mercoledì 31 ottobre 2018

Liz Trenow, con "Il Mercante di seta", conduce il lettore nella storia e nel fascino della tessitura

COMO - Il mercante della seta, libro scritto da Liz Trenow (2017 Newton Compton Editori - Gli insuperabili Gold, 379 pagine). Leggo sulla copertina: “Ispirato a un'incredibile storia vera”. Questo romanzo nasce dalle ricerche dell'autrice sulla storia del commercio di seta della sua famiglia.

Opere trafugate, cooperazione Italia-Stati Uniti d'America riporta in Italia 3 manufatti di epoca greca

WASHINGTON - Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. Mibac - Ministero per i beni e le attività culturali. Cooperazione Italia-Usa su opere trafugate, tornano in Italia 3 manufatti di epoca greca. Un piccolo vaso per oli e unguenti, una brocca da vino e una terrina per i cibi, sono questi i tre reperti di epoca greca, trafugati dall’Italia, rintracciati e recuperati grazie alla collaborazione tra il Comando Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri e l’FBI, che sono stati restituiti oggi a Washington nelle mani del ministro per i Beni e le Attività culturali, Alberto Bonisoli.

Badminton, al Superseries di Acqui il Gsa Chiari conquista 10 ori. Ora i Campionati Italiani Under

CHIARI - Nel week end del 27 e 28 ottobre il GSA Chiari ha partecipato al 4° Superseries di Acqui, ultimo appuntamento di alto livello della stagione agonistica di badminton prima dei Campionati Italiani Under di fine novembre.

Temperature minime in sensibile aumento al Centro-Sud. Temporali su Piemonte e Lombardia

TORINO - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. L'1 novembre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

martedì 30 ottobre 2018

Salvatore Campo arrestato dalla Guardia di finanza di Catania, accusa di estorsione per il presidente dell'Asia

CATANIA - Procura della Repubblica presso il tribunale di Catania. Su delega di questa Procura della Repubblica, i Finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un’ordinanza del G.I.P. etneo di applicazione degli arresti domiciliari nei confronti di CAMPO Salvatore (cl.1943), presidente dell’Associazione Siciliana Antiestorsione (A.SI.A.), indagato per estorsione continuata, peculato e falso ideologico.

Terremoto in Nuova Zelanda, scossa di magnitudo 6.0 della scala Richter

ROMA - Terremoto in Nuova Zelanda, scossa di magnitudo mwp 6.0 della scala Richter avvenuta nella zona: North Island, New Zealand, il 30 ottobre 2018, alle ore 02:13:40 (Utc), ore 03:13:40 in Italia, ore 15:13:40 (Utc +13) orario locale nella zona del terremoto (Pacific/Auckland).

lunedì 29 ottobre 2018

Marilena Cavallo e Pierfranco Bruni faccia a faccia su Cesare Pavese. Letteratura, antropologia e filosofia

GROTTAGLIE - Martedì 30 ottobre 2018, alle ore 19, a Grottaglie, presso la Libreria Mondadori, Pierfranco Bruni in un confronto con Marilena Cavallo discutono di Cesare Pavese a 110 anni dalla nascita.

Temporali su Piemonte e Friuli-Venezia Giulia. Temperature in diminuzione sensibile su tutt'Italia

TORINO - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 30 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Terremoto a Trevi, scossa di magnitudo 3.1 della scala Richter

TREVI - Terremoto in Umbria, scossa di magnitudo ml 3.1 della scala Richter avvenuta in provincia di Perugia - zona: 3 km W Trevi (Pg) -, il 29 ottobre 2018, alle ore 05:10:53.

domenica 28 ottobre 2018

Prima italiana di Anne Teresa de Keersmaeker/Rosas al Teatro Municipale Valli con "Achterland"

REGGIO EMILIA - Festival Aperto Reggio Emilia: in prima italiana "Achterland" di Anne Teresa de Keersmaeker/Rosas. La coreografa, figura di riferimento della danza contemporanea, pone al centro della scena i musicisti: la musica di Ligeti a quella di Ysaÿe diventa fonte di ispirazione per realizzare una "partitura danzata". Mercoledì 31 ottobre 2018, ore 20.30 Teatro Municipale Valli.

Temperature massime in sensibile diminuzione sulla Sardegna. Temporali in Valle d'Aosta e Piemonte

AOSTA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 29 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Cibo democratico. Napoli e Ivsi celebrano salumi e carne suina, democratici per eccellenza

NAPOLI - “Cibo a Regola d’Arte”: talk dell'Istituto Valorizzazione Salumi Italiani. Importante evento domenica 28 ottobre, alle ore 12, presso villa Pignatelli nell'ambito della kermesse 'Cibo a regola d' arte'. L'occasione, organizzata dall'Istituto Valorizzazione Salumi Italiani, intende celebrare il cibo democratico; sarà infatti presentato il panino democratico dall'anima partenopea...

sabato 27 ottobre 2018

Theatron, opera di Patrizio Ranieri Ciu, trionfa a Trieste con Francesco Gusmitta. Umanità che si confessa

TRIESTE - Francesco Gusmitta porta in trionfo a Trieste Theatron l’opera teatrale di Patrizio Ranieri Ciu prodotta da Ali della Mente con la Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla, il giovane gruppo nato dall’azione culturale della Amministrazione comunale di Caserta.

Terremoto a Stigliano, scossa di magnitudo 3.1 della scala Richter

STIGLIANO - Terremoto in Basilicata, scossa di magnitudo ml 3.1 della scala Richter avvenuta nelle province di Matera e Potenza - zona: 5 km SE Stigliano (Mt) -, il 27 ottobre 2018, alle ore 14:58:05.

Diritti d'autore, Antitrust accerta abuso di posizione dominante della Siae nei mercati dei servizi

ROMA - Con provvedimento del 25 settembre 2018, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accertato che la Siae, almeno dal 1° gennaio 2012, ha posto in essere un abuso di posizione dominante in violazione dell’art. 102 Tfue, articolato in una pluralità di condotte complessivamente finalizzate a escludere i concorrenti dai mercati relativi ai servizi di gestione dei diritti d’autore non inclusi nella riserva originariamente prevista dall’art. 180 Lda, nonché a impedire il ricorso all’autoproduzione da parte dei titolari dei diritti, garantita dall’articolo 180, comma 4, Lda.

Temporali su Piemonte, Liguria e Lombardia. Temperature massime in sensibile diminuzione al Centro

TORINO - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 28 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

venerdì 26 ottobre 2018

Opere di Gabriele D’Annunzio immorali. Ancora oggi parlando del Vate si tirano fuori oscenità. Ridicolo!

ROMA - Perché la Santa Inquisizione mise all’Indice Gabriele D’Annunzio? Gabriele D’Annunzio all’Indice! Erano gli anni del Pontificato di Pio X, Pio XI e Pio XII. Più volte perseguitato e condannato per grave immoralità.

La struttura dell’argomentazione nella Retorica di Aristotele. Simone Fagioli nell'analisi dei discorsi politici

SPOLETO - Il premio SpoletoFestivalArt all’impegno filosofico di Simone Fagioli. Aristotele al centro del dibattito contemporaneo. Con “La struttura dell’argomentazione nella Retorica di Aristotele”, edito della Società Editrice Fiorentina, Simone Fagioli riceve il Premio Internazionale SpoletoFetsivalArt per la filosofia contemporanea, presieduto dall’avvocato e poeta Angelo Sagnelli e dal professore Luca Filipponi.

Terremoto in Grecia, scossa di magnitudo 5.0 della scala Richter

ROMA - Terremoto in Grecia, scossa di magnitudo mb 5.0 della scala Richter avvenuta nella zona: Costa Occidentale Peloponneso, il 26 ottobre 2018, ore 05:48:37 (Utc), ore 07:48:37 in Italia, ore 08:48:37 (Utc +3) orario locale nella zona del terremoto (Europe/Athens).

Temperature minime in sensibile aumento sulla Romagna. Temporali in Toscana e Liguria

FIRENZE - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 27 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Terremoto a Trevi, scossa magnitudo 3.0 della scala Richter

TREVI - Terremoto in Umbria, scossa magnitudo ml 3.0 della scala Richter avvenuta in provincia di Perugia - zona: 4 km W Trevi (Pg) -, il 26 ottobre 2018, alle ore 01:28:42.

giovedì 25 ottobre 2018

Opere artistiche del Premio Nobel 1997 all'Istituto Italiano di Cultura di Colonia: "Dario Fo a colori"

COLONIA - Mostra "Dario Fo a colori" presso l'Istituto Italiano di Cultura Colonia. L’Istituto presenta, nei prossimi mesi, una mostra di opere artistiche del Premio Nobel 1997, Dario Fo. Inaugurazione il 15 novembre 2018.

Valutare e validare modelli di intervento per bonifiche sostenibili con Syndial e Fondazione Università Ca’ Foscari

VENEZIA - Syndial con la Fondazione Università Ca’ Foscari per validare gli interventi di ‘bonifica sostenibile’ secondo i principi dell’economia circolare. Syndial, società ambientale di Eni , ha sottoscritto oggi con la Fondazione Università Ca’ Foscari Venezia un accordo per le bonifiche sostenibili.

Omicidio Massimo Ripepi: dai carabinieri l'esecutore materiale del delitto, ex cognato della vittima

VIBO VALENTIA - Maltrattamenti e soprusi nei confronti della ex moglie e dei suoi figli alla base della furia omicida, che ha visto vittima Massimo Ripepi, la scorsa domenica, in pieno centro abitato all'ora di pranzo.

