mercoledì 30 settembre 2015

Dieci anni del Bologna Jazz Festival con concerti e master class per una full immersion nella cultura musicale

Dieci anni del Bologna Jazz Festival con concerti e master class per una full immersion nella cultura musicale
Brad Mehldau trio by Wilson
BOLOGNA - Dieci concerti in teatro per i dieci anni del Bologna Jazz Festival. Ma per l'edizione del decennale il festival jazz bolognese entrerà anche nei più rinomati live club cittadini, oltre ad avere estensioni fuori porta: a Ferrara, San Lazzaro di Savena e Pieve di Cento. Il Bologna Jazz Festival 2015 andrà in scena ogni sera dal 24 ottobre sino al 26 novembre: un mese ininterrotto di concerti, master class e altri eventi per una full immersion nella jazz life internazionale e italiana. Una formula magniloquente per durata e numero di artisti coinvolti. Quest'anno il BJF ingrana una marcia in più, raddoppiando il numero di concerti principali nei teatri: il trio di Brad Mehldau, Ron Carter (con il quartetto "Foursight"), Kenny Garrett in quintetto, i James Farm (quartetto nel cui organico spicca una star come Joshua Redman), Children of the Light (ovvero Danilo Pérez, John Patitucci e Brian Blade), Terence Blanchard con l'E-Collective, il Mark Turner Quartet, Enrico Rava con il suo nuovo gruppo, Sylvie Courvoisier in duo con Mark Feldman, Volcan (con Gonzalo Rubalcaba, Jose Armando Gola, Horacio "El Negro" Hernandez, Giovanni Hidalgo).
È evidente la ricchezza di generi, stili, approcci, con l'attenzione concentrata sul cuore statunitense della musica afro-americana ma con diramazioni verso l'esotismo caraibico e il jazz italiano. Tra le sale coinvolte spicca la novità del Teatro Comunale di Bologna: il BJF si riallaccia così alla memoria storica dei concerti jazz ospitati nel teatro d'opera cittadino sino agli anni Settanta. Si suonerà poi all'Unipol Auditorium, al Teatro Arena del Sole, al Teatro Duse, alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena, al Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.
Dieci anni del Bologna Jazz Festival con concerti e master class per una full immersion nella cultura musicale
Joshua Redman James Farm (di Katz)
Anche il circuito dei club promette una vivace animazione musicale. Tra Cantina Bentivoglio, Take Five, Bravo Caffè, Locomotiv Club (a Bologna) e il Torrione Jazz Club (a Ferrara) si ascolteranno i quartetti di Gary Bartz, Miguel Zenón, Bennie Maupin, Ray Anderson, gli Equality di Nasheet Waits, il gruppo Decay di Tim Berne, i São Paulo Underground & Black Cube SP di Rob Mazurek, il duo che affianca Gregoire Maret e Kevin Hays, il settetto di Christian Scott, il trio di Johnny O'Neal, le band di Marcos Valle, Kamasi Washington e di un mito delle tastiere come Eumir Deodato. In rappresentanza del jazz italiano ci saranno, tra gli altri, i Marea Blues Mediterraneo con Fabrizio Bosso, il quintetto di Piero Bittolo Bon, i gruppi dei pianisti Antonio Faraò, Alessandro Lanzoni, Giovanni Guidi e Fabio Giachino.
Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica in convenzione con Comune di Bologna e con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol e del main partner Gruppo Hera.
L'edizione 2015 del Bologna Jazz Festival sarà inaugurata sabato 24 ottobre all'Arena del Sole dal contrabbassista Ron Carter. Figura mitologica del jazz, colonna portante del quintetto di Miles Davis negli anni Sessanta, Carter si presenterà con il suo quartetto "Foursight", una band senza fiati che lascia alle sue dita gran parte del lavoro solistico. Ricchezza di spunti tematici, di trame ritmiche, di citazioni che si intrecciano in un vasto affresco: quella di Carter è una musica dalla densità coloristica tropicale.
Dieci anni del Bologna Jazz Festival con concerti e master class per una full immersion nella cultura musicale
Kenny Garrett (di Katz)
Il primo dei due concerti previsti alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena, realizzati in collaborazione con l'Arci San Lazzaro, sarà martedì 27 ottobre con il sassofonista Kenny Garrett, anche lui 'lanciato' da Miles Davis, nella band elettrica degli anni Ottanta. Il quintetto di Garrett, decorato dal tocco latineggiante delle percussioni, diffonde una vulcanica energia, sull'onda della quale il sassofonista trascina il pubblico verso finali da standing ovation.
Ben tre concerti saranno ospitati dall'Unipol Auditorium. Il primo, venerdì 30 ottobre, sarà con Children of the Light, trio che affianca tre grandi leader come il pianista Danilo Pérez, il bassista John Patitucci e il batterista Brian Blade. Celeberrimi come sezione ritmica del quartetto di Wayne Shorter, solo da poco tempo hanno iniziato a esibirsi come trio, dando vita a una musica dall'enorme potere immaginifico, che rinnova i ruoli e gli schemi del trio con pianoforte, spazzando via spavaldamente ogni elemento di prevedibilità dal linguaggio jazzistico.
Sempre all'Unipol Auditorium si terrà, venerdì 6 novembre, il concerto del quartetto del sassofonista Mark Turner. Una formazione recentemente rilanciata dall'incisione di Lathe of Heaven per la ECM, il cui repertorio fornirà le basi per uno spettacolo che porta a sintesi l'impostazione del jazz cameristico, il vigoroso sound ereditato dalla tradizione bop, l'improvvisazione più libera da schemi.
Di grande rilievo è il concerto che si terrà al Teatro Duse martedì 10 novembre, con i James Farm, un quartetto che raccoglie alcuni dei nomi più altisonanti del mainstream contemporaneo: il sassofonista Joshua Redman, il pianista Aaron Parks, il bassista Matt Penman e il batterista Eric Harland. Una band che definisce lo stato dell'arte del contemporary jazz della east coast, trasportato in una dimensione di sublime accessibilità per l'ascoltatore: fibrillazione ritmica, interventi solistici incastonati in un superbo interplay, raffinatezza urbana.
Sabato 14 novembre il Bologna Jazz Festival entra per la prima volta al Teatro Comunale di Bologna, con un concerto pomeridiano che si terrà nel Foyer Respighi. Protagonisti la pianista Sylvie Courvoisier e il violinista Mark Feldman: un duo che getta un ponte fra la cultura della musica classica e il jazz con incredibile intensità, immaginazione e toccante lirismo.
Lunedì 16 novembre il festival torna alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena con il trombettista Enrico Rava e il suo New Quartet, formazione forte dell'esuberanza e la freschezza della gioventù: anagrafica per i tre partner del grande trombettista, di spirito per Rava, che continua a essere un leader indomito e non certo intenzionato ad adagiarsi su cliché né sulla ripetizione di repertori e formazioni di routine.
Si torna ancora all'Unipol Auditorium martedì 17 novembre, con uno dei più grandi esponenti della tromba jazz dagli anni Ottanta in qua: Terence Blanchard. Lo accompagnerà l'E-Collective, con il quale ha da poco pubblicato l'album Breathless (Blue Note): una band elettrica che si pone al crocevia tra jazz, funk, R&B, fusion. Una prova di grande maturità per Blanchard, capace di muoversi con disinvoltura tra linguaggi anche distanti dal suo prediletto hard bop.
Serata di grande prestigio quella di lunedì 23 novembre: il festival entra in grande stile al Teatro Comunale di Bologna, con il trio del pianista Brad Mehldau, band di fama planetaria che trasporta le classiche caratteristiche di questo organico (eleganza armonica, scavo introspettivo, lirismo melodico) in un contesto contemporaneo, anche nelle scelte di repertorio.
La decima edizione del Bologna Jazz Festival si chiuderà in trasferta a Ferrara: qui, giovedì 26 novembre al Teatro Comunale Claudio Abbado, Ferrara Musica produce in co-promozione con il BJF il supergruppo latineggiante Volcan. Magmatico e irruente, questo quartetto nasce per opera del superlativo pianista cubano Gonzalo Rubalcaba, che chiama attorno a sé una ritmica che sembra un film di supereroi: il bassista Jose Armando Gola, il batterista Horacio "El Negro" Hernandez e il percussionista Giovanni Hidalgo.
A tutto ciò si aggiunge la nuova collaborazione del festival col Teatro Comunale Alice Zeppilli di Pieve di Cento che ospiterà un concerto pomeridiano con la cantante Mietta e il gruppo Marea (8 novembre).
Una ricca programmazione di concerti nei live club darà continuità al cartellone festivaliero, coinvolgendo un numero di locali più ampio che mai in precedenza.
Storica sede del festival, la Cantina Bentivoglio apre le porte a concerti di notevole caratura: dall'infuocato bop del sassofonista Gary Bartz (in quartetto l'1 novembre) al jazz più riflessivo e venato di spunti caraibici di un altro nome di spicco del sax: Miguel Zenón (il 5). Serata stuzzicante il 18 con il trio del pianista-cantante Johnny O'Neal, raffinati intimismi il 24 con il duo armonica-pianoforte formato da Gregoire Maret e Kevin Hays, mentre il jazz italiano sarà rappresentato dal trio del pianista Giovanni Guidi (l'11).
A Ferrara, l'altro storico club associato al BJF, il Torrione Jazz Club, mette in programma una spettacolare antologia del jazz statunitense: anche qui si ascolterà Gary Bartz (il 31 ottobre), poi arriveranno i vigorosi Equality del batterista Nasheet Waits (7 novembre), gli avvincenti cortocircuiti tra modernità e tradizione dell'Organic Quartet del trombonista Ray Anderson (il 13), il sulfureo post-modernismo dei Decay del sassofonista Tim Berne (il 14), le visionarie sperimentazioni elettro-jazz-latine del cornettista Rob Mazurek (il 20), l'eco del grande jazz degli anni Settanta con le ance di Bennie Maupin (in quartetto, il 21).
Grazie alla collaborazione con l'Arci Bologna, il Take Five torna a ospitare concerti del BJF, con una programmazione che privilegia il jazz italiano: incorniciati tra le esibizioni dei Falsos Brasileiros (26 ottobre) e del trio del pianista Fabio Giachino (26 novembre), si ascolteranno il piano trio di Alessandro Lanzoni (28 ottobre), i particolari impasti sonori dei Marea Blues Mediterraneo (3 novembre, con ospite d'eccezione la tromba di Fabrizio Bosso) e del quintetto del sassofonista Piero Bittolo Bon (il 19). Ma il Take Five ospiterà anche i Decay di Tim Berne (il 15). A tutto ciò si aggiungono gli appuntamenti della sezione 'round midnight: concerti after hours (dalle ore 23) per continuare a vivere la notte in jazz dopo l'appuntamento principale a teatro: con Barend Middelhoff (24 ottobre), l'iraniano Quartet Diminished (10 novembre), il Duo Improbabile (23 novembre).
Come sempre audace e variegata la programmazione musicale del Bravo Caffè: si va dal jazz solidamente ancorato alla tradizione ma anche decisamente attualizzato del quartetto del pianista Antonio Faraò (29 ottobre) e del settetto del trombettista Christian Scott (12 novembre), a uno storico esponente della musica brasiliana come il cantante-pianista Marcos Valle (il 4), alla fusion travolgente di un altro brasiliano, il celeberrimo tastierista Eumir Deodato (il 25).
Entra per la prima volta nell’orbita del BJF uno dei più vivaci e intraprendenti locali musicali di Bologna, il Locomotiv Club, che ospiterà la band del sassofonista Kamasi Washington, rivelazione di un jazz che può ancora essere epico e globale (9 novembre).
Realizzato grazie al contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, il Progetto Didattico "Massimo Mutti" giunge alla sua terza edizione: un percorso formativo, dal 15 al 26 novembre, riservato agli allievi del Dipartimento Jazz del Conservatorio di Bologna e del Liceo Musicale "L. Dalla" di Bologna, che potranno confrontarsi con docenti del calibro di Tim Berne, Terence Blanchard, Enrico Rava. Momento culminante dell'attività didattica sarà un saggio in forma di concerto degli allievi (diretti da Enrico Rava, Alfonso Santimone e Piero Bittolo Bon), che farà da apertura all'esibizione della Big Band del Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna diretta da Michele Corcella su musiche di Billy Strayhorn: il 22 novembre all'Oratorio di San Filippo Neri con un doppio appuntamento (pomeridiano e serale). In apertura del concerto serale verrà consegnato il Premio "Massimo Mutti", consistente in due borse di studio per i corsi internazionali di perfezionamento estivi 2016, realizzati dalla Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz.
Non solo concerti nel cartellone del BJF: ci sono anche le conferenze aperte al pubblico di Terence Blanchard (il pomeriggio del 16 novembre al Cinema Lumiére, seguita dalla proiezione del film di Spike Lee La 25ª ora) e di Michele Corcella su Billy Strayhorn (il 17 novembre al Conservatorio); la mostra collettiva "Cromatismi Jazz", prodotta da Terre Rare e allestita alla Galleria Terre Rare (inaugurerà il 25 ottobre e rimarrà aperta sino al 21 novembre); le lezioni musicali "Jazz Insights" ideate dal pianista Emiliano Pintori: quattro appuntamenti pomeridiani (nei giorni 7, 14, 21, 28 novembre) dedicati nell'ordine a Frank Sinatra, Billie Holiday, Billy Strayhorn e Nat King Cole che si terranno al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica a Palazzo Sanguinetti.

