Musica portatrice di riflessioni universali con "Truva' pace" di Francesca Rondinella e Giosi Cincotti

SANT'ARSENIO - Domenica 30 dicembre 2018, alle ore 18, presso il Teatro “G. Amabile” di Sant’Arsenio (Salerno), la XII edizione del “Concerto per la Pace” con Truva' pace. Cantata in musica, parole e versi con Giosi Cincotti e Francesca Rondinella.

‘Ntiempo ‘e pace ‘e marenare: figlie ‘nterra e varche a mmare.‘Ntiempo ‘e guerra, juorne amare: varche ‘nterra e figlie a mmare. Guerra e pace, pace e guerra:se distrugge e cresce ‘a terra. Raffaele Viviani

Saranno Francesca Rondinella e Giosi Cincotti i protagonisti della XII edizione del “Concerto per la Pace“ al Teatro Amabile di Sant’Arsenio: l'atteso concerto “Truva' pace“ - cantata in musica, parole e versi - vedrà la musica portatrice di riflessioni sul tema della pace.

Sarà quindi una serata di grandi emozioni con parole e versi di cantautori, note di grandi musicisti, poesia di autori che con la loro sensibilità diventano supporto e stimolo, linfa che nutre l’anima con vibrazioni che possono aiutare a riflettere partendo dal cuore.

La memoria non si cancella e anche se resterà solo una canzone, quegli insegnamenti, si tramanderanno, anche perché il canto ha affiancato, ha spinto, ha accompagnato e a volte guidato la testimonianza dell’adesione a un ideale, espressione di una fede, modalità che conferma ed esalta il senso di appartenenza e comunione ad un gruppo.

Musica portatrice di riflessioni universali con "Truva' pace" di Francesca Rondinella e Giosi Cincotti

Valori e sentimenti che, soprattutto negli ultimi periodi sembrano essere scomparsi come la pace ma anche il rispetto delle persone, l'amore, l'amicizia e la comprensione.

Una serata organizzata dall’associazione culturale “Luigi Pica”, con il patrocinio della Banca Monte Pruno, del Circolo Banca Monte Pruno e del Comune di Sant’Arsenio che regalerà al pubblico presente l'occasione per ascoltare l’elegante duo Rondinella&Cincotti  che, già nei mesi scorsi, ha avuto modo di farsi apprezzare dal pubblico del Vallo di Diano.

Commenti