Premio di pittura e grafica “Andare Oltre… nella Luce” a La via del cuore di Lorenzo Bramati

TORINO - I vincitori della prima edizione del Premio di pittura e grafica “Andare Oltre… nella Luce”. Vince “La via del cuore” di Lorenzo Bramati, seguito dal “Fiore di luce” di Nadia Gaggioli e da “Il mio punto luce” di Alga Ettini. Tra i menzionati “Continuo” del quindicenne sidernese Andrea Rupolo.

Omesso versamento dell'Iva, Guardia di finanza di Cosenza effettua sequestro per 1 milione di euro

COSENZA - Esecuzione di un decreto di sequestro preventivo da parte della Guardia di finanza di Cosenza per equivalente per un valore di un milione di euro per omesso versamento dell'Iva. I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza coordinati dalla Procura della Repubblica di Cosenza hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per equivalente per un valore di circa un milione di euro, disposto dal G.I.P. del Tribunale di Cosenza nei confronti di una nota società cosentina, operante nel settore alberghiero.

Temporali su Liguria e Toscana. Temperature massime in sensibile rialzo su Puglia e Sicilia

GENOVA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 26 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Vanity Fair - La fiera delle vanità, una delle serie più attese dell’anno in tutto il mondo, arriva su laF

MILANO - laF (Sky 135): Vanity Fair - il costume drama dell'anno da venerdì 26 ottobre in prima tv assoluta. Nuovo adattamento del classico “La Fiera della Vanità” con un cast di leggende e giovani star, fra cui Olivia Cooke nei panni dell’affascinante arrivista Becky Sharp, sfavillanti ambientazioni e costumi.

mercoledì 24 ottobre 2018

Stefano Casciu a Lisbona. I Musei della Toscana riuniti nel Polo Museale: assoluta eccellenza italiana

LISBONA - Il direttore del Polo Museale della Toscana al Museo Nazionale di Arte Antica di Lisbona per presentare i musei del Polo, giovedì, 25 ottobre 2018, alle ore 18,30. Istituto Italiano di Cultura di Lisbona , 25 ottobre 2018, Stefano Casciu a Lisbona per presentare i Musei del Polo Museale della Toscana.

Pinerolo, capannone adibito a discarica abusiva con ecoballe di rifiuti plastici sequestrato dai carabinieri

PINEROLO - Nucleo Operativo Ecologico di Torino. Comando Generale Arma Carabinieri. I carabinieri del Noe di Torino e della compagnia di Pinerolo sequestrano un capannone adibito a discarica abusiva.

Aggiornamenti software di Apple e Samsung riducono funzionalità dei cellulari, sanzioni dall'Antitrust

ROMA - Apple e Samsung sanzionati dall'Antitrust, aggiornamenti software hanno procurato gravi inconvenienti e/o ridotto le funzionalità di alcuni cellulari. Ad esito di due complesse istruttorie, l’ Agcm ha accertato che le società del gruppo Apple e del gruppo Samsung hanno realizzato pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 20, 21, 22 e 24 del Codice del Consumo in relazione al rilascio di alcuni aggiornamenti del firmware dei cellulari che hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi.

Visite guidate a Palazzo Vincentini, sede della Prefettura di Rieti, con grande successo di pubblico

RIETI - Apertura gratuita al pubblico di Palazzo Vincentini (sec.  XVI), sede della Prefettura di Rieti. Nell’ambito delle iniziative promosse dalla Prefettura per la conoscenza e valorizzazione di un importante luogo d’interesse storico ed artistico del capoluogo, si sono recentemente svolte le prime visite guidate a Palazzo Vincentini, sede del Palazzo del Governo.

Antonella Ferraiolo Gorlero, col suo libro "Antikka", ai Martedì Letterari del Casinò di Sanremo

SANREMO - Antonella Ferraiolo Gorlero ai Martedì Letterari del Casinò di Sanremo, eccezionalmente venerdì 26 ottobre ore 18, Teatro dell’Opera. Antonella Ferraiolo Gorlero presenta il libro:”Antikka” (Edilgrafema)  L’incontro è inserito nel piano di Formazione dei docenti.

Terremoto a Milo, scossa di magnitudo 3.1 della scala Richter

MILO - Terremoto in Sicilia, scossa di magnitudo ml 3.1 della scala Richter avvenuta in provincia di Catania - zona: 11 km W Milo (Ct) -, il 24 ottobre 2018, alle ore 00:47:54.

martedì 23 ottobre 2018

Reinhold Messner traccia la strada dell'alpinismo “umanista”, individuo al centro dell’attività sportiva

PAVIA - Reinhold Messner: “Oggi sono più interessato alla cultura dei Popoli delle montagne che all’alpinismo stesso”. Questo il pensiero del celebre alpinista, intervenuto oggi a Pavia al Convegno “Spazio e tempo nelle civiltà montane” in memoria del filosofo e scrittore Luigi Zanzi.

Riciclaggio e abusiva attività finanziaria, nove persone arrestate dalla Guardia di finanza di Firenze

FIRENZE - Operazione "Nemesi": 23 persone indagate per riciclaggio e abusiva attività finanziaria; eseguiti 9 arresti e 5 misure coercitive da parte della Guardia di finanza. Movimentazione di oltre 5 milioni di euro.

Io sono Rosa Parks. A Verona lo spettacolo scritto e diretto da Alessandro Garilli. Unire ieri a oggi

VERONA - Aspettando la 38esima edizione del Fca. Eventi in attesa del Festival di Cinema Africano . Spettacolo teatrale "Io sono Rosa Parks", domenica 28 ottobre, alle ore 21, presso il Teatro Cinema Santa Teresa, via Molinara, 23 (zona Borgo Roma), Verona.

Rapine e furti in banche e gioiellerie di Napoli, carabinieri smantellano "banda del buco" di 12 uomini

NAPOLI - “Banda del buco”, i carabinieri di Napoli smantellano una organizzazione di 12 uomini aiutati da un dipendente del Comune di Napoli e da una guardia giurata; arrestata nella notte dai carabinieri della compagnia di Napoli-centro una “banda del buco” composta di 12 complici; dopo indagini coordinate dalla procura di Napoli il Gip ha emesso un’ordinanza per associazione a delinquere, detenzione e porto illegali di armi, rapina, furto aggravato e ricettazione, reati di cui i soggetti rispondono a vario titolo.

Arezzo dormitorio per 365 giorni l'anno non trova e non troverà riscontro, proposta inutile e inefficace

AREZZO - La morte del senza tetto: la dichiarazione congiunta del sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, e dell'assessora alle Politiche sociali, Lucia Tanti. “Il fatto accaduto in queste ore, tutto da accertare negli aspetti specifici, mette in luce ciò che da tempo è sotto gli occhi di tutti circa una fascia di disagio sociale che per le ragioni più varie non si rende disponibile a trovare sostegno in percorsi di recupero.

lunedì 22 ottobre 2018

Giovanni (Gio) Ponti. Un grande artista, superbo designer. Innova con la Concattedrale di Taranto

TARANTO - Gio Ponti. L’ideatore di una arte innovativa con la Concattedrale di Taranto che ha come sponsor gratuito la catena Alitalia. Prepariamo le celebrazioni di Gio Ponti! Il marchio “Alitalia” è sinonimo di viaggio nel mondo. È sinonimo anche di turismo nel mondo.

Contributi volti alla sterilizzazione di cani di proprietà, il Comune di Carbonia vuole evitare cucciolate

CARBONIA - Bando per contributi volti alla sterilizzazione di cani di proprietà. Obiettivi del progetto del Comune di Carbonia. Realizzare un programma di controllo delle nascite di cucciolate indesiderate, che possono alimentare la popolazione di cani randagi.

Giorgio Tonti mostra la sua arte con "Concerto Visivo" nella Manica Lunga del Castello di Casale Monferrato

CASALE MONFERRATO - Concerto Visivo: Giorgio Tonti espone al Castello. Sarà inaugurata sabato 27 ottobre alle ore 18 nella Manica Lunga del Castello di Casale Monferrato l’esposizione “Concerto Visivo”, personale di pittura del monferrino “d’adozione” Giorgio Tonti. La mostra resterà visitabile gratuitamente fino a domenica 18 novembre il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Saranno possibili anche visite infrasettimanali su prenotazione al numero 0142 444330.

Calsonic Kansei e Magneti Marelli progettano un leader indipendente nella componentistica automotive

MILANO - Leader indipendente nella componentistica automotive con Calsonic Kansei e Magneti Marelli insieme. Le attività congiunte opereranno sotto il nome Magneti Marelli CK Holdings. Magneti Marelli CK Holdings avrà un fatturato totale di 15,2 miliardi di euro, creando uno dei dieci maggiori fornitori indipendenti nella componentistica per automotive al mondo.

Temperature massime in sensibile aumento su Nord-Ovest. Temporali in Basilicata e Puglia

POTENZA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 23 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

domenica 21 ottobre 2018

Strisce pedonali 3D, I Popolari per Arezzo chiedono sicurezza per le strade cittadine

AREZZO - Strisce pedonali 3D per rendere più sicure le strade aretine. I Popolari per Arezzo propongono di utilizzare illusioni ottiche per ridurre velocità e incidenti. Le strisce potrebbero essere testate nelle strade maggiorente a rischio per tutelare i pedoni.

Uncem e Anci monitorano l'azione di Open Fiber e Infratel, mille cantieri da avviare

TORINO - Banda ultralarga e azione per i Comuni italiani. Programma per garantire piena attuazione del piano nazionale. Infratel e Open Fiber siano più veloci. Con i Comuni, impegno su competenze, servizi e iter tecnico.