PROGRAMMA DEL BOLOGNA JAZZ FESTIVAL
Sabato 24 ottobre
Bologna, Teatro Arena Del Sole, ore 21:15
RON CARTER "FOURSIGHT"
"Dear Miles"
Renee Rosnes, pianoforte; Ron Carter, contrabbasso; Payton Crossley, batteria; Rolando Morales-Matos, percussioni
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 23
'round midnight
BAREND MIDDELHOFF TRIO
Barend Middelhoff, sax tenore; Stefano Senni, contrabasso; Alessandro Minetto, batteria
Lunedì 26 ottobre
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30
FALSOS BRASILEIROS
Silvia Donati, voce; Achille Succi, clarinetto basso e sax alto; Giancarlo Bianchetti, chitarra e cavaquinho; Roberto Rossi, batteria e percussioni
Martedì 27 ottobre
San Lazzaro di Savena (BO), Sala Paradiso, ore 22
KENNY GARRETT QUINTET
"Pushing the World Away"
Kenny Garrett, sax alto e soprano; Vernell Brown, pianoforte; Corcoran Holt, contrabbasso; Marcus Baylor, batteria; Rudy Bird, percussioni
Mercoledì 28 ottobre
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30
ALESSANDRO LANZONI TRIO
Alessandro Lanzoni, pianoforte; Matteo Bortone, contrabbasso; Enrico Morello, batteria
Giovedì 29 ottobre
Bologna, Bravo Caffè, ore 22
ANTONIO FARAÒ QUARTET
Mauro Negri, sassofoni; Antonio Faraò, pianoforte; Martin Gjakonowski, contrabbasso; Mauro Beggio, batteria
Venerdì 30 ottobre
Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15
CHILDREN OF THE LIGHT
Danilo Pérez, pianoforte; John Patitucci, basso elettrico e contrabbasso; Brian Blade, batteria
Sabato 31 ottobre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
&
Domenica 1 novembre
Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 13
GARY BARTZ QUARTET
Gary Bartz, sax alto e soprano; Barney McAll, pianoforte; James King, contrabbasso; Greg Bandy, batteria
Martedì 3 novembre
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30
MAREA BLUES MEDITERRANEO
featuring FABRIZIO BOSSO
Fabrizio Bosso, tromba; Andrea Dessì, chitarra; Massimo Tagliata, pianoforte; Andrea Taravelli, contrabbasso; Gianluca Nanni, batteria
Mercoledì 4 novembre
Bologna, Bravo Caffè, ore 22
MARCOS VALLE
Marcos Valle, pianoforte, chitarra e voce; Patricia Valle, voce; Jesse Sadoc, tromba; Kevin James Glasgow, basso; Jose Renato, batteria
Giovedì 5 novembre
Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22
MIGUEL ZENÓN QUARTET
Miguel Zenón, sax alto; Luis Perdomo, pianoforte; Hans Glawishnig, contrabbasso; Henry Cole, batteria
Venerdì 6 novembre
Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15
MARK TURNER QUARTET
Mark Turner, sax tenore; Avishai Cohen, tromba; Joe Martin, contrabbasso; Obed Calvaire, batteria
Sabato 7 novembre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
NASHEET WAITS "EQUALITY"
Darius Jones, sax alto; Aruan Ortiz, pianoforte; Mark Helias, contrabbasso; Nasheet Waits, batteria
Domenica 8 novembre
Pieve di Cento (BO), Teatro Comunale Alice Zeppilli, ore 17
MIETTA e MAREA
“Jazz Songs”
Mietta, voce; Andrea Dessì, chitarra; Massimo Tagliata, pianoforte e fisarmonica; Andrea Taravelli, basso; Gianluca Nanni, batteria
Lunedì 9 novembre
Bologna, Locomotiv Club, ore 21:30
KAMASI WASHINGTON
Kamasi Washington, sassofoni; Patrice Pitman Quinn, voce; Ryan Porter, trombone; Brandon Coleman, tastiere;
Mosley Abraham, contrabbasso; Antonio Austin, batteria; Ronald Bruner Jr, batteria
Martedì 10 novembre
Bologna, Teatro Duse, ore 21:15
JAMES FARM
Joshua Redman, sax tenore e soprano; Aaron Parks, pianoforte; Matt Penman, contrabbasso; Eric Harland, batteria
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 23
'round midnight
QUARTET DIMINISHED
Peter Soleimanipour, sassofoni e clarinetti; Ehasan Sadigh, chitarra; Mazyar Younesi, pianoforte e voce; Javad Fadavi, batteria
Mercoledì 11 novembre
Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22
GIOVANNI GUIDI TRIO
Giovanni Guidi, pianoforte; Thomas Morgan, contrabbasso; João Lobo, batteria
in collaborazione con Young Jazz
Giovedì 12 novembre
Bologna, Bravo Caffè, ore 22
CHRISTIAN SCOTT SEPTET
Christian Scott, tromba; Braxton Cook, sassofoni; Elena Pinderhughes, flauto; Dominic Minix, chitarra; Lawrence Fields, pianoforte; Kris Funn, contrabbasso; Corey Fonville, batteria
Venerdì 13 novembre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
RAY ANDERSON'S ORGANIC QUARTET
Ray Anderson, trombone e voce; Gary Versace, organo; Steve Salerno, chitarra; Tommy Campbell, batteria
Sabato 14 novembre
Bologna, Foyer Respighi/Teatro Comunale di Bologna, ore 17
SYLVIE COURVOISIER-MARK FELDMAN DUO
Sylvie Courvoisier, pianoforte; Mark Feldman, violino
Sabato 14 novembre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
&
Domenica 15 novembre
Bologna, Take Five Genuine Music Club, Ore 21:30
TIM BERNE "DECAY"
Tim Berne, sax alto; Ryan Ferreira, chitarra; Michael Formanek, contrabbasso; Ches Smith, batteria e percussioni
Lunedì 16 novembre
San Lazzaro di Savena (BO), Sala Paradiso, ore 22
ENRICO RAVA NEW QUARTET
"Wild Dance"
Enrico Rava, tromba; Francesco Diodati, chitarra; Gabriele Evangelista, contrabbasso; Enrico Morello, batteria
Martedì 17 novembre
Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15
TERENCE BLANCHARD & THE E-COLLECTIVE
Terence Blanchard, tromba; Charles Altura, chitarra; Fabian Almazan, pianoforte e tastiere; Donald Ramsey, basso elettrico e contrabbasso; Oscar Seaton, batteria
Mercoledì 18 novembre
Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22
JOHNNY O’NEAL TRIO
Johnny O’Neal, pianoforte e voce; Luke Sellick , contrabbasso; Charles Goold, batteria
Giovedì 19 novembre
Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30
PIERO BITTOLO BON "BREAD & FOX" QUINTET
Piero Bittolo Bon, sax alto, clarinetto basso; Filippo Vignato, trombone; Beppe Scardino, sax baritono; Alfonso Santimone, pianoforte; Andrea Grillini, batteria
Venerdì 20 novembre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
ROB MAZUREK SÃO PAULO UNDERGROUND & BLACK CUBE SP
Rob Mazurek, cornetta ed elettronica; Mauricio Takara, cavaquinho, percussioni, elettronica; Guilherme Granado, tastiere e voce; Thomas Rohrer, rabeca e sax soprano
Sabato 21 novembre
Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30
BENNIE MAUPIN QUARTET

