periodo compreso tra il 31.10.2016 e il 28.11.2016, obbligatoriamente corredate, per i cittadini extraUE, della fotocopia del permesso di soggiorno valido o della carta di soggiorno.

I benefici del presente bando non saranno erogati ad eventuali eredi non conviventi. 

E’ possibile, per chi ne avesse la necessità, prendere appuntamento o ricevere informazioni telefonando al n. 030/9120737.

Giorni ed orari per la presentazione delle domande:

dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30 – il giovedì anche dalle ore 14,30 alle ore 17,30

Procedura di formazione della graduatoria dei soggetti richiedenti

Le domande presentate entro i termini verranno accolte fino ad esaurimento del budget disponibile di euro 23.000.

In caso di eccedenza del numero di beneficiari rispetto allo stanziamento disponibile si procederà ripartendo la somma proporzionalmente in base alle domande accolte, senza scendere al di sotto dei 150 euro. 

Qualora anche questa rideterminazione non risultasse sufficiente si procederà con la stipula della graduatoria, con riferimento al valore ISEE in ordine crescente.

Il Comune si riserva di effettuare appositi controlli circa i contenuti delle dichiarazioni presentate, anche successivamente all’eventuale erogazione del contributo, come previsto dall’art. 71 del D.P.R. 445/2000. 

La dichiarazione ISEE sarà predisposta ed elaborata dai CAAF, su richiesta degli interessati.




Commenti