Temporali in Abruzzo e Molise. Temperature massime in aumento sul Friuli-Venezia Giulia

L'AQUILA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 22 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

sabato 20 ottobre 2018

Festa del Cinema di Roma, grande successo all'anteprima del film "Mani Rosse"

ROMA - Grande successo all'anteprima del film d'animazione "Mani Rosse", evento speciale Alice nella Città - Festa del Cinema di Roma. “Mani Rosse”, il mediometraggio in animazione del regista bolognese Francesco Filippi, prodotto da Sattva Films in collaborazione con Rai Ragazzi, è stato presentato oggi in anteprima assoluta durante la Festa del Cinema di Roma dove ha riscosso un notevole successo di pubblico.

Incapacità di amare al Teatro Carignano di Torino con "La maladie de la mort", da Marguerite Duras

TORINO - Progetto Internazionale Torino, Teatro Carignano, 3 e 4 novembre 2018, in prima italiana, lo spettacolo "La maladie de la mort", da Marguerite Duras, adattamento Alice Birch; con Laetitia Dosch, Nick Fletcher; narratrice Jasmine Trinca; regia Katie Mitchell. Spettacolo in lingua italiana e francese con soprattitoli in italiano. Consigliato ai maggiori di 18 anni.

Temperature massime in diminuzione sulle regioni centro-meridionali. Temporali in Emilia-Romagna

BOLOGNA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 21 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Romanticismo alle Gallerie d’Italia e al "Poldi Pezzoli" di Milano, c'è La famiglia La Marmora di Pietro Ayres

BIELLA - La tela di Ayres tra i 200 capolavori del Romanticismo in mostra a Milano. Ci sarà anche un dipinto biellese tra i duecento capolavori dell’arte romantica esposti alle Gallerie d’Italia e al Museo Poldi Pezzoli di Milano dal 26 ottobre 2018 al 17 marzo 2018 nell’ambito della mostra “Romanticismo”.

venerdì 19 ottobre 2018

Bambini e preadolescenti nel mondo digitale, l'aiuto ai genitori dal libro di Annalisa D’Errico e Michele Zizza

ROMA - “Figli virtuali. Percorso educativo alla tutela e alla complicità nella famiglia digitale”: libro scritto da Annalisa D’Errico e Michele Zizza, pubblicato dalla casa editrice Erickson. Il volume introduce genitori, insegnanti e educatori nel complesso compito di interpretazione del mondo digitale, soprattutto in riferimento a bambini e preadolescenti.

Domenico Capodiferro e i suoi familiari arrestati per usura, sequestrati beni per 1 milione di euro

BARI - Procura della Repubblica di Bari. Operazione "Ragnatela". Scacco ai Capodiferro di San Girolamo: le Fiamme Gialle arrestano Domenico Capodiferro e i suoi familiari per usura. La Guardia di finanza sequestra beni per oltre 1 milione di euro.

Macchine e attrezzature per le costruzioni, Carl Gustaf Göransson protagonista al convegno di Roma

LONDRA - CNH Industrial al Convegno internazionale delle Macchine e attrezzature per le costruzioni. Carl Gustaf Göransson, Brand President di CASE Construction Equipment e di New Holland Construction, ha preso parte al più importante appuntamento annuale del settore, illustrando le profonde trasformazioni in atto e le prospettive per il futuro.

Chi sarà a scrivere il settimo libro della serie della Torre Nera? Ma ecco "La canzone di Susannah"

COMO - La canzone di Susannah, libro di Stephen King (2004 Sperling & Kupfer Editori S.p.A., 496 pagine). Prosegue la saga in questo sesto libro della famosa serie della Torre Nera. Susannah, posseduta da Mia, incinta del Tizio, fugge attraverso la porta introvata per andare a partorire.

giovedì 18 ottobre 2018

Inps: in crescita i contratti a tempo indeterminato, 280 euro mensili per il lavoro occasionale

ROMA - Osservatorio sul precariato. L' Inps pubblica i dati di agosto 2018. La dinamica dei flussi. Complessivamente le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-agosto 2018 sono state 5.046.000: sono aumentate del 7,0% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Riscatto e nuova vita del Castello di Gallipoli, successo di una tesi di laurea del Politecnico di Bari

BARI - Cerimonia il 27 ottobre. Primo al XXI concorso sull’Architettura Fortificata. Il riscatto e la nuova vita del Castello di Gallipoli è la proposta vincente di una tesi di laurea in architettura del Politecnico di Bari.

Tiziana De Giacomo in Mostri a Parte, spettacolo che ironizza televisione e nuovo show business

NAPOLI - Tiziana De Giacomo si prepara al debutto a teatro con “Mostri a Parte”. L’attrice sarà in tournèe teatrale con il nuovo spettacolo per la regia di Maurizio Casagrande. Tiziana De Giacomo è impegnata in questi giorni a teatro con le prove dello spettacolo Mostri a parte, una commedia brillante in cui lo spettatore deve lasciarsi alle spalle la monotonia della quotidianità e godersi una serata di farsa, follia e divertimento puro.

mercoledì 17 ottobre 2018

Eni firma a Maputo per l'acquisto di diritti esplorativi in Mozambico, sviluppo del blocco offshore A5-A

SAN DONATO MILANESE - Eni acquisisce nuovi diritti esplorativi in Mozambico. Eni ha firmato a Maputo, alla presenza del ministro delle Risorse minerarie e dell’Energia Ernesto Max Tonela, il contratto per i diritti esclusivi di esplorazione e sviluppo del blocco offshore A5-A, nelle acque profonde del Bacino Settentrionale dello Zambesi, a circa 1.500 chilometri a nord est della capitale.

Prova scritta per il concorso nelle Forze armate, la Guardia di Finanza di Napoli arresta 15 persone

NAPOLI - La Guardia di finanza di Napoli scopre un sistema fraudolento utilizzato per superare la prova scritta del concorso per il reclutamento di Vfp4 nelle Forze armate. I finanzieri eseguono 15 ordinanze di custodia cautelare.

Pensionati periferia sociale dell’Italia. Da Napoli si parte con le parole dignità, speranza ed entusiasmo

NAPOLI - "I Pensionati ‘periferia sociale’ dell’Italia",  se ne parla venerdì 19 ottobre (ore 16) presso il Museo della Pace di Napoli. L’Sos di Fortunato Sommella: “La previdenza per i giovani è nulla. Bisogna dar loro l’opportunità di lavorare!”

Temperature massime in aumento su Toscana e Lazio. Temporali in Sardegna, Sicilia e Calabria

CAGLIARI - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 18 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

martedì 16 ottobre 2018

Omicidio Cucchi, il generale Nistri a Vespa: un carabiniere deve essere degno di indossare la divisa

ROMA - Il comandante generale Nistri a Porta a Porta su Stefano Cucchi: “Chi sa parli, un carabiniere deve sempre dire la verità”. Nella trasmissione di “Porta a Porta” sul caso Cucchi di oggi 16 ottobre il comandante generale dell’Arma dei carabinieri generale Giovanni Nistri in un’intervista televisiva esclusiva a Bruno Vespa, rivolgendosi ai militari dell’Arma, ha detto: “Chi sa parli”.

Radiotaxi Torino, l'Antitrust apre un'istruttoria sulla società per abuso di posizione dominante

ROMA - L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato, a seguito di una segnalazione della società Mytaxi Italia S.r.l, un procedimento istruttorio per possibile abuso di posizione dominante (in violazione degli articoli 102 TFUE e 3 della legge 287/90), nei confronti della società di gestione del servizio radio taxi a Torino, Società Cooperativa Taxi Torino, cui aderisce oltre il 90% dei tassisti attivi a Torino.

Truffa all'Inps e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, 3 persone arrestate ai Castelli Romani

ROMA - La Guardia di finanza di Roma arresta tre persone ai Catelli Romani. Nell'operazione denominata "Loan-Shark", i finanzieri smantellano una organizzazione criminale dedita anche alla truffa nei confronti dell'Inps e al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Temperature massime in diminuzione sul Piemonte. Temporali su Liguria e Lombardia

GENOVA - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 17 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

lunedì 15 ottobre 2018

Ritratti di rifugiati con le loro storie, arrivano a Napoli con la mostra "Io Sono" di Luisa Menazzi Moretti

NAPOLI - Luisa Menazzi Moretti, Io Sono. Mostra dal 25 ottobre al 23 novembre 2018 al Pan (Palazzo delle Arti Napoli). Vernissage: 24 ottobre, ore 18. Venti ritratti di rifugiati con le loro storie arrivano a Napoli, per raccontare con una mostra fotografica la loro identità.

Agnese Moro e Carmelo Musumeci insegnano a non chinare il capo di fronte all'odio. Il male non vince

MONTESOLARO - Venerdì 12 ottobre nella parrocchia della Beata Vergine Assunta di Montesolaro (Como), è avvenuto un incontro dibattito. Davanti alle panche della chiesa al completo c'erano: Carmelo Musumeci, ergastolano. Agnese Moro, giornalista, figlia di Aldo Moro. Sr. M. Grazia Colombo Op, monaca domenicana. Nadia Bizzotto, responsabile della struttura di accoglienza “Il sogno di Maria” della Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi. L'incontro è stato moderato da Fabio Arnaboldi.

Alessandro Preziosi e Sarah Felberbaum, protagonisti di "Nessuno come noi", a Radio Subasio

ROMA - A Radio Subasio Alessandro Preziosi e Sarah Felberbaum. Da "Nessuno come noi" a Speciale per Un'Ora d'Amore. Il giorno dopo l'uscita nelle sale di "Nessuno come noi" il film tratto dall'omonimo romanzo di Luca Bianchini (edito da Mondadori) Alessandro Preziosi e Sarah Felberbaum saranno ospiti su Radio Subasio a  Speciale Per Un'Ora d'Amore.