Vita Nova, Pavese, Grisi, Parola Cantata: lectio magistralis di Pierfranco Bruni a Cosenza

Vita Nova, Pavese, Grisi, Parola Cantata: lectio magistralis di Pierfranco Bruni a Cosenza
Lo scrittore Pierfranco Bruni
COSENZA - La lingua Italiana: da Dante ai linguaggi sommersi, dalla parola cantata al suono dell’ascolto. Pierfranco Bruni: “Si abita sempre una lingua perché si abita quotidianamente la parola e l’etnia.” Lingua, linguaggi, scrittori e processi culturali. Da Dante alle parole cantate. È su queste linee che Pierfranco Bruni avanza una ricerca ponendo un raccordo tra le lingue e la lingua attraverso il pensiero di personaggi che vanno da Dante a Maria Zambrano e da questa alle parole cantate.  Su tale problematica si soffermerà il prossimo 1 ottobre a Cosenza nella sua Lectio Magistralis dal titolo: “DANTE E LA LINGUA: DALLA ‘VITA NOVA’ A PAVESE, DA GRISI ALLA PAROLA CANTATA”.
L'identità di un popolo è la storia che si intreccia con le culture altre che costituiscono modelli di eredità, il cui punto centrale resta la lingua.
Le civiltà che difendono la propria lingua non tutelano soltanto una appartenenza, ma intrecciano, in un tempo di etnicità diverse, di lingue e linguaggi multipli, identità storiche in una antropologia delle tradizioni e della letteratura. La letteratura diventa cosi il fulcro intorno al quale si muove il tempo di una civiltà.
Infatti è  stata realizzata una Cartella multipla, che verrà presentata da Pierfranco Bruni nel corso della sua conferenza, attraverso la quale si percorre un viaggio grazie ad un itinerario di Pensieri di scrittori che vanno da Dante a D'Annunzio, da Leopardi a Maria Zambrano, da Pavese a Orwell, da Prezzolini a Pirandello. A questo itinerario si aggiungono esperienze di giornalisti e scrittori viventi. La Cartella, che è un originale ed elegante mosaico tra scrittori e lingua e parole, è stata coordinata e realizzata sul piano scientifico da Pierfranco Bruni, Responsabile Progetto Etnie - Letterature  del Mibact con la collaborazione dalla Federazione Unitaria Scrittori Italiani e dal Sindacato Scrittori Italiani.
GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE
Vita Nova, Pavese, Grisi, Parola Cantata: lectio magistralis di Pierfranco Bruni a Cosenza
L'operazione ha una duplice valenza: una direttamente letteraria basata sul paesaggio della lingua come visione comunicativa e metafisica grazie ad una lettura offerta da poeti e scrittori e filosofi; l'altra più vicina ad una metodologia pedagogica alla luce anche dei nuovi modelli del sapere. Il lavoro rientra nel Progetto Etnie - Letterature curato da Pierfranco Bruni per il Mibact. Scrittura e scrittori in un percorso linguistico e metafisico.
L'ITALIANO NELLA MUSICA, LA MUSICA NELL'ITALIANO
Vita Nova, Pavese, Grisi, Parola Cantata: lectio magistralis di Pierfranco Bruni a Cosenza
Pierfranco Bruni  ha sottolineato: “Si abita una lingua perché si vive un paese. La lingua è una metafisica. Non si tratta di una metafora ma di un processo (se si vuole lento come è lento il trasmettere i valori di una tradizione) ben definito che pone all’attenzione elementi etici e presupposti estetici. La lingua non è solo comunicazione o trasmissione di modelli. Nella lingua ci sono i segni di un tessuto mitico nel quale gli archetipi sono simboli esistenziali. Dal labirinto si esce attraverso il vocabolario delle nostalgie. E la nostalgia stessa è la vera lingua dei popoli che hanno vissuto le diaspore, l’esodo, i viaggi. Ogni viaggio è una partenza e ogni partenza sigilla l’inizio di un viaggio. Una lingua che si lascia e una lingua che si incontra. Non solo una entità antropologica ma soprattutto mitico –simbolico ed esistenziale”.

Metodo del Problem Posing and Solving nell'insegnamento di Matematica, Fisica e Scienze nei licei

Metodo del Problem Posing and Solving nell'insegnamento di Matematica, Fisica e Scienze nei licei
ROMA - L'avviso del Miur per il Seminario residenziale Problem Posing: per un approccio costruttivista alla Matematica, alla Fisica e alle Scienze, Rovereto 1-2-3 ottobre 2015, Polo Trentino&Sviluppo, via Fortunato Zeni, 8. L'acquisizione delle competenze relative al metodo del Problem Posing and Solving nell'insegnamento della Matematica, della Fisica e delle Scienze nei licei scientifici riguarda non solo gli studenti, ma, nel binomio inscindibile apprendimento/insegnamento, soprattutto i docenti.
E' con questa consapevolezza che la Direzione Generale per gli Ordinamenti e per la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione - comunicano dal Miur - organizza un seminario di formazione residenziale di tre giorni rivolto ai docenti di Matematica, Fisica e Scienze dal 1 ottobre al 3 ottobre  a Rovereto. L'iniziativa è promossa con  il contributo scientifico del Museo Civico di Rovereto, del Dipartimento di Scienze dell'Università di Roma Tre, del Dipartimento di Matematica dell'Università di Torino e dell'Accademia delle Scienze di Torino, e con il supporto logistico dell'Azienda di Promozione Turistica di Rovereto e Vallagarina.
I lavori saranno aperti  il 1° ottobre, alle ore 15, da un Seminario scientifico nazionale dal titolo "Problem Posing: un approccio costruttivista alla matematica, alla Fisica e alle Scienze". È possibile seguire l'evento qui in diretta streaming.
Per il 2 e 3 ottobre il programma prevede, invece, dei lavori di gruppo per l'ideazione di "problemi" in contesti di realtà, nel settore matematico – scientifico. Si costituiranno gruppi di lavoro per disciplina e i lavori proseguiranno successivamente in apposite sezioni delle piattaforme http://ls-osa.uniroma3.it e www.progettopps.it. Sarà, quindi, costituito un archivio di "problemi" che sarà messo a disposizione di tutte le scuole interessate.

Determinazione del Comune di Orzinuovi che assegna 22.800 euro al distaccamento dei Vigili del fuoco

