Nicola Gratteri e Nadia Verdile meritano il Premio Nazionale "Federico Del Prete"

ROMA - Legalità, Premio Nazionale "Federico Del Prete". Riconoscimenti per il magistrato Nicola Gratteri e per la giornalista Nadia Verdile. Il Premio sarà consegnato sabato 20 febbraio 2021, alle ore 16, nel Real Sito di Carditello, a San Tammaro, comune in provincia di Caserta. Quattro sezioni e quattro riconoscimenti speciali nel nome dell’impegno per la legalità per ricordare il sacrificio del sindacalista Federico Del Prete, medaglia d’oro al valor civile, ucciso il 18 febbraio 2002 per la sua azione di contrasto alla criminalità organizzata.

Il prestigioso riconoscimento nasce dalla volontà di Gennaro Del Prete, figlio del sindacalista barbaramente assassinato, presidente dell’Associazione di promozione sociale “Memoriae”, di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia, attraverso la valorizzazione dell’arte e della cultura. Saranno premiati: Fondazione Real Sito di Carditello (sezione Cultura); Nadia Verdile – Il Mattino (sezione Giornalismo); Federico Scardamaglia – Rai Fiction (sezione Cinema Verità); Sindacato Confal Unsa (sezione Tutela dei Lavoratori); Nicola Gratteri - procuratore della Repubblica di Catanzaro (Legalità e Anticorruzione), Gemma Tuccillo - capo dipartimento Giustizia minorile e di comunità (Impegno sociale), Mariarosaria Ruotolo (Impegno cittadinanza attiva), Centro di giustizia minorile per la Campania (borsa di studio per minore in area penale).

Federico del Prete, uomo attivo nella vita sociale e sindacale, costantemente impegnato nella difesa dei diritti di tutti, dedicò la sua esistenza a denunciare tutte le forme di illegalità e le infiltrazioni camorristiche avvenute nei mercati rionali della regione Campania, distinguendosi, come sindacalista, soprattutto per la capacità di associare le lotte del movimento sindacale con quelle di libero cittadino e lavoratore. Il Premio nazionale Federico Del Prete per l’impegno sociale, civile e per la legalità intende conferire il giusto riconoscimento, ammirazione e gratitudine a quelle personalità ed enti che si contraddistinguono per il loro impegno sociale e civile attraverso la loro attività e testimonianza diretta, lottando quotidianamente contro l’indiscriminato mondo delle mafie e del degrado e contribuendo a costruire un paese migliore e dare voce alle tante persone, associazioni e realtà che hanno continuato, in questi anni, ad offrire un’azione significativa di resistenza contro ogni forma di potere mafioso, d’ingiustizia e di violenza. L’evento di sabato è stato organizzato con la collaborazione della Fondazione Real Sito di Carditello, Fondazione Polis della Regione Campania, dell’Associazione Costumi della Campania antica e cooperativa sociale Nuvoletta.

Gennaro Del Prete (Presidente dell'Associazione di promozione sociale “Memoriae)

I vincitori del Premio Nazionale "Federico Del Prete"

1) Sezione Cultura

Fondazione Real Sito di Carditello. “Per aver riportato alla luce restituendolo alla collettività, un sito di enorme valore storico-culturale denominato “Reggia di Carditello”, strappandolo dalle mani del degrado e della criminalità”. Consegna dipinto “Il mercato”, olio su tela dell’artista campano Renato Cocozza, acquistato grazie ad una raccolta fondi di privati e liberi cittadini. Simbolo del premio è la vita lavorativa, sociale, di lotta alle mafie di Federico Del Prete.

2) Sezione Giornalismo

Nadia Verdile - Il Mattino. “Per il suo instancabile impegno di legalità per la tutela e la rinascita del Real Sito di Carditello”

3) Sezione Cinema Verità

Federico Scardamaglia – Rai Fiction. “Per aver raccontato attraverso film di spessore, la vita di uomini e donne che hanno lasciato nella storia orme di verità e giustizia”.

4) Tutela dei Lavoratori

Sindacato Confal Unsa. “Per essersi battuto con tutte le forze a favore dei diritti dei lavoratori, contro ogni forma di oppressione, di negazione della libertà di scelta individuale”

Riconoscimenti

1) Legalità e Anticorruzione

Nicola Gratteri - Procuratore della Repubblica di Catanzaro. “Per la sua instancabile lotta al compromesso politico-mafioso e per la diffusione su tutto il territorio nazionale dei principi di democrazia e uguaglianza”.

2) Riconoscimento per l’impegno come cittadina attiva

Mariarosaria Ruotolo. “Per il suo impegno nella diffusione della carta costituzionale e la difesa dei diritti in essa sanciti”.

3) Speciale borsa di studio per minore in area penale

Centro Giustizia Minorile Per La Campania

4) Impegno sociale

Gemma Tuccillo - Capo Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità. “Per il suo esempio di serietà, dedizione e abnegazione nel settore della Giustizia Minorile e di comunità” .

Ricerche Correlate

Commenti

CINQUEW NEWS
è un
Giornale Online Gratuito
senza contenuti a pagamento.
Per eventuali offerte
CLICCARE LA PAROLA DONAZIONE
QUI SOTTO
E COMPLETARE LA PROCEDURA