Università degli Studi di Napoli Federico II ed Eni per lo sviluppo dell’industria sostenibile del futuro

NAPOLI - Eni e l’Università degli Studi di Napoli Federico II insieme per lo sviluppo dell’industria sostenibile del futuro. Eni e "Federico II" hanno siglato oggi un accordo di collaborazione su temi di ricerca e sviluppo nel mondo dell’energia, dell’economia circolare e dell’Industria 4.0.

Pianoro Cricket Club medaglia d'argento alla finale di Coppa Italia 2018. Ora arriva il VI All Time

BOLOGNA - Cricket: finale di Coppa Italia 2018. Al Pianoro Cricket Club solo la medaglia d'argento in questa difficile competizione nazionale. Domenica 14 ottobre sul campo del Bologna al centro Dozza si è disputata la finale di Coppa Italia 2018 e che ha visto contrapposte le compagini del  Pianoro Cricket Club contro lo Janjua Brescia Cricket Club.

Fabrizio Sanna ritorna col singolo "Basta uno sguardo". Il colpo di fulmine che cambia le carte in tavola

ROMA - "Basta uno sguardo", il nuovo singolo di Fabrizio Sanna in radio dal 12 ottobre 2018 (DGM Studio). Videoclip . Da venerdì scorso nelle radio italiane "Basta uno sguardo", il singolo che segna il ritorno del cantante sassarese Fabrizio Sanna, singolo scritto da Gabriele Oggiano, Fabio Vaccaro e Andrea Amati (autore  Warner per Francesco Renga, Nek, Emma, Annalisa, Alessandra Amoroso, Marco Carta) che anticipa l'Ep in uscita a dicembre 2018.

Vittorio Sgarbi a Gallipoli traccia la proposta sul turismo dell’arte. Rilanciare Salento e patrimonio storico

GALLIPOLI - A Gallipoli, Vittorio Sgarbi promuove il turismo dell’arte. L’evento. Bonus fiscali per rilanciare il Salento e il patrimonio storico. L’iniziativa dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Lecce e della Fondazione Messapia.

domenica 14 ottobre 2018

Paolo Gallo illustra al premier Giuseppe Conte il Piano Industriale Italgas 2018-2024 da 5,6 miliardi di euro

MILANO - Italgas: il presidente del Consiglio dei ministri visita la sede di Milano e la Digital Factory. Il premier Giuseppe Conte, ha visitato oggi la sede Italgas di Milano accompagnato dall’amministratore delegato della Società, Paolo Gallo.

All’incontro ha preso parte anche il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il sottosegretario agli Affari regionali Stefano Buffagni e il presidente di Cassa Depositi e Prestiti Massimo Tononi.

La visita è stata l’occasione per illustrare al presidente del Consiglio le caratteristiche della distribuzione del gas, le sue prospettive di sviluppo, le sfide dell’innovazione e le strategie di Italgas.

Paolo Gallo - riporta il comunicato stampa della Società - ha ripercorso i fondamentali del Piano Industriale Italgas 2018-2024 che prevede investimenti per 5,6 miliardi di euro; un Piano che ha tra i principali obiettivi il consolidamento del settore, nel quale oggi sono presenti oltre 200 operatori, in larga parte di piccole e piccolissime dimensioni, che vedrà Italgas protagonista.

Inoltre, l’altra grande sfide del Piano Industriale è l’innovazione tecnologica alla quale Italgas ha destinato 800 milioni di euro per la digitalizzazione della rete e dei processi; progetto che produrrà importanti miglioramenti in termini di gestione dell’infrastruttura, efficienza e qualità del servizio.

Il presidente del Consiglio ha visitato i nuovi spazi destinati all’innovazione tecnologica (“Digital Factory”) nei quali team multifunzionali svilupperanno nuove soluzioni IT in modalità Agile e Time-Boxed finalizzate alla trasformazione dei processi aziendali. Questo nuovo luogo di lavoro vedrà il coinvolgimento del personale Italgas e darà spazio e opportunità all’ecosistema delle piccole e medie aziende che vorranno sviluppare, con il supporto dell’azienda, tecnologie e strumenti altamente innovativi. Italgas si riconferma azienda all’avanguardia nel panorama europeo dei distributori di gas e modello di riferimento anche nel campo dell’innovazione.


«Negli ultimi due anni - ha sottolineato Paolo Gallo – Italgas sta vivendo uno straordinario cambiamento: dal suo ritorno in Borsa è stata capace di avviare importanti trasformazioni organizzative, tecnologiche e culturali. Stiamo investendo sulle persone e sull’innovazione e la visita di oggi del Presidente del Consiglio oltre che un onore, è per me e per le 4mila persone di Italgas una significativa espressione di fiducia e una conferma della bontà del lavoro che stiamo portando avanti».

Prc di Arezzo dalla parte di Mimmo Lucano, e con Riace. No al modello Salvini e alle politiche razziste

AREZZO - Prc Arezzo dice No al modello Salvini, Sì al modello Riace! Troviamoci tutti assieme per opporci a questa politica, la solidarietà non è reato. Rifondazione Comunista di Arezzo invita tutte le associazioni e i movimenti al Circolo Aurora ad Arezzo martedì 16 ottobre alle 21 a sostegno del modello Riace e del sindaco Mimmo Lucano contro cui il Governo ha scatenato una vera e propria guerra.

Salvini si prepara al trasferimento forzato dei migranti pur di cancellare questo esempio di solidarietà ed accoglienza. Contro il governo e le sue politiche razziste scendiamo in piazza a fianco di Riace.

L’appello ad aderire nasce con l’intento di sensibilizzare tutti e indire un sit in aperto e pubblico per chiedere l'immediata revoca degli ingiusti arresti domiciliari e fare chiarezza.

Riace, dagli anni ’60 ha subito una continua emigrazione e sembrava destinato a spopolarsi sino a morire. L’amministrazione Lucano, negli ultimi 15 anni, è riuscita a salvare il suo comune rendendolo un luogo vivo e vivace grazie all'accoglienza. Un luogo che affascina chiunque ci vada.

Gli stessi ispettori della prefettura di Reggio Calabria hanno scritto: “Riace è così, è un microcosmo strano e composito, che ha inventato un modo per accogliere e investire sul proprio futuro… Si ritiene, per concludere, che l’esperienza di Riace sia importante per la Calabria e segno distintivo di quelle buone pratiche che possono far parlare bene di questa Regione”.

L'economia è cresciuta, si sono creati nuovi posti di lavoro e questo tenendo fuori la criminalità organizzata e la corruzione.

Tutto ciò senza cementificare ed inquinare, anzi migliorando la salvaguardia dell’ambiente. Sono aumentati i servizi e si sono ridotte le tasse; si sono recuperate abitazioni in via di disfacimento e riqualificato il paese.

A studiare il “modello Riace” sono venuti dall’estero, gli sono stati dedicati film, fiction televisive (poi censurate) e libri, questo perché con “i famosi 35 euro” non solo garantiva ai migranti una vita dignitosa con l'accoglienza diffusa ma col denaro in eccedenza, e non avrebbe dovuto, creava strutture per produrre occupazione come il frantoio, la fattoria didattica e tanto altro, tutto a ritorno e a favore della città di Riace.

La cosa certa, si evince dalle carte della prefettura e del tribunale, né Mimmo Lucano, né nessun altro si è arricchito o ha sfruttato la situazione per fini personali e soprattutto la criminalità organizzata è stata tenuta fuori dal comune di Riace.

Questa è dunque la vera colpa di Mimmo Lucano: dimostrare che si può ben amministrare e creare una economia solidale ed una società inclusiva. Questo si tratta di un vero e proprio accerchiamento che non può non essere inquadrato dentro una cornice di vera e propria persecuzione politica.


Si vuole smantellare un’esperienza, un modello, un sogno sotto la cappa di una presunta legalità...se le leggi producono ingiustizie noi siamo per la disobbedienza civile!

Martedì 16 ottobre, mentre il Tribunale del Riesame si pronuncerà sugli arresti di Mimmo Lucano,
noi ci troviamo in Piazza Sant’Agostino presso il Circolo Aurora per ribadire che stiamo dalla parte di Mimmo Lucano, con Riace e con quello che rappresenta. Organizzeremo dunque, tutti insieme, un sit in per chiedere chiarezza e risoluzione ma soprattutto che Mimmo Lucano venga al più presto liberato!

Olimpiadi di Astronomia: sul podio Andrea Labate. Miglior grafico alla bovese Vittoria Altomonte

REGGIO CALABRIA - Terzo posto per il reggino Labate alle Olimpiadi di Astronomia. Medaglia per il miglior grafico alla giovane bovese Vittoria Altomonte. Bronzo alle Olimpiadi internazionali di Astronomia per Andrea Labate il giovane reggino selezionato assieme a Vittoria Altomonte, di Bova Marina, per far parte della squadra italiana, accompagnata dagli astronomi Giuseppe Cutispoto e Agatino Rifatto.

A Colombo, in Sri Lanka, lo scorso 6 ottobre, erano arrivati in tutto 87 ragazzi, provenienti da 17 paesi del mondo.

Andrea Labate, studente del Liceo "Leonardo da Vinci", ha sostenuto tre prove impegnative sui satelliti, Marte e la nube di Oort nella prova teorica, campi stellari e periodi di rotazione di stelle variabili nelle prove osservative e pratiche.