Determinazione del Comune di Orzinuovi che assegna 22.800 euro al distaccamento dei Vigili del fuoco
Il Comune di Orzinuovi ha rese note tutte le informazioni in merito all'impegno di spesa per l'erogazione di un contributo economico straordinario al distaccamento volontario dei Vigili del fuoco di Orzinuovi.
D E T E R M I N A A R E A S E R V I Z I G E N E R A L I
IL RESPONABILE DEL SERVIZIO
(Decreto del Sindaco n. 2 del 30 gennaio 2015 )
Richiamata la Deliberazione della Giunta comunale n. 206 del 21/09/2015 con la quale l’Amministrazione ha approvato lo schema di Protocollo di Intesa, fra i Comuni di Barbariga, Borgo San Giacomo, Brandico, Corzano, Longhena, Orzinuovi, Orzivecchi, Pompiano e Villachiara, che mira a definire i rapporti e le procedure per l’erogazione di un contributo al Distaccamento Volontario dei Vigili del Fuoco di Orzinuovi.
Considerato che con la citata Deliberazione n. 206 del 21/09/2015, la Giunta comunale si è impegnata ad erogare un contributo economico straordinario quantificato in € 22.800,00 (ventiduemilaottocento/00), calcolato sulla base di una quota di € 0,60 per abitante, con riferimento alla popolazione residente al 31/12/2014;
Considerato inoltre che con il medesimo atto è stata demandata al sottoscritto Responsabile Area Servizi Generali l’assunzione dei provvedimenti derivanti dal citato provvedimento e ritenuto quindi necessario assumere impegno di spesa di complessivi € 22.800,00 (ventiduemilaottocento /00);
Dato atto che, dopo opportuni accertamenti, il pagamento conseguente al presente impegno di spesa è compatibile con il relativo stanziamento a bilancio e con le regole di finanza pubblica"
Visto l’art. 107 del Testo Unico 18.08.2000, n. 267;
Visto il Regolamento comunale sull’ordinamento degli uffici e dei servizi;
Visto il Piano Esecutivo di Gestione del corrente esercizio;
D E T E R M I N A
1. di impegnare per le motivazioni indicate in premessa la somma complessiva di € 22.800,00 (ventiduemilaottocento /00) a favore del Comando dei Vigili del Fuoco di Orzinuovi, imputando la spesa di € 7.600,00 (settemilaseicento/00) al cap. 212 voce “Trasferimenti per valorizzazione territorio” - intervento 1010205 - gestione competenza del bilancio di previsione 2015 (prenotazione impegno n. 15/848), esigibilità 2015, nonchè la spesa di € 7.600 al medesimo capitolo del bilancio pluriennale 2016 (prenotazione impegno n. 16/111) e € 7.600 del bilancio 2017 (Prenotazione impegno n. 17/7), esigibilità 2016 e 2017;
2. di dare atto che la quota per il 2015 sarà pagata entro il 30 settembre c.a.;
3. di dare atto che il Responsabile del procedimento è il sottoscritto Dott. Stefano Ottobri e che lo stesso non si trova in conflitto di interessi ai sensi dell’art. 6/bis della Legge 241/90 e s.m.i..
DE T E R M I N A Z I O N E n. 67 /DTS_GEN del 29/09/2015 Ai sensi dell’art. 29 comma 4 del Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, la presente determinazione, esecutiva, viene trasmessa in copia: Al Sindaco (mail andrea.ratti@comune.orzinuovi.bs.it) Al Segretario Generale (mail segretario@comune.orzinuovi.bs.it) Al Servizio Economico Finanziario (mail daniela.turotti@comune.orzinuovi.bs.it) IL RESPONABILE DEL SERVIZIO Ottobri Stefano ArubaPEC S.p.A.

Convegno “Tempo delle donne” del Corriere della Sera con i ballerini di Liliana Cosi

Convegno “Tempo delle donne” del Corriere della Sera con i ballerini di Liliana Cosi
REGGIO EMILIA - Dopo la pausa estiva e dopo l’apertura dei corsi professionali della Scuola di Balletto, che quest’anno ha visto un incremento dei ragazzi con grande gioia dei loro maestri, riprende l’attività della Compagnia Balletto Classico. Il 2 ottobre saranno a Milano al Teatro della Triennale dove il Corriere della Sera ha indetto un convegno sul “Tempo delle donne”, tra i relatori, Emma Bonino, l’avvocata Cristina Rossello, e altre personalità del mondo della cultura sull’argomento della donna ‘diversamente madre’. In questa ottica è stato chiesto a Liliana Cosi di mettere in scena  una prova di balletto con cinque ballerini durante la quale si vedrà sia la loro preparazione sia la guida della loro maestra, che non si allontana molto dal ruolo di una seconda madre, durante la simulazione della prova verranno eseguiti, rigorosamente in costumi di prova, una Czardasc di Raymonda e un passo a due di Sylvia.
Sempre in ottobre la Compagnia sarà il 10 in provincia di Mantova a San Benedetto Po, e quindi il 15 a Erba e il 17 e 18 a Ostia Lido per poi chiudere il mese di ottobre all’Arena del Sole di Bologna mercoledì 28 con il balletto “Sagra della Primavera” – ovvero, Risveglio dell’Umanità, su musiche di Stravinski, Smetana, Enescu, sul tema della riconciliazione dell’uomo con la Natura, nella prima parte e con la Pace nella seconda, spettacolo di grande impatto visivo ed emotivo che non è ancora stato rappresentato per i bolognesi. Nel dicembre del 2014 lo spettacolo che richiede un grande cast per il corpo di ballo oltre al gruppo dei solisti è stato allestito interamente dall’Opera di Tirana sempre con la coreografia di Stefanescu con un grande successo e molte repliche anche nel 2015.
La Compagnia continuerà poi il suo tour nei mesi seguenti  toccando diverse città della Lombardia, Piemonte e Veneto. Per conoscere i dettagli si può visionare il sito: www.ballettoclassicocosistefanescu.it

Sul Sidi, per tutte le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, le funzioni di “Avvio anno scolastico”

Sul Sidi, per tutte le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, le funzioni di “Avvio anno scolastico”
La sede del Miur a Roma
ROMA - Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha comunicato le ultime informazioni in merito all'avvio dell'Anno Scolastico 2015/2016: aggiornamento dell’Anagrafe Nazionale degli Studenti. A partire dall'1 ottobre 2015 vengono rese disponibili sul Sidi, per tutte le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, statali e non statali, le funzioni di “Avvio anno scolastico” per l’aggiornamento dei dati sulle frequenze (composizione delle classi, tempo scuola, indirizzi di studio) dell’Anagrafe Nazionale degli Alunni per l’anno scolastico 2015/2016. Sono esclusi, momentaneamente, dall’aggiornamento gli ex corsi serali (percorsi di secondo livello) di cui si daranno indicazioni specifiche in seguito.
L’aggiornamento deve essere concluso entro il 24 ottobre.
Come di consueto - ancora dal Miur- , i dati di “Avvio anno scolastico” possono essere comunicati scegliendo una delle seguenti modalità:
1. caricamento diretto sul SIDI utilizzando la funzione di Shift, che consente lo “scorrimento” delle posizioni dei singoli alunni dall'anno scolastico 2014/15 all'anno scolastico 2015/16;
2. trasmissione di flussi (per le scuole che utilizzano i sistemi applicativi locali).
Si ricorda che la scelta di una delle due modalità operative, alternative tra di loro, deve essere operata con la massima attenzione in quanto, una volta effettuata, diventa irreversibile.
La revoca della scelta, che comporta la cancellazione integrale di tutti i dati precedentemente comunicati, può essere effettuata da questa Direzione per il tramite dell’ Ufficio VI Ufficio statistico e studi solo a seguito di formale espressa richiesta da parte della Istituzione Scolastica.
Al termine della trasmissione dei dati e dopo le opportune verifiche di completezza e correttezza dei dati trasmessi (funzione “Riepilogo dati” contenente la nuova funzione di controllo “Verifica incongruenze anno nascita/anno corso”), la scuola deve dichiarare la conclusione dell’attività utilizzando l’apposita funzione (“Chiusura attività”). In questo modo si conclude la fase di “Avvio anno scolastico” e si passa alla successiva di gestione ordinaria dell’Anagrafe.
Con riferimento alle verifiche sopra richiamate, si chiede alle istituzioni scolastiche di prestare particolare attenzione all’informazione sulla cittadinanza dei propri alunni, verificando con le rispettive famiglie la correttezza dei dati conosciuti dalla scuola. In particolare, nel caso di doppia cittadinanza, di cui una “italiana”, deve essere indicata come prima cittadinanza quella “italiana”. Ciò al fine di assolvere alle finalità istituzionali previste dal d. lgs. n. 76/2005 (Anagrafe Nazionale degli Alunni).
Da questo momento, la scuola opera nell’area ”Anagrafe Nazionale” per effettuare in corso d’anno gli aggiornamenti puntuali sullo stato di ogni alunno, secondo una delle seguenti modalità:
1. aggiornamento diretto al SIDI;
2. aggiornamento sincronizzato con il sistema locale, su tecnologia web services (per i pacchetti che dispongono del servizio).
Le scuole che hanno utilizzato la funzione di “Shift” trovano impostata, in automatico, sul sistema la prima modalità (cioè, “aggiornamento diretto al SIDI”), mentre nel caso in cui le frequenze siano state trasmesse tramite flussi la modalità impostata in automatico è quella dell’”aggiornamento sincronizzato”. Si ricorda che tale impostazione, in caso di diverse esigenze, può essere modificata in qualsiasi momento dalla scuola attraverso la funzione “Scelta operativa”.
Per facilitare la verifica del corretto passaggio di tutti gli alunni da un anno scolastico all’altro, nella fase a regime di gestione dell’Anagrafe Nazionale è disponibile la funzione “Alunni a.s. precedente non collocati” che mostra l’elenco degli alunni frequentanti la scuola nell’anno scolastico precedente ma non presenti tra i frequentanti nell’anno in corso. Per questi alunni deve essere indicata la motivazione della mancata presenza.
Si anticipa, inoltre, che, al fine di portare a completamento l’elenco di informazioni contenute nell’Anagrafe alunni, così come individuate nell’allegato tecnico al D.M. n. 74/2010, a partire da quest’anno scolastico è prevista la comunicazione dei quadri orario per tutti gli indirizzi del secondo ciclo così come previsti dai Regolamenti sul riordino del secondo ciclo (D.P.R. 87/2010, D.P.R. 88/2010, D.P.R. 89/2010).
Al fine di favorire una migliore integrazione dei vari processi amministrativi relativi alle attività delle
scuole (organici, esame di Stato, Anagrafe studenti) la nuova procedura viene gestita esclusivamente sul portale SIDI, con la possibilità di successivo trasferimento dei quadri orari sull’applicativo in uso nelle segreterie.
Per questa nuova fase verranno date indicazioni operative con una nota successiva.
Come di consueto, sarà a breve disponibile, nell’Area dei procedimenti amministrativi, la guida
operativa che illustra nel dettaglio l’intero processo.
Per eventuali chiarimenti può essere contattato l’Ufficio di Statistica e studi, mentre per problemi tecnici dell'applicazione è disponibile il numero verde del gestore del sistema informativo 800903080.

martedì 29 settembre 2015

Fungo in Festa 2015 a Giaveno con la Fiera del Libro inaugurata dalla scrittrice Margherita Oggero

Fungo in Festa 2015 a Giaveno con la Fiera del Libro inaugurata dalla scrittrice Margherita Oggero
GIAVENO (TORINO) - Fiera del Libro a Giaveno, 2^ edizione. Nell'ambito di Fungo in Festa 2015. Per il secondo anno dall’8 al 18 ottobre  dalle ore 9,30  alle 20  in piazza San Lorenzo si svolgerà la  Fiera del Libro a Giaveno condotta dall’Associazione Culturale IncercadiAmici  in collaborazione con la Casa Editrice Susalibri. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alla Scuola, Educazione e Cultura  come opportunità culturale  e di  promozione della lettura  fra i grandi e i piccoli,   con la conduzione  specifica per i bambini delle scuole dal 13 al 16 ottobre  con il progetto “Scendiamo in piazza” di laboratori di lettura animata  e incontro con gli autori loro dedicati. Per  le scuole medie i laboratori sono a cura dell’autrice Sara Di Cerbo, per  l’infanzia e le elementari  interverrà l’Associazione Culturale Le Mele Volanti di Rivoli.  Per le scuole  visite guidate e attività anche presso il Museo Civico del Fungo con l’intervento del micologo.
La Fiera del Libro verrà inaugurata sabato 10 ottobre alle ore 17,45 con la partecipazione della scrittrice Margherita Oggero.
Nei giorni di fiera  incontri con gli autori,  presentazioni di: Mauro Minola, Claudio Rolando, Rita Cristina Manfro, Mario Catania, Laura Fezia, Sara Rattaro, Sergio Pent.

IL PROGRAMMA DALL'8 AL 18 OTTOBRE DELLA FIERA DEL LIBRO DI GIAVENO
Fungo in Festa 2015 a Giaveno con la Fiera del Libro inaugurata dalla scrittrice Margherita Oggero

Agenda strategica nazionale sul futuro del trasporto, convegno all'Auditorium del Museo Santa Giulia di Brescia

Agenda strategica nazionale sul futuro del trasporto, convegno all'Auditorium del Museo Santa Giulia di Brescia
Marco Bonometti
Presidente dell'
Associazione
Industriale Bresciana
I mezzi di trasporto del futuro 2020-2050, 2 ottobre 2015, ore 10,30. Nuovi mezzi di trasporto, prospettive future del settore, emissioni, materiali innovativi, linee guida dell’agenda strategica nazionale sul futuro del trasporto: di tutto questo si parlerà nel convegno “I mezzi di trasporto del futuro 2020-2050”. L'evento si svolgerà a Brescia presso l’Auditorium del Museo Santa Giulia, via Piamarta 4, dalle ore 10,30 alle ore 12,30. Nel convegno, realizzato a cura di OMR e inserito all’interno di Supernova, il Festival dell’innovazione, si tratteranno differenti argomenti: dalle finalità del Cluster Lombardo della Mobilità, uno dei nove cluster riconosciuti a livello regionale, che ha sede operativa proprio a Brescia, all’Agenda strategica Nazionale dei trasporti; dalla progettazione con leghe d’alluminio di riciclo, all’azzeramento delle emissioni per le fonderie di alluminio. Chiuderà il convegno Marco Bonometti, presidente dell'Associazione Industriale Bresciana.
PROGRAMMA DEL CONVEGNO “I mezzi di trasporto del futuro 2020-2050”
- C.L.M. CLUSTER LOMBARDO DELLA MOBILITA’ – Promotore del Convegno
Finalità del Cluster – S. Gaboardi, Presidente del Cluster;
- AGENDA STRATEGICA NAZIONALE DEI TRASPORTI
Presentazione delle linee guida 2020-2050 – G. Mastinu, Coordinatore del Consiglio Scientifico del Cluster Tecnologico Nazionale Mezzi e sistemi per la mobilità di superficie terrestre e marina Trasporti Italia 2020;
- PROGETTARE CON LEGHE DI ALLUMINIO DA RICICLO
Leghe di Alluminio da riciclo: virtù e vantaggi – P. Parona, Ricerca & Sviluppo Raffmetal;
L’impiego nel futuro delle leghe di alluminio secondarie – M. Gadola, Gruppo Automotive Università di Brescia; E. Gritti, OMR;
- FONDERIE DI ALLUMINIO: L’AZZERAMENTO DELLE EMISSIONI
Anime inorganiche: prime applicazioni nazionali – E. Gritti, Fonderia FMB, Gruppo OMR;
Processo CORDIS: azzeramento delle emissioni gassose – C. Mingardi, Ricerca e Sviluppo SATEF-HA;
Filmato del processo inorganico e applicazione motoristiche – C. Mingardi, HA- Huttenes-Albertus;
- CHIUSURA CONVEGNO 
Innovazione industriale: partiamo da Brescia - M. Bonometti, Presidente AIB.
L’evento è aperto al pubblico. E’obbligatoria l’iscrizione sul sito Evenbrite (www.eventbrite.it - nel sito, inserire nel campo "cerca", contrassegnato dalla lente, la dicitura "Brescia, i mezzi di trasporto del futuro". Si accederà alla pagina dell'evento dove è possibile inserire i propri dati).

Donne e uomini disoccupati in provincia di Brescia, prenotazione delle risorse finanziarie

Donne e uomini disoccupati in provincia di Brescia, prenotazione delle risorse finanziarie
La Provincia di Brescia ha comunicato le ultime informazioni in merito all'apertura dei bandi rivolti a 40 donne disocupate e 20 uomini e donne over 45 inoccupati.
PROGETTO 40 DONNE DISOCCUPATE 2015
E' aperto il dispositivo rivolto a 40 donne disoccupate/inoccupate che, al momento dell’adesione al programma, siano iscritte al Centro per l’impiego competente della Provincia di Brescia e che siano residenti in uno dei comuni del territorio bresciano.
 PROGETTO 20 OVER 2015
E' aperto l'intervento rivolto a 20 uomini o donne disoccupati/e che, al momento dell’adesione al programma, siano iscritti al Centro per l’impiego competente della Provincia di Brescia, siano residenti in uno dei comuni del territorio bresciano ed abbiano un’età uguale o superiore a 45 anni.
Le risorse finanziarie potranno essere prenotate entro le ore 12 del giorno 15/12/2015 (salvo eventuali proroghe concesse dalla Provincia di Brescia) ed entro la medesima data dovranno concludersi tutte le azioni.
Per qualsiasi informazione rivolgersi all’Assistenza Tecnica del Progetto dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12. Tel. 030/3749308 – 030/3749278 – 030/3749342 e mail progettieconomia@provincia.brescia.it

Nuova sezione della scuola dell’Infanzia a Coniolo e variazione utenti e pasti consumati, il Comune di Orzinuovi aumenta la spesa

Il Comune di Orzinuovi ha dovuto variare gli impegni di spesa per la ristorazione scolastica e il servizio di trasporto per gli studenti relativi all'anno 2015-2016. Dall'Amministrazione comunale hanno reso noto che la spesa stimata con il Piano Diritto allo Studio a.s. 2015/2016 è superiore agli impegni assunti con le determinazione di affidamento dei servizi in oggetto in esito all’istituzione di una nuova sezione presso la scuola dell’Infanzia statale frazione di Coniolo e della variazione degli utenti e dei pasti consumati presso la scuola primaria.
Sono stati adeguati gli impegni di spesa assunti a favore delle ditte aggiudicatarie dei servizi in oggetto Gemeaz Elior spa e Autonoleggio Venturini srl come di seguito riportato:
Nuova sezione della scuola dell’Infanzia a Coniolo e variazione utenti e pasti consumati, il Comune di Orzinuovi aumenta la spesa

lunedì 28 settembre 2015

Papa Francesco parla al cuore della gente. I guru della finanza discutono di numeri. L'uomo è solo merce

Papa Francesco parla al cuore della gente. I guru della finanza discutono di numeri. L'uomo è solo merce
Papa Francesco
CROTONE - Epocale la visita del Papa in America ed il suo intervento al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite. Bergoglio  ancora una volta  ha parlato davanti ad una platea numerosa di astanti, ha messo il dito sui mali di questo mondo che sta implodendo, invocando una distribuzione equa delle risorse, per abbattere la  povertà e le disuguaglianze,  crimini  del nostro tempo che  minano   le fondamenta della società. In pratica il Papa, nel santuario del capitalismo, ha parlato di come si dovrebbe invertire la rotta rispetto ad una finanza sempre più invasiva e lesiva dei diritti umani. Tutto secondo Francesco deve essere al servizio dell'uomo, in quanto espressione della creazione divina,  in cui rientra  la distinzione naturale tra uomo e donna, e rispetto della vita in tutti i suoi aspetti. Ed è sul concetto di famiglia che i media volutamente tacciono, dando spazio agli altri temi della sua enciclica saltando a piè pari l'importanza di un argomento che sta molto a cuore al Pontefice.