Alla giovane della Ionica, iscritta all'Istituto di Istruzione Superiore "Euclide", invece, medaglia speciale per il miglior grafico.

«È un grande risultato per la squadra italiana, per la Calabria e la nostra Reggio - commenta Angela Misiano, responsabile scientifico del Planetario, la struttura che segue la preparazione degli studenti per questo genere di competizione -. Anche perché l'astronomia non rientra tra i piani di studio negli ordinamenti scolastici, ma è trasversale nei programmi di fisica, matematica e scienze naturali. Ringrazio i miei collaboratori, in particolare Melania Borzumati, i docenti dei giovani partecipanti e i dirigenti scolastici, che credono in questa attività e ogni anno consentono agli studenti calabresi di partecipare».

Anche per il 2018/2019 il Pythagoras, che rientra tra le competenze della Città Metropolitana, ha avviato le procedure di selezione e di preparazione per le Olimpiadi di Astronomia.

Vittoria Altomonte e Andrea Labate 
A breve, nelle scuole della provincia di Reggio Calabria, le preselezioni per accedere alle competizioni regionali.

Temporali su Sicilia, Calabria e Basilicata. Temperature in locale sensibile aumento in Campania

PALERMO - Comunicazione meteo del Dipartimento della Protezione civile italiana da cui si evincono le previsioni del tempo in Italia per i prossimi giorni. Il 15 ottobre 2018 il tempo sull’Italia sarà così caratterizzato.

Precipitazioni: da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia orientale, Calabria e Basilicata, con quantitativi cumulati generalmente moderati; da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia centrale, Sardegna orientale, Puglia centro-settentrionale, Molise, Abruzzo, Marche, Emilia-Romagna orientale, Umbria meridionale e Lazio orientale, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati.

Temperature: in locale sensibile aumento le minime su regioni del centro, specie versante adriatico, e Campania; in locale sensibile aumento le massime sulla Sicilia.

Venti: forti dai quadranti orientali sulla Sardegna settentrionale meridionale, localmente forti meridionali su Calabria e Sicilia orientale.


Mari: molto mosso il Tirreno meridionale; localmente molto mossi Mare e Canale di Sardegna, i bacini prospicienti le Bocche di Bonifacio e lo Ionio.

Cettina Donato, pianista, compositrice e direttrice d’orchestra, in concerto a Stoccolma

ROMA - Cettina Donato in concerto a Stoccolma. Continuano i concerti internazionali della pianista, compositrice e direttore d’orchestra Cettina Donato. Domenica 14 ottobre sarà live al S:ta Clara di Stoccolma in occasione dello Stockholm Jazz Festival. A marzo, il tour toccherà il Giappone.

Non si ferma la carriera internazionale della pianista, compositrice e direttore d’orchestra Cettina Donato: domenica 14 ottobre sarà in concerto al S:ta Clara di Stoccolma per un live in piano solo nell’ambito dello Stockholm Jazz Festival.

Artista internazionale, dalla carriera parallela tra Europa e Stati Uniti, tra mondo classico e tradizione jazzistica, Cettina Donato si è sempre distinta per la grande raffinatezza e versatilità nell’affrontare e fondere tra loro i diversi generi, ottenendo grande consenso dalla stampa di settore sia per i suoi lavori discografici che per la sua attività concertistica.

“Il mio percorso nell’ambito classico si fonde con i miei studi e con il mio amore per la tradizione jazzistica: questa unione è evidente sia nel mio modo di suonare sia nella musica che scrivo.

Nei miei brani vi è ampio spazio sia alla cantabilità, all’aspetto lirico, che ai tratti distintivi del jazz, come i riff della mano sinistra. Del jazz colgo anche la disciplina che, per alcuni versi, trovo anche più restrittiva di quella della musica classica. Un mio grande Maestro, Salvatore Bonafede, affermava: “Il jazz è libero, ma è una libertà vigilata.”

Prima donna italiana a dirigere orchestre sinfoniche con un repertorio jazz da lei arrangiato, sia standard che originale, è stata votata tra i migliori arrangiatori italiani al JAZZIT AWARD; in Italia ha collaborato come direttore, compositrice e arrangiatrice con varie orchestre tra cui l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, la New Talents Jazz Orchestra di Roma, l’Orchestra Giovanile “Città di Molfetta”, la Late Night Jazz Orchestra di Los Angeles.

Sempre in Italia si è diplomata in pianoforte classico mentre a Boston in Jazz Composition presso il prestigioso Berklee College of Music, dove è stata nominata "Best Jazz Revelation Composer and Performer" e ha ricevuto l'ambito Carla Bley Award for "Best Jazz Composer of Berklee College of Music". Proprio a Boston ha fondato un’orchestra a suo nome, la "Cettina Donato Orchestra" composta da musicisti provenienti dai cinque continenti, con cui ha inciso un album per l’etichetta Jazzy Records, insieme a un quartetto d’archi.

Ha ricoperto il ruolo di International President del Women In Jazz del South Florida, associazione volta alla promozione di musiciste e compositrici di tutto il mondo, ed è attualmente membro del The Worldwide Association of Female Professional che ha sede a New York.

Negli anni ha suonato con alcuni tra i didatti-jazzisti più importanti, tra cui Eliot Zigmund, Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso, Salvatore Bonafede, Ray Santisi, Laszlo Gardony, Joanne Brackeen, Greg Hopkins, Jackson Schultz, Ken Pullig, Dick Lowell, David Santoro, Adam Nussbaum, Hal Galper, Billy Harper, Ron Savage, Scott Free, Dario Deidda, Roberto Gatto, Ken Cervenka, Bob Pilkington, Marcello Pellitteri, Marco Panascia, Orazio Maugeri, Dado Moroni, Bob Mintzer, Garrison Fewell.

Cettina Donato
“Nella mi musica si trovano tutte le mie esperienze, i miei luoghi e i miei vissuti. Alcuni spettatori mi dicono che dopo un mio concerto continuano a canticchiare mentalmente le mie melodie, altri che suono il piano come se fossi uno strumento a fiato: respiro, lascio dei vuoti per poi ricominciare a “parlare”.

Cettina Donato. Laureata in Psicologia Sociale con due Master sulla didattica speciale, dedicata a soggetti che presentano diversità di apprendimento, sta portando avanti da anni il sogno della creazione di una residenza per ragazzi autistici in provincia di Messina, chiamata “VillagGioVanna”, anche grazie all’aiuto del noto attore e regista Ninni Bruschetta che ha aderito alla campagna di promozione come testimonial e con cui ha stretto da anni un sodalizio artistico attraverso diversi spettacoli teatrali.

Attivo è anche l’impegno sul fronte della didattica musicale, con cattedre in diversi Conservatori italiani, tra cui quello di Messina, Livorno e Alessandria.

“Per me l’insegnamento è meraviglioso, trasferire le mie conoscenze e il mio percorso artistico è una fonte di grande soddisfazione. Ogni settimana percorro moltissimi km per poterlo fare. La musica ha un fortissimo potere pedagogico, e riesce persino a sbloccare alcuni meccanismi o limiti della personalità. Se si insegna in maniera attiva, la didattica è una grandissima occasione di arricchimento: osservando il processo di apprendimento e le personalità degli studenti, un insegnante può imparare moltissimo. Non so se questa mia predisposizione sia innata o derivi dagli studi per la Laurea in Psicologia Sociale.”

sabato 13 ottobre 2018

Terremoto a Campomarino, scossa di magnitudo 3.0 della scala Richter

CAMPOMARINO - Terremoto in Molise e Puglia, scossa di magnitudo ml 3.0 della scala Richter avvenuta nelle province di Campobasso e Foggia - zona: Costa Garganica (Fg) -, il 13 ottobre 2018, alle ore 03:55:47.

Coordinate geografiche (latitudine, longitudine) della scossa di terremoto 41.96, 15.14; profondità delle scosse di terremoto 25 km. La scossa tellurica è stata localizzata dalla Sala Sismica dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ( Ingv ) di Roma.

Alcuni comuni, entro 20 km dall'epicentro, in cui sono state registrate le scosse telluriche: Campomarino, Portocannone, Chieuti, Termoli, San Martino in Pensilis, Serracapriola, San Giacomo degli Schiavoni, Ururi, Guglionesi.

Terremoti recenti in Italia e all’estero, sisma, maremoti e tsunami, notizie dalle zone terremotate, crolli dai piccoli paesi, maremoto.

Terremoto in Papua Nuova Guinea, scossa di magnitudo 7.0 della scala Richter. ROMA – Terremoto in Papua Nuova Guinea, scossa di magnitudo mwp 7.0 della scala Richter avvenuta nella zona: Papua New Guinea (land), il 10 ottobre 2018, alle ore 20:48:20 (Utc), ore 22:48:20 in Italia, ore 07:48:20 (Utc +11) orario locale nella zona del terremoto (Pacific/Bougainville).

Coordinate geografiche (latitudine, longitudine) della scossa di terremoto -5.5, 151.14; profondità delle scosse di terremoto 20 km. La scossa tellurica è stata localizzata dalla Sala Sismica dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ( Ingv ) di Roma.

Terremoto a Biancavilla, scossa di magnitudo 3.4 della scala Richter. BIANCAVILLA – Terremoto in Sicilia, scossa di magnitudo ml 3.4 della scala Richter avvenuta nelle province di Catania ed Enna – zona: 1 km E Biancavilla (Ct) -, il 9 ottobre 2018, ore 23:08:53.

Coordinate geografiche (latitudine, longitudine) della scossa di terremoto 37.65, 14.88; profondità delle scosse di terremoto 4 km. La scossa tellurica è stata localizzata dalla Sala Operativa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ( Ingv Oe) di Catania.

Alcuni comuni, entro 20 km dall’epicentro, in cui sono state registrate le scosse telluriche: Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Adrano, Ragalna, Paternò, Belpasso, Centuripe, Nicolosi, Camporotondo Etneo, San Pietro Clarenza.

Edilizia residenziale pubblica, nuova graduatoria per alloggi popolari ad Ascoli Piceno

ASCOLI PICENO - Nuova graduatoria per alloggi popolari. Il 2 ottobre scorso è stata approvata la nuova graduatoria definitiva degli aspiranti assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica (la precedente era scaduta a dicembre 2017), formulata dalla competente Commissione che ha valutato le 256 domande pervenute in seguito al bando di concorso indetto dal Comune di Ascoli Piceno in data 31/03/2017.

La graduatoria definitiva che resterà in vigore per due anni, è costituita da 221 nuclei familiari, in quanto 35 domande non sono state accolte per Isee superiore o irregolare, perché pervenute fuori termine o per mancanza di requisiti.

Dei 221 aspiranti assegnatari, 131 sono di nazionalità italiana (circa 60%) e 14 di essi sono collocati entro i primi 20 posti. La maggioranza degli stranieri è di provenienza europea, una percentuale minima proviene dall’Africa ( circa l’8 %) mentre solo 4 sono asiatici e 3 americani.

Tra i primi 20 aspiranti, 15 hanno il punteggio accessorio per aver ricevuto l’ ordinanza sindacale di evacuazione dell’alloggio lesionato dal sisma.

Il Comune, che attualmente dispone di soli 4 alloggi da assegnare, ha provveduto nei mesi scorsi a organizzare una serie di incontri e di tavoli di confronto con i sindacati, con la dirigenza locale e regionale dell’Erap per verificare la disponibilità di altri alloggi che potessero adeguatamente soddisfare le legittime aspettative dei cittadini inseriti nella graduatoria.

Dagli incontri, durante i quali è stata chiara la volontà di tutti i partecipanti a contribuire al raggiungimento dell’obiettivo, è emersa la possibilità che per i primi mesi del 2019 potranno essere resi assegnabili almeno ulteriori 50 alloggi.

"Rileviamo dati che ci preoccupano - commenta il sindaco Guido Castelli -, come ad esempio la prevalenza di nuclei con un solo componente, dato che denota la solitudine che caratterizza le società odierne e che rappresenta forse la povertà più grande. Ma soprattutto il fatto che tra i primi 30 aspiranti assegnatari, ben 24 hanno un reddito Isee inferiore a 4.000 euro, ovvero sono sotto la soglia di povertà, e all’interno di 18 nuclei notiamo la presenza di persone con disablità. L’Amministrazione comunale continuerà ad impegnarsi su tutti i fronti come fatto finora per poter rispondere al meglio alle necessità e ai bisogni dei cittadini nella tutela di un diritto fondamentale quale quello di poter contare su una abitazione stabile".

guido castelli Edilizia residenziale pubblica graduatoria alloggi popolari Ascoli Piceno oggiurnal
Guido Castelli

Aggiunge l'assessora Donatella Ferretti: "Un ringraziamento va alla Commissione che ha lavorato con serietà e celerità alla formazione della graduatoria, ai dirigenti e funzionari dell'Erap che si sono mostrati estremamente disponibili a individuare ogni possibile soluzione e ai sindacati che hanno affiancato il processo con grande senso di responsabilita".

venerdì 12 ottobre 2018

Ferdinando, testo più famoso di Annibale Ruccello, al Teatro Franco Parenti

MILANO - Sala AcomeA. Teatro Franco Parenti , Milano. Dal 23 ottobre al 4 novembre 2018, Ferdinando, di Annibale Ruccello; con Gea Martire, Chiara Baffi, Fulvio Cauteruccio, Francesco Roccasecca, regia Nadia Baldi.

Nadia Baldi firma la regia di Ferdinando, il testo forse più famoso di Annibale Ruccello, andato in scena per la prima volta il 28 febbraio 1986.

Donna Clotilde, baronessa borbonica, si è rifugiata in una villa della zona vesuviana, scegliendo l’isolamento come segno di disprezzo per la nuova cultura piccolo borghese che si va affermando dopo l’unificazione d’Italia. È con lei una cugina povera, Gesualda, che svolge l’ambiguo ruolo di infermiera/carceriera. I giorni trascorrono uguali, tra pasticche, acque termali, farmaci vari e colloqui con il parroco del paese, Don Catellino, un prete coinvolto in intrallazzi politici. Nulla sembra poter cambiare il corso degli eventi, finché non arriva Ferdinando, un giovane nipote di Donna Clotilde, dalla bellezza “morbosa e strisciante”. Sarà lui a gettare lo scompiglio nella casa, a mettere a nudo contraddizioni, a disseppellire scomode verità e a spingere un intreccio apparentemente immutabile verso un inarrestabile degrado.

Ferdinando contiene notevoli elementi espressivi per una realizzazione teatrale delle emozioni umane specchiandosi nella tagliente forza di una storia che attraverso il teatro ruoti intorno al disvelamento di una serie di segreti. Ferdinando si concentra su quello che è forse il più insondabile mistero: la mente umana. Nasce così in me l’esigenza di indagare il possibile e impossibile mondo creativo che le donne sanno attuare quando i freni inibitori e culturali non hanno più il loro potere censurante.Tutti i personaggi in una prima fase si presenteranno nel loro quotidiano per poi disvelare geniali strategie e stupefacenti mondi interiori. Lo spettacolo si incentrerà su un’indagine minuziosa, sul cogliere le sottigliezze dei gesti, degli sguardi, dei corpi in agguato. Racconterà la singolare dinamica attraverso la quale gli oggetti divengono padroni dei luoghi, mentre le fantasie interiori dei personaggi diventano padroni della loro esistenza fino a spingerla verso una dimensione surreale, comica, drammatica e imprevedibile: esiste sempre una connessione tra noi e i luoghi, tra noi e gli oggetti, tra noi e la memoria. Le follie e gli incroci amorosi contenuti nella trama emergeranno come elementi contemporanei e modernissimi che da sempre regolano la potenza dei sogni e degli affetti presenti nella storia dell’umanità. Ferdinando mette in luce le connessioni esistenziali fra dramma e malinconia, comicità e solitudine, sottolineando tali contrasti attraverso un uso di una messinscena che mira a svelare gli opposti sentimentali disseminati in tutte le esistenze. Nadia Baldi

Sala AcomeA. Dal 23 ottobre al 4 novembre 2018, Ferdinando, di Annibale Ruccello; con Gea Martire, Chiara Baffi, Fulvio Cauteruccio, Francesco Roccasecca, regia Nadia Baldi, costumi Carlo Poggioli, scenografia Luigi Ferrigno, consulenza musicale Marco Betta, aiuto regia Rossella Pugliese, organizzazione Sabrina Codato, progetto luci Nadia Baldi, foto in videoproiezione Davide Scognamiglio, produzione Teatro Segreto. Orari spettacolo: martedì h 20:30; mercoledì h 19:15; giovedì h 20:00; venerdì h 20:30; sabato h 21:00; domenica h 15:45.

Coldplay al cinema con A head full of dreams, due decenni di musica esogni

MILANO - I Coldplay al cinema con A head full of dreams, solo il 14 novembre. La storia segreta filmata nell’arco di vent’anni, un ritratto intimo e profondo firmato da Mat Whitecross.

Il film evento in anteprima esclusiva al cinema. Solo mercoledì 14 novembre nelle sale italiane, con 10 minuti extra di contenuti esclusivi solo per il grande schermo.

Due decenni di musica e sogni per i Coldplay, vent’anni di prove e concerti i cui i momenti salienti sono custoditi in un archivio inedito. Materiale prezioso che racconta episodi della storia della band di fama mondiale cui si sommano le riprese girate durante il tour A Head Full of Dreams, il terzo più grande di tutti i tempi che ha incantato e fatto e cantare oltre 5,5 milioni di fan negli stadi di tutto il mondo. Questi i contenuti esplosivi del nuovo film annunciato dalla band, a cui il glorioso tour ha dato il nome: A Head Full of Dreams, che spalanca le porte sui loro 20 anni di storia ricca di colori e sfumature.

L’appuntamento di mercoledì 14 novembre proporrà il film in anteprima mondiale, in collaborazione con Trafalgar Releasing, in oltre 2.000 cinema in tutto il mondo (elenco sale italiane su www.nexodigital.it ) e sarà l’occasione unica per restituire un ritratto intimo e profondo della band e della sua spettacolare ascesa, dalle backroom dei pub di Camden fino agli stadi di tutto il pianeta. Le prenotazioni saranno aperte da venerdì 19 ottobre su coldplay.film e su nexodigital.it .

Il film evento, in lingua originale con sottotitoli in italiano e con 10 minuti di contenuti extra esclusivi per il cinema, è diretto da Mat Whitecross - regista di Supersonic, l'acclamato documentario degli Oasis del 2016 - che ha incontrato i quattro amici del college a Londra, prima ancora che formassero la band. Sin dalla prima prova in una camera studentesca, Whitecross era presente per catturare la loro musica e le loro relazioni.

Da allora Whitecross ha diretto molti dei video più iconici dei Coldplay (tra cui Paradise, A Sky Full Of Stars e Adventure Of A Lifetime) e ha continuato a documentare l'evoluzione musicale e personale della band.

A head full of dreams è distribuito in Italia da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it , Onstage, Rockol.it .