Famiglia, ambiente, diritti, distribuzione della ricchezza, argomenti che vengono affrontati davanti a chi ha in mano i destini dell'umanità. Parole che sono semi di speranza, purtroppo spesso soltanto ascoltate ma non messe in pratica. Il Papa non credo parli e viaggi solo per fare passerelle sterili ed inutili; non è una star, ma un evangelizzatore che mette al centro di tutto l'uomo con la sua dignità, la sua sofferenza che non possono  essere sacrificate in nome dei mercati e delle banche. La vita non è un'agenda digitale, un tabulato telefonico. Sentimenti, emozioni, passioni sono connaturate al vivere, non si programmano né sono oggetto di  indagine di settore. Bergoglio parla al cuore della gente, i guru finanziari parlano solo di numeri ed in tutto questo la vita di ognuno finisce per diventare una copia di una  delibera sul tavolo dei procacciatori di affari.
Inoltre se volessimo dirla tutta, i diritti sono divenuti un optional un pennacchio da esibire come un abito nuovo in un Gran Galà, deposto dopo la cerimonia nel guardaroba. Il Papa davanti alle Nazioni Unite parlava di diritti e l’ambasciatore dell’Arabia Saudita veniva nominato presidente dei diritti umani all’Onu.
Un giovane  saudita di venti anni rischia di essere impiccato ed il suo corpo crocefisso ed esposto fino a quando non avvenga la putrefazione. Diritti quindi come operazione per stipulare alleanze necessarie per la divisione del mondo o cosa?
Intanto questa umanità sempre più vessata, rischia di essere come un mare le cui onde continuamente si infrangono sulla scogliera trascinando nella sua furia tutto ciò che incontra. Siamo sicuri che questo sia il mondo agognato, sognato da chi cerca rifugio, e una vita da vivere?

Riparto di 1,7 miliardi di euro del Foe (Fondo ordinario di finanziamento degli Enti di Ricerca vigilati dal Miur)

Riparto di 1,7 miliardi di euro del Foe (Fondo ordinario di finanziamento degli Enti di Ricerca vigilati dal Miur)
ROMA - Ricerca, 1,7 miliardi per il finanziamento degli Enti. Pubblicato il decreto di riparto del Foe. È disponibile sul sito www.istruzione.it il decreto di riparto del Foe, il Fondo ordinario di finanziamento degli Enti di Ricerca vigilati dal Miur. Il decreto è stato registrato dalla Corte dei conti, dopo il vaglio delle Commissioni parlamentari, ed è dunque immediatamente efficace. Il Fondo prevede per il 2015 uno stanziamento di 1,7 miliardi. Più di 80 milioni sono destinati ad attività di ricerca di valenza internazionale, anche in previsione dell’avvio del nuovo programma europeo Horizon 2020.
Oltre 99 i milioni per la quota premiale del Fondo. Circa 30 milioni vengono stanziati per progettualità di carattere straordinario. Un milione è destinato all’assunzione per chiamata diretta di ricercatori e tecnologi italiani o stranieri dotati di altissima qualificazione scientifica.

ECCO PARTE DEL TESTO DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FOE
Atti Ministeriali » Anno 2015 » Agosto » dm 10082015 Decreto Ministeriale 10 agosto 2015 n. 599
Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

ART.1
(Ripartizione e Tabelle)
1. Le complessive disponibilità del capitolo 7236 piano gestionale n. 1 per l'anno 2015 del "Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca" destinate alla ripartizione delle quote previste nel presente decreto, pari a € 1.701.267.125, sono ripartite come riportato nell'allegata tabella 1, parte integrante del presente decreto.
2. La quota di disponibilità di cui alla tabella 1, pari a € 1.567.058.413, è ripartita tra gli enti come dettagliato nelle tabelle 2, 3 e 4 e nelle tabelle a ciascuno riferite, che fanno parte integrante del presente decreto.

a) Al Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) complessivi € 563.095.972
così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 505.966.172
Progetti Bandiera e Progetti di Interesse
€ 8.059.172
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 24.070.628
Progettualità di carattere straordinario
€ 25.000.000
Totale
€ 563.095.972
L'assegnazione ordinaria al CNR comprende € 2.582.284 in favore dell'Istituto di biologia cellulare per attività internazionali afferente all'area di Monterotondo ai sensi dell'articolo 7, comma 4, della legge 23 dicembre 2014, n. 191 concernente il "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale per il triennio 2015 - 2017".

b) All'Agenzia spaziale italiana (ASI) complessivi € 526.601.585 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 499.601.585
Progetti Bandiera e Progetti di Interesse
€ 27.000.000
Totale
€ 526.601.585

c) All'Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN) complessivi € 263.989.665 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 228.182.866
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 35.806.799
Totale
€ 263.989.665

d) All'Istituto nazionale di astrofisica (INAF) complessivi € 82.201.498 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 77.147.758
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 4.153.740
Progettualità di carattere straordinario
€ 900.000
Totale
€ 82.201.498

e)All'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) complessivi € 51.005.588 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 47.876.854
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 3.128.734
Totale
€ 51.005.588

f) All'Istituto nazionale di ricerca metrologica (INRIM) complessivi € 19.332.743 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 18.028.434
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 1.304.309
Totale
€ 19.332.743

g) All'Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale - OGS complessivi € 17.146.190 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 13.121.574
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 2.024.616
Progettualità di carattere straordinario
€ 2.000.000
Totale
€ 17.146.190

h) Alla Stazione zoologica "A. Dohrn" complessivi € 14.643.018 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 12.204.751
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 938.267
Progettualità di carattere straordinario
€ 1.500.000
Totale
€ 14.643.018

i) Al Consorzio per l'Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste complessivi € 23.578.191 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 7.455.934
Progetti Bandiera e Progetti di Interesse
€ 4.766.969
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 11.355.288
Totale
€ 23.578.191

j) All'Istituto nazionale di alta matematica "F. Severi" (INDAM) complessivi € 2.558.183 così ripartiti:
Assegnazione ordinaria
€ 2.157.707
Attività di ricerca a valenza internazionale
€ 25.575
Progettualità di carattere straordinario
€ 374.901
Totale
€ 2.558.183

k) Al Museo storico della fisica e Centro di studi e ricerche "Enrico Fermi" complessivi € 1.787.830 quale Assegnazione ordinaria
l) All'Istituto italiano di studi germanici complessivi € 1.117.950 (tabella 16) quale Assegnazione ordinaria.
3. La residua quota di € 134.208.712 delle disponibilità di cui al comma 1 è destinata al finanziamento di iniziative fissate per legge o altra disposizione o per specifiche iniziative, come di seguito dettagliato:
a) € 99.025.459 destinati al "finanziamento premiale" di cui all'articolo 4, comma 1, del citato D. Lgs. 213/2009;
b) € 14.000.000 destinati alla Società Elettra Sincrotrone Trieste S.C.p.A. con erogazione diretta alla stessa, ai sensi della legge 31 marzo 2005, n. 43 di conversione del decreto legge 31 gennaio 2005, n. 7;
c) € 8.449.286 destinati al funzionamento ordinario dell'INDIRE (Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educative) in attuazione dell'articolo 19, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111;
d) € 5.390.461 destinati al funzionamento dell'INVALSI (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione), in attuazione dell'articolo 19, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111;
e) € 1.500.000 destinati al finanziamento dell'attività di valutazione dell'ANVUR ai sensi dell'articolo 12, comma 7, del D.P.R. n.76/2010;
f) € 4.000.000 destinati al CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) ai sensi dell'art. 1 commi 723-724 della legge 23 dicembre 2014 n. 190;
g) € 1.052.482 per l'anno 2014 destinati all'assunzione per chiamata diretta, con contratto a tempo indeterminato, nell'ambito del 3 per cento dell'organico dei ricercatori e tecnologi italiani o stranieri dotati di altissima qualificazione scientifica negli ambiti disciplinari di riferimento, che si sono distinti per merito eccezionale ovvero che siano stati insigniti di alti riconoscimenti scientifici in ambito internazionale ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 213/09 e secondo modalità definite con apposito regolamento ministeriale, da corrispondere a ciascun degli enti interessati, a conclusione delle procedure assunzionali ai sensi del D.M. 24 novembre 2014, n. 851/Ric;
h) € 791.024 destinati, per l'anno 2015, all'assunzione per chiamata diretta ai sensi dell'articolo 13 "Riconoscimento e valorizzazione del merito eccezionale"  del D.Lgs. 213/09 e secondo modalità definite con apposito regolamento ministeriale. Tale quota costituisce parte delle assegnazioni ordinarie previste per l'anno 2015. Nel caso in cui nel corso dell'esercizio 2015 tale accantonamento non fosse utilizzato, totalmente o parzialmente, per tale finalità la residua somma è accantonata per la medesima destinazione nell'esercizio 2016 con provvedimento del Direttore generale per il coordinamento, la promozione e la valorizzazione della ricerca, o ripartita in proporzione fra gli enti solo dopo 18 mesi dall'emanazione del medesimo regolamento ministeriale.

ART.2
(Disposizione per l'assegnazione delle somme previste dal DM 24 novembre 2014, n. 851)
1. La somma di € 1.052.482 di cui all'articolo 1, comma 3, lettera g) del presente decreto è accantonata per la successiva assegnazione finale, con decreto del Direttore generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca, ai sensi di quanto previsto dall'art. 1, comma 3 lettera g) del D.M. 24 novembre 2014, n. 851/Ric.