Successivamente all'uscita in sala, il film sarà disponibile per lo streaming esclusivamente su Amazon Prime Video.

Furti di vetture, con "Kuga" i carabinieri di Ascoli Piceno arrestano15 persone

ASCOLI PICENO - Operazione "Kuga". I Carabinieri di Ascoli Piceno eseguono un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 15 persone. Si tratta di un'associazione dedita ai furti di vetture, operante lungo tutta la dorsale adriatica.

Dalle prime luci dell’alba, in Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto (AP), Cerignola (FG), Vasto (CH) e Foggia, decine di Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, unitamente a quelli di Foggia, stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal GIP presso il Tribunale di Ascoli Piceno su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha concordato pienamente con le risultanze rapportate dall’Arma, nei confronti di quindici persone, ritenute, a vario titolo, responsabili di:

- associazione per delinquere finalizzata ai furti di vetture ed alla ricettazione di parti di esse;
- concorso in furto e tentato furto aggravato e continuato di autovetture.

L’indagine ha avuto inizio nel 2017 allorquando nella provincia di Ascoli Piceno vennero registrati numerosi furti di autovetture, caratterizzati da un medesimo “modus operandi”.

L’impegno investigativo - riporta il comunicato stampa dell'Arma - ha consentito complessivamente di:

- documentare la responsabilità del sodalizio nel furto di molte decine di vetture;
- raccogliere gravissimi indizi di reità nei confronti degli indagati ed accertare definitivamente la loro operatività nella consumazione di reati contestati, consentendo l’emissione della misura cautelare della custodia in carcere per 5 di loro, e dell’obbligo di dimora per gli altri 10.

Premio Furore di Giornalismo con "Serenata a Furore" cantata daFrancesca Rondinella

FURORE - Rondinella&Cincotti aprono la 22^ edizione del Premio Furore di Giornalismo con un'anteprima d'ascolto della "Serenata a Furore". Sarà lo stile Rondinella&Cincotti ad aprire con le melodie più cantabili e amate della terra campana la 22esima edizione del Premio Furore di Giornalismo, istituito dall'Amministrazione comunale del sindaco Raffaele Ferraioli nel 1996, riconoscimento il cui prestigio è gradualmente cresciuto fino ad ottenere l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, annoverando illustri protagonisti della stampa e della televisione “ambasciatori del Paese che non c'è”.


giosi cincotti francesca rondinella Premio Furore Giornalismo Serenata Furore Francesca Rondinella oggiurnal Giosi Cincotti e Francesca Rondinella

Questa prestigiosa occasione è stata scelta dal primo cittadino per presentare al parterre esclusivo dei giornalisti premiati che hanno reso Furore protagonista assoluto dei loro articoli e servizi un'anteprima d'ascolto della "Serenata a Furore" canzone scritta da Raffaele Ferraioli, musicata da Giosi Cincotti e interpretata da Francesca Rondinella risultato di una stima professionale maturata negli ultimi anni con la partecipazione del duo a manifestazioni di punta quali il Marmeeting, campionato di tuffi a grandi altezze trasmesso dalla RAI e lo stesso Premio che la scorsa edizione ha accolto con successo la presentazione del loro primo lavoro discografico prodotto dalla SoundFly.

Concorso Internazionale di Canto Lirico "Beppe De Tomasi" del RhegiumOpera Musica Festival

REGGIO CALABRIA - Alle porte la seconda edizione del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Beppe De Tomasi”. Uno degli appuntamenti del “Rhegium Opera Musica Festival”, promosso dal Comune di Reggio Calabria e organizzato dall’Associazione Culturale Traiectoriae. Il basso Roberto Scandiuzzi sarà il presidente di giuria.

Uno degli appuntamenti del “Rhegium Opera Musica Festival”, proposto dal Comune di Reggio Calabria e dall’Associazione Culturale Traiectoriae, è la seconda edizione del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Beppe De Tomasi”, in onore del regista e attore teatrale italiano, spentosi il 4 giugno del 2016. Il concorso, la cui direzione artistica porta la firma di Domenico Gatto, critico musicale e direttore artistico del Festival “Alziamo il Sipario”, e Renato Bonajuto, regista e collaboratore di Beppe De Tomasi, si svolgerà nei giorni 8, 9 e 10 novembre 2018.

La Giuria sarà presieduta da Roberto Scandiuzzi e sarà composta fra gli altri di Renato Bonajuto (segretario artistico della Fondazione Teatro Coccia di Novara), Cristina Ferrari (direttrice artistica della Fondazione Teatri di Piacenza), Orlin Anastassov (direttore artistico di Dionisya Opera Festival di Corfù), Regino Mateo Pardo (direttore artistico del Palau de la Musica di Santander), Mauro Gabrieli (direttore artistico del Teatro Comunale di Bologna) e Suat Arikan (direttore artistico del teatro dell'Opera di Istanbul).

Al Concorso “Beppe De Tomasi” potranno partecipare i candidati di tutti i registri vocali, di ogni nazionalità, allievi o diplomati di Conservatori, Accademie o Università musicali italiane o straniere, cantanti già avviati alla professione ed eventuali eccezioni decise dai docenti, che abbiano compiuto 18 anni di età alla data della presentazione della domanda. La quota di iscrizione al Concorso è di 70 euro anche se per gli allievi del Conservatorio Musicale “Francesco Cilea” di Reggio Calabria si riduce a 50 euro.

I primi tre classificati riceveranno rispettivamente 4000 euro, 2000 euro e 1000 euro. Il Premio della Critica che ammonta a 1000 euro sarà assegnato da una giuria formata da tre critici operistici di livello internazionale, presieduta da Andrea Merli. Vi sarà infine un premio speciale che garantirà al vincitore un concerto presso il Palau de la Musica di Santander.

I migliori concorrenti saranno anche selezionati per i ruoli delle opere che verranno realizzate all’interno del “Rhegium Opera Musica Festival” 2019.

La direzione artistica già ha, nel corso della Stagione lirica 2018, impegnato, infatti, nei ruoli principali le vincitrici dell’edizione passata. Francesca di Sauro (Primo Premio assoluto) come Rosina ne “Il barbiere di Siviglia” andato in scena ad Agosto scorso e la finalista Ilenia Morabito scritturata come Berta sempre ne “Il barbiere” e come Annina ne La traviata di settembre scorso.

Regolamento e domanda di partecipazione al Concorso "Beppe De Tomasi"

Melfi protagonista con la sua storia e quella dell'Imperatore Federico II di Svevia

MELFI - Melfi, 1000 anni di storia, arte, cultura e falconeria. Il 12, 13 e 14 ottobre 2018. “Melfi Capitale della Falconeria”: rievocazioni storiche, convegni e mostre sull’Arte della Falconeria nel weekend a Melfi per un viaggio nel cuore della cultura.

Ospiti dell’evento Santa De Santis e Alessandro D’Ambrosi, coinvolto sul set della nuova serie televisiva comedy di Fox intitolata “Romolo + Giuly: la Guerra Mondiale Italiana”.

Mostre fotografiche di Serena Galvani “Aria, uomini, falchi” e “Stupor Mundi”.

A risuonare e illuminare sullo sfondo del Castello di Melfi, sabato 13 ottobre alle ore 21:30, lo spettacolo piromusicale.

“Melfi - 1000 anni di storia”, una manifestazione evocativa che vede protagonista per tre giorni dal 12 al 14 ottobre 2018 la Città di Melfi con la sua storia e quella dell'Imperatore Federico II di Svevia.

Commemorazioni, mostre fotografiche, conferenze, rievocazioni storiche, cortei e stand medievali, musica e la promozione dell'Arte della Falconeria saranno al centro di questi festeggiamenti a viva memoria di ciò che questi Mille anni rappresentano per la città e il territorio.

L’identità di Melfi porta con sé tradizioni che vedono nel suo passato forti legami con l’antica Arte della Falconeria: nel 1231 Federico II, Imperatore del Sacro Romano Impero, vi promulgò le Costituzioni omonime divenute la base del codice legislativo del Regno di Sicilia, ma egli dedicò anche gran parte della sua vita alla redazione del trattato “De Arte Venandi cum Avibus”, vero e proprio manuale della pratica venatoria attuata con i rapaci.

L’evento è organizzato dal Comune di Melfi in collaborazione con il G.F.I. - Gruppo Falconieri Italiani, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Polo Museale Regionale della Basilicata, l’Arci Caccia, l’Associazione Falconieri del Melfese Nino Laviano, il Gruppo Falconieri “De Arte Venandi”, la Regione Basilicata, il Fondo per lo sviluppo e la Coesione e l’Apt Basilicata.

Per il sindaco Livio Valvano: “La Città delle Costituzioni emanate da Federico II di Svevia nel 1231 è lieta di ospitare un importantissimo evento culturale organizzato in collaborazione con il Ministero della Cultura nelle giornate del 12, 13 e 14 ottobre. In questi tre giorni a Melfi la Falconeria Internazionale troverà la sua casa accogliente insieme ai luoghi cari all'Imperatore svevo che hanno ispirato la sua nota ed attualissima opera scientifica contenuta nel “De Arte Venandi Cum Avibus”.

Melfi, che proprio in queste settimane celebra il suo compleanno millenario della fondazione della fortificazione ad opera dei bizantini, è sempre stata un crocevia geo-strategico dove popoli, culture e religioni si sono incontrati nella storia.

Mi piace considerare come le stesse ragioni che indussero i normanni ad insediare a Melfi la Capitale del loro Stato nella fase nascente, il Ducato di Puglia, siano le stesse che a distanza di mille anni hanno indetto la Fiat, oggi Fca, a localizzare il loro più grande stabilimento industriale automobilistico del Continente Europeo.