ART. 3
(Disposizioni per il Finanziamento Premiale)
1. Come disposto dall'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213, e successive modificazioni, la somma di € 99.025.459 accantonata, ai sensi dell'articolo 1 comma 3, lettera a) del presente decreto, è ripartita, con una proposta di distribuzione tra gli enti secondo la seguente ripartizione:
a) il 70 per cento in base alla Valutazione della Qualità della Ricerca 2004-2010 (VQR 2004/2010 - Rapporto finale 30 Giugno 2013 e Rapporto aggiornato al 30 gennaio 2014), basata sui prodotti attesi, sugli indicatori di qualità della ricerca di area e di struttura, nonché sulla valutazione complessiva di ciascun ente, tenendo conto del valore medio della quota premiale erogata negli anni 2012 e 2013. La numerosità dei prodotti valutati verrà utilizzata per elaborare un indicatore dato dal numero dei prodotti attesi per ciascun ente sul totale dei prodotti attesi di tutti gli enti così come indicati nel rapporto dell'ANVUR.
b) In assenza di VQR, l'assegnazione della quota del fondo è calcolata esclusivamente sulla base della performance rispetto ai programmi e ai progetti realizzati nel biennio 2012 - 2013, da intendersi quale valore medio delle quote premiali assegnate nel biennio 2012 - 2013.
c) Individuazione e classificazione degli enti in "gruppi" di appartenenza in termini di numerosità dei prodotti valutati con la VQR, consistenza e grandezza "scientifica" degli stessi. La consistenza e grandezza scientifica degli enti consisterà in una suddivisione in quattro gruppi degli enti. Tale suddivisione tiene conto del numero dei prodotti attesi sempre individuati dall'ANVUR per ciascun ente e del numero delle aree scientifiche individuate dall'ANVUR in cui tali prodotti risultano presenti per ciascun ente.
d) il restante 30 per cento all'esito della valutazione di un apposito Comitato nominato  con decreto del Ministro per la valutazione di specifici programmi e progetti proposti anche in collaborazione tra gli enti.
2. Con successivo decreto del Ministro è emanato apposito avviso entro la chiusura dell'anno 2015, nel quale vengono fissati i criteri di assegnazione della quota di cui alla precedente lettera d), i termini e le modalità della procedura.
3. Con successivi decreti del Ministro si provvederà all'assegnazione delle somme di cui al presente articolo.

ART. 4
(Disposizioni finali e per l'esercizio finanziario 2016 e 2017)
1. Ai fini dell'elaborazione dei rispettivi bilanci di previsione per gli anni 2016 e 2017, gli enti potranno considerare quale riferimento il 100% dell'ammontare dell'assegnazione ordinaria (tabella 1) salvo eventuali riduzioni apportate per effetto di disposizioni normative di contenimento della spesa pubblica. Il decreto di riparto per l'anno 2016 sarà trasmesso alle competenti Commissioni Parlamentari entro e non oltre il 30 aprile 2016.
2. Una ulteriore quota, non superiore all'8% del Fondo, potrà essere destinata a finanziare i progetti bandiera e di interesse inseriti nella programmazione nazionale della ricerca e progetti di ricerca ritenuti di particolare interesse nell'ambito delle scelte strategiche e/o degli indirizzi di ricerca impartiti dal Ministero, anche nella prospettiva di favorire un incremento della quota contributiva direttamente destinata al sostegno di attività di ricerca. Sono fatte salve successive rimodulazioni eventualmente da stabilirsi con successivo provvedimento.
3. Nelle more dell'adozione del decreto di riconoscimento adottato ai sensi dell'art. 31-bis, comma 6, del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dall'articolo 1, comma 1, legge 4 aprile 2012, n. 35, al fine di assicurare il finanziamento per il triennio 2016-2018 della "Scuola sperimentale di dottorato internazionale Gran Sasso Science Institue (GSSI)" istituita dal medesimo art. 31-bis del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare verrà destinata una quota pari a € 2.000.000 per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018 con i decreti ministeriali previsti dall'articolo 7, comma 2, decreto legislativo 5 giugno 1998, n. 204, quale quota di cofinanziamento dell'assegnazione finanziaria, previa delibera del CIPE,  di € 18.000.000 a valere sull'art. 14, comma 1, del D.L. n. 39/2009 (FSC). Nel conferire carattere di stabilità alla scuola, conseguente al riconoscimento della stessa con il decreto adottato ai sensi dell'art. 31 bis, comma 6, del decreto legge 9 febbario 2012, numero 5, le risorse disposte dal presente comma saranno specificamente allocate a favore della medesima scuola con apposito provvedimento legislativo.
4. Le assegnazioni e le correlate motivazioni saranno pubblicate sul sito del Ministero.
5. Con successivi decreti dirigenziali si provvederà all'assunzione dei relativi impegni di spesa.
Il presente decreto sarà inviato alla Corte dei conti per la registrazione. Registrato alla Corte dei Conti il 15/09/2015 - Foglio n.3857 Roma, 10 agosto 2015 DM 10/08/2015 n.599

Progetto musicale nelle scuole di Orzinuovi, dal Comune 2500 euro per il Piano di diritto allo studio 2015-2016

Progetto musicale nelle scuole di Orzinuovi, dal Comune 2500 euro per il Piano di diritto allo studio 2015-2016
Accordo di rete tra Comune di Orzinuovi e Istituzioni scolastiche. Trasferimento di fondi per la realizzazione dei progetti didattico-educativi per l'anno scolastico 2015-2016. (Decreto del Sindaco n. 2 del 30 gennaio 2015) "Premesso che con deliberazione della Giunta Comunale N. 53 del 28/02/2011 si approvava l’accordo di rete tra il Comune di Orzinuovi e le Istituzioni scolastiche locali, ai sensi dell’art.7, comma 2, del D.P.R. n. 275/1999; Visti gli artt. 2 e 3 del predetto accordo che identifica la Direzione Didattica di Orzinuovi la scuola capofila e come tale si incarica della realizzazione degli interventi, acquisisce i finanziamenti e provvede alla gestione delle risorse finanziarie erogate dal Comune; Richiamato il Piano Diritto allo Studio 2015/2016 approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.52 del 10/09/2015 che stabilisce in € 2.500,00 il finanziamento destinato all’Accordo di rete; Preso atto del progetto approvato con il Piano Diritto allo Studio denominato “Progetto musicale” da svolgersi mediante accordo di rete e del relativo finanziamento di € 2.500,00 previsto per la sua realizzazione; Ritenuto pertanto di assumere al Cap. 1470 – “Trasferimenti assistenza scolastica a soggetti pubblici” – (1040505) la somma complessiva di € 2.500,00 così suddivisa: € 1.500,00 sulla prenotazione n.818 del bilancio di previsione 2015 esigibilità 2015; € 1.0000,00 sulla prenotazione n.107 del bilancio pluriennale 2015/17 anno 2016 esigibilità 2016; Dato atto che, dopo opportuni accertamenti, il pagamento conseguente al presente impegno di spesa è compatibile con il relativo stanziamento a bilancio e con le regole di finanza pubblica; Vista la L. R. 20/03/1980, N. 31 Visto l’art. 107 del Testo Unico 18.08.2000, n. 267; D E T E R M I N A 1) di disporre, per le motivazioni esposte in premessa, il trasferimento di fondi all’Istituto Comprensivo per la realizzazione del progetto didattico-educativo denominato “Progetto musicale” da svolgersi nell’ambito dell’Accordo di rete di cui alla Deliberazione della Giunta Comunale n.53/2011; 2) di assumere al Cap. 1470 – “Trasferimenti assistenza scolastica a soggetti pubblici” – (1040505) la somma complessiva di € 2.500,00 così suddivisa: € 1.500,00 sulla prenotazione n.818 del bilancio di previsione 2015 esigibilità 2015; € 1.0000,00 sulla prenotazione n.107 del bilancio pluriennale 2015/17 anno 2016 esigibilità 2016; D E T E R M I N A Z I O N E n. 94 /DTS_CIT del 28/09/2015 1 3) di dare atto che il sottoscritto Responsabile Area Servizi ai Cittadini, dott.ssa Ornella Loda, è Responsabile del Procedimento e che non si trova in situazione di conflitto di interessi, ai sensi dell’art. 6/bis della Legge 241/90 e s.m.i..
Ai sensi dell’art. 29 comma 4 del Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, la presente determinazione, esecutiva, viene trasmessa in copia: Al Sindaco (mail andrea.ratti@comune.orzinuovi.bs.it) Al Segretario Generale (mail segretario@comune.orzinuovi.bs.it) Al Servizio Economico Finanziario (mail daniela.turotti@comune.orzinuovi.bs.it) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Loda Ornella / ArubaPEC S.p.A.."

Concorso per le Scuole “Alla scoperta di Israele”, il "Grazio Cossali" di Orzinuovi è presente. Tutto il programma



L’Istituto di Istruzione Superiore G. Cossali di Orzinuovi, in rete con il Liceo Respighi di Piacenza, il Centro d’Informazione e Studi sul Medio Oriente (C.I.S.M.O.), l’Associazione Italiana Amici dell’Università di Gerusalemme (A.U.G.) e l’Associazione Israele.net – Notizie e Stampa, vuole riproporre, dopo l’importante esperienza fatta nel 2013 da un gruppo di 40 studenti del nostro Istituto - scrivono dal Cossali di Orzinuovi -, il viaggio di studio in Israele dal 29 novembre al 6 dicembre 2015, collegato al Concorso per le Scuole Superiori “Alla scoperta di Israele” (Edizione 2014/2015). LA SCUOLA COMUNICA IL PROGRAMMA DEL VIAGGIO DI STUDIO IN ISRAELE


domenica 27 settembre 2015

Pietro Ingrao. Sergio Mattarella: presidente della Camera in un passaggio travagliato della vita del Paese

Pietro Ingrao. Sergio Mattarella: presidente della Camera in un passaggio travagliato della vita del Paese
Sergio Mattarella
Presidente della Repubblica Italiana
ROMA - Dichiarazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la scomparsa di Pietro Ingrao. "Desidero esprimere la mia vicinanza e i sensi di profondo cordoglio ai familiari di Pietro Ingrao, agli amici e ai tanti che nel tempo hanno condiviso le sue battaglie politiche e che si sono formati nel confronto con il suo pensiero critico. Ingrao è stato una personalità di grande rilievo non soltanto per la parte politica nella quale ha militato con impegno e dedizione. E' stato un leader importante nella nostra storia repubblicana. E' stato presidente della Camera in un passaggio travagliato e difficile della vita del Paese. E le istituzioni, segnate dai valori della Carta costituzionale, hanno rappresentato per lui un limite entro cui svolgere una corretta competizione di idee ma al tempo stesso un orizzonte democratico, che andava invece sempre più allargato ai nuovi soggetti sociali e agli esclusi.
Non ha avuto paura di esplorare terreni nuovi, né di esprimere dissenso, anche quando questo lo ha esposto a sacrifici sul piano personale. Nel difendere il proprio punto di vista ha tuttavia sempre cercato di assumere una visione nazionale e di tenere vivo il confronto con gli altri.
La poesia era una sua grande passione. E nelle parole della poesia ha spesso cercato di descrivere quelle contraddizioni insanabili, quel dualismo tra speranze e realtà, che sono poi la molla inesauribile nella ricerca di un futuro migliore.
Gli ultimi anni di Ingrao sono stati ancora dedicati alla ricerca. Questa volta più centrata sull'uomo, sul suo destino, sul rapporto con la natura, sulla frontiera sempre in movimento tra modernità e democrazia. La sua passione resterà un patrimonio del Paese e la sua libertà interiore è un esempio per le giovani generazioni".

Concerto di Wembley presentato in diretta via satellite da Londra (performance live nell’Ed Sheeran Night)

Concerto di Wembley presentato in diretta via satellite da Londra (performance live nell’Ed Sheeran Night)
MILANO - A un anno di distanza dal concerto evento degli One Direction che ha sbaragliato ogni record di incassi arriva al cinema il fenomeno musicale del momento Ed Sheeran. Il concerto di Wembley viene presentato in diretta via satellite da Londra il 22 ottobre alle 19,30 (con performance live nell’Ed Sheeran Night) e in replica il 24 e 25 ottobre 2015. Ed Sheeran, uno degli artisti di maggior successo sulla scena internazionale, arriva al cinema con il suo spettacolare film concerto “Jumpers for Goalposts”.
Per festeggiare l’artista ha pensato per i suoi fan a uno speciale evento cinematografico: giovedì 22 ottobre alle ore 19.30, infatti, i cinema del mondo potranno collegarsi in diretta via satellite con Leicester Square a Londra per la Ed Sheeran Night. Dopo il “Green Carpet”, Ed Sheeran presenterà con una performance live la serata, lanciando poi la proiezione in prima mondiale del film.
Nelle giornate del 24 e 25 ottobre “Jumpers for Goalposts” verrà poi replicato per la gioia dei fan.
Jumpers for Goalposts raccoglie le migliori performance dei concerti al Wembley Stadium del luglio 2015, quando Sheeran ha trascinato la folla di 90 mila persone con le sue hits di maggior successo -come The A Team, Sing, Thinking Out Loud-  stupendo il pubblico con un duetto a sorpresa con Elton John.
VIDEO DEL CONCERTO DI ED SHEERAN
Sul grande schermo troverà così spazio uno spettacolo mozzafiato: la musica di Jumpers for Goalposts si intervallerà al trionfale percorso di Ed verso Wembley, offrendo  uno sguardo rivelatore e personale sul dietro le quinte e l’on the road del tour, insieme a una riflessione onesta e intima di Ed – e di quelli più vicini a lui – sul punto in cui è arrivata la sua carriera.
Questo evento speciale al cinema è un invito per i milioni di fan di Ed ad unirsi a lui in contemporanea mondiale per celebrare i risultati raggiunti sino ad oggi. Prima che Sheeran si spinga, inevitabilmente, ancora più in là.
L’evento di Ed Sheeran al cinema è distribuito in Italia da Nexo Digital con i media partner Radio DEEJAY e Team World in collaborazione con Warner Music Italia.
Ed Sheeran ha trascorso gli ultimi cinque anni conquistando il mondo con la sua musica melodica, ambiziosa e personalissima. L'album di debutto '+' (si pronuncia 'plus'), pubblicato nel 2011, ha venduto oltre 2 milioni di copie nel Regno Unito. Dopo aver vinto due prestigiosi premi BRIT, Ed ha conquistato il Nord America con un tour sold-out che ha fatto tappa anche al leggendario Madison Square Garden di New York. Il secondo album di Ed 'x' (si pronuncia 'multiply') è stato pubblicato nel giugno 2014 trasformandosi subito in un successo, tanto da essere certificato Platino in Italia. Con 6 nomination ai Grammy Award, 2 Ivor Novello Award vinti e 2 ulteriori BRIT Award (Best Male Solo Artist e Album of the Year), Ed Sheeran è partito per un tour mondiale tutto esaurito, che ha compreso tre notti al prestigioso Stadio di Wembley. Il suo nuovo album ha venduto oltre 10 milioni di copie in tutto il mondo.

Amarcord alla Taverna Flavia di Roma con Zeudi Araya, “La ragazza dalla pelle di luna”

Amarcord alla Taverna Flavia di Roma con Zeudi Araya, “La ragazza dalla pelle di luna”
Mimmo Cavicchia e Zeudi Araya
ROMA - Molti lustri sono passati ma il fascino de “La ragazza dalla pelle di luna” resta immutato. Ne sa qualcosa l’avvocato-gourmet Mimmo Cavicchia che l’altra sera ha ospitato l’affascinante Zeudi Araya ed ha immediatamente rispolverato dalla parete di Taverna Flavia la foto di quando, tanti anni fa, l’attrice e produttrice cenò e rimase ammaliata dalle molte prelibatezze. Per lei gli anni sembrano non passare: sempre bellissima è tornata dalla Mostra del Cinema di Venezia dove ha presentato “Amarcord” (prodotto dal marito Franco Cristaldi) in versione restaurata e si è concessa una insalata di ovoli con funghi porcini innaffiati da bollicine d’annata.
“Dopo questo bacio mi sento più giovane di 30 anni”, ha commentato l’avvocato Cavicchia. Più Amarcord di così…

Amarcord alla Taverna Flavia di Roma con Zeudi Araya, “La ragazza dalla pelle di luna”

Amarcord alla Taverna Flavia di Roma con Zeudi Araya, “La ragazza dalla pelle di luna”
 Roma. Zeudi Araya alla Teverna Flavia dell'avvocato Mimmo Cavicchia

The Yellows in concerto a Crotone. Viaggio musicale itinerante nei meandri di una città da rivitalizzare

The Yellows in concerto a Crotone. Viaggio musicale itinerante nei meandri di una città da rivitalizzare
CROTONE - Evento musicale venerdì 25 settembre a Crotone, protagonista una band emergente locale. Metti una serata di fine settembre, destinata a concludersi tra i tavolini di una caffetteria tra la piazza ed il centro storico, la cui routine per incanto viene spezzata da un'esplosione di energia pura. Non stiamo raccontando una storia lunare, ma stiamo soltanto dicendo che, venerdì 25 settembre presso il Caffè Italia, Crotone ha vissuto un momento magico grazie alla band di quattro ragazzi che hanno avuto la capacità di spezzare il filo della malinconia, regalando ai presenti ore spettacolari.
Sono i The Yellows il gruppo di cui stiamo parlando e al di là del genere musicale che li caratterizza, riescono a coinvolgere giovani e meno giovani che man mano che il gruppo suona si trovano all'improvviso abbracciati da una folla di gente  che balla e canta i ritornelli dei vari pezzi insieme a loro. Da Mannarino a Rino Gaetano, dai Coldplay a Capossela, un misto di Bluegrass, Pop-Rock e Folk music. Un viaggio musicale itinerante nei meandri di una città da rivitalizzare quello compiuto da questa band che è un vero e proprio diamante da scoprire. Riescono a rimanere in scena per tre ore di seguito senza stancarsi, cantando e caricando gli altri della loro allegria. Il tratto che caratterizza questi ragazzi è la capacità di stare insieme tra di loro ed esibirsi quasi come se si trattasse di un gioco. Una festa insomma, per loro e per noi.
The Yellows in concerto a Crotone. Viaggio musicale itinerante nei meandri di una città da rivitalizzare
In un momento molto particolare, è la Festa a predominare nonostante tutto, e trascorrere quelle ore in loro compagnia è una catarsi, un liberarsi dai fardelli pesanti ed accostarsi alla vita con leggerezza, con un senso diverso che ti aiuta a scoprire gli altri. In fondo, mescolarsi a tutte le altre persone, sentirne l'odore, guardarsi negli occhi battendo le mani e facendo festa, ti fa rientrare in una dimensione diversa. Innanzi tutto ad unire e coinvolgere è la musica che si vive da protagonista, che non è la stessa cosa di una discoteca dove c'è una marea di gente composta da persone lontane le une dalle altre. Ci vuole poco a divertirsi, a far esplodere l'allegria, ed in fondo l'importanza è quella di stare insieme e sentirsi insieme protagonisti di una serata che non sarebbe tale se non ci fossero i  The Yellows. Sono un mito questi ragazzi! Abbiamo bisogno di miti. In questo momento sono un raggio di sole che ingoia le ombre della notte regalandole quella sfumatura di "giallo" che rende tutto più luminoso e allegro.