Nella tre giorni a Melfi vivremo emozioni positive generate da giochi, animazione, spettacoli, intrattenimento ed enogastronomia insieme alla stimolante Conferenza Internazionale coordinata dall'efficientissimo Ufficio Unesco del Mibac.

Con le associazioni dei falconieri l'esperienza culturale, di chi avrà voglia di fare un viaggio nelle fondamenta della cultura europea, sarà ancora più affascinante.”

Massimiliano Mora, presidente del G.F.I., dichiara:” Nel 2017 è nata una collaborazione con l’”Associazione De Arte Venandi” di Melfi che mi ha permesso di partecipare lo scorso anno al “Memorial Arpa”, una manifestazione interamente dedicata alla falconeria.

La conoscenza con il sindaco di Melfi Livio Valvano ci ha permesso di pensare e progettare insieme al Comune una manifestazione internazionale per dare lustro all’Arte della Falconeria, che nel 2016 ha ottenuto, anche in Italia, il riconoscimento Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità e che vede come protagonista la città con la sua storia e quella di Federico II.”

L’evento ospiterà le mostre “Aria, uomini, falchi” e “Stupor Mundi” di Serena Galvani.

L’idea del libro di Serena Galvani “Aria, uomini, falchi” è nata tra le onde del mare quando l’autrice ha portato rapaci e falconieri a bordo di “Aria”, un’imbarcazione da regata del 1935, tra le più importanti del Mediterraneo per restauro e palmarès velico, in occasione dell’ottantesimo compleanno dell’imbarcazione.

Da quelle e molte altre fotografie scattate in cinque anni di raduni di Falconeria sono scaturite immagini esaltate dalla potenza espressiva del bianco e nero che si snodano in un racconto in cui i temi s’incarnano negli sguardi fieri di uomini e rapaci, in vele e ali, in paesaggi, così da restituire allo spettatore una memoria che porta dentro di sé i segni di lontani antenati.

Serena Galvani ha voluto intitolare “Stupor Mundi” la sua Mostra per raccontare, in 7 intense immagini, quell’ excursus temporale ed esoterico concernente non solo il grande Imperatore Federico II e il suo castello, ma anche il passato medievale di Melfi, città ricca di importanti testimonianze storiche e artistiche.

Con le sue fotografie Serena Galvani propone un breve viaggio nel tempo affinché lo spettatore possa riconoscersi nei segni del suo passato e nelle sue tradizioni. In questo senso la sua Opera ci riporta a un punto di riferimento di cui l’uomo moderno ha sempre più bisogno: la riscoperta del proprio “genius loci”, chiave di volta per comprendere pienamente il tempo in cui viviamo.

Ospiti dell’evento Alessandro D’Ambrosi e Santa De Santis. Registi, attori e sceneggiatori, collaborano dal 2006 scrivendo e dirigendo progetti per teatro, cinema e tv.

Alessandro D’Ambrosi vola a Melfi direttamente dal set della nuova serie televisiva comedy di Fox intitolata “Romolo + Giuly: la Guerra Mondiale Italiana”, in cui interpreta il ruolo del protagonista Romolo Montacchi. Dal 2008 al 2015 è stato il Dott. Orsini nella serie Tv “Un medico in famiglia”, è autore e regista, insieme a Santa, di spot tv (Green Vision, Sky Cinema, Enel Open Fiber, Motta) ed è in preparazione del suo lungometraggio d’esordio.

Il primo cortometraggio di Santa e Alessandro “Nostos”, selezionato in oltre 150 Film Festivals in tutto il mondo, vince più di 80 premi internazionali. “Buffet”, il loro secondo cortometraggio, è attualmente in distribuzione festivaliera e ha già ricevuto più di trenta riconoscimenti, fra cui vincitore di Cortinametraggio, candidato finalista ai Nastri d’Argento 2017, secondo classificato ai Globi d’oro 2017, acquistato da Studio Universal, selezionato dal Centro Nazionale del Cortometraggio come uno dei 10 film più rappresentativi del panorama nazionale e distribuito in Ambasciate, Consolati e Istituti italiani di cultura in tutto il mondo.

Programma di “Melfi 1000 anni di storia, arte, cultura, falconeria”

Venerdì 12 ottobre 2018
Ore 16:00 Animazione e artisti di strada al Castello e per le vie del paese
Ore 17:00 Apertura ufficiale della manifestazione al Castello con sfilata di tutte le associazioni di falconieri che parteciperanno all’evento internazionale il 13 ottobre
Ore 17:30 Commemorazione al Castello del 25° anniversario della morte di Nino Laviano, fondatore dell’Associazione “Falconieri del Melfese”
Ore 18:00 Presentazione in anteprima dei nuovi spazi museali del Castello con la presenza del soprintendente Arch. Francesco Canestrini (MIBAC) e della Direttrice del Polo Museale Dott.ssa Marta Ragozzino (MIBAC).
Ore 19:00 Inaugurazione presso le scuderie delle mostre fotografiche di Serena Galvani “ARIA, UOMINI, FALCHI” e “Stupor Mundi” accompagnate dall’arpa e dal piano del falconiere Giovanni Granati
Ore 19:30 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi all’esterno del Castello
Ore 20:30 – 22:00 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi “Passaggio dei Popoli” presso la Piazza Duomo

Sabato 13 ottobre 2018
Dalle ore 9:00 alle 15:00 Annullo filatelico a cura delle Poste Italiane presso l’interno del Castello
Ore 10:00 Apertura delle mostre fotografiche di Serena Galvani, degli stand medievali e degli stand eno-gastronomici
Dalle ore 10:00 Animazione e artisti di strada partendo dal Castello e proseguendo per le vie del paese
Ore 10:00 Apertura ufficiale e inaugurazione del Millenario di fondazione della città fortificata con il taglio del nastro presso la Sala del Trono da parte del Sindaco Livio Valvano e delle autorità locali.
Saluti istituzionali con la presenza del Prof. Mons. Cosimo Damiano Fonseca, Presidente del Comitato Nazionale Celebrazione Millenario
Dalle ore 10:00 alle ore 12:00 Apertura del Parco Contrada Maddalena con possibilità di visita e intrattenimento per bambini a cura delle Associazioni “De Arte Venandi” e “G.F.I.”
Dalle ore 10:30 alle ore 18:30 Conferenza “La Falconeria – patrimonio culturale immateriale: partecipazione, diversità culturale e sviluppo sostenibile” organizzato in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali presso l’interno del Castello di Melfi
Ore 10:30 Accoglienza della Scuola Secondaria di secondo grado presso il Castello con consegna da parte delle Associazioni “De Arte Venandi” e “G.F.I.” di un’attestato di partecipazione
Ore 11:00 Dimostrazioni dell’Arte della Falconeria al Castello
Ore 16:30 Dimostrazioni dell’Arte della Falconeria con il volo delle aquile all’esterno del Castello
Ore 17:30 Partenza dalla stazione del corteo storico “Stupor Mundi” fino al Castello di Melfi e insediamento dell’Imperatore Federico II
Ore 19:30 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi all’esterno del Castello
Ore 20:30 – 22:00 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi “Passaggio dei Popoli” presso la Piazza Duomo
Ore 21:30 Spettacolo piromusicale presso l’esterno del Castello

Domenica 14 ottobre 2018
Ore 10:00 Apertura delle mostre fotografiche, degli stand medievali e degli stand eno-gastronomici
Dalle ore 10:00 Animazione e artisti di strada partendo dal Castello e proseguendo per le vie del paese
Dalle ore 10:00 alle ore 12:00 Apertura del Parco Contrada Maddalena con possibilità di visita e intrattenimento per bambini a cura delle Associazioni “De Arte Venandi” e “G.F.I.”
Ore 10:30 Spettacoli medievali presso il fossato del Castello
Ore 11:00 XXII Torneo medievale degli antichi Casati di Melfi.
Prima prova: tiro con l’arco; seconda prova: giostra della quintana; terza prova: arte del combattimento
Ore 11:00 Dimostrazioni dell’Arte della Falconeria al Castello
Ore 15:00 Conferenza presso l’interno del Castello di Stefano Del Lungo “La falconeria nel Medioevo”
Ore 15:30 Dimostrazioni dell’Arte della Falconeria al Castello
Ore 15:45 Conferenza presso l’interno del Castello di Sergio Sorrentino, Presidente Nazionale Arcicaccia “L’importanza della falconeria del mondo venatorio”
Ore 16:30 Conferenza di Bob Dalton “Storia della falconeria oltre la Manica” presso l’interno del Castello
Ore 16:30 Sfilata dei falconieri in abiti storici con i rapaci partendo dal Castello di Melfi
Ore 18:45 Saluto presso l’esterno del Castello all’imperatore Federico II di Svevia da parte di tutti gli intervenuti alla Manifestazione
Ore 19:30 Cerimonia di chiusura con i saluti e ringraziamenti del Sindaco della città Livio Valvano
Ore 19:30 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi all’esterno del Castello
Ore 20:30 – 22:00 Spettacolo organizzato dal Comune di Melfi “Passaggio dei Popoli” presso la Piazza Duomo

Il viaggio di Nora. Al Teatro Storchi di Modena la bambina che non sa da dove viene

MODENA - ERT presenta Le strade invisibili. Una centrale, due giorni, tre eventi e Il viaggio di Nora nell’ambito di EnERgie Diffuse. Nell'ambito di EnERgie Diffuse, un’iniziativa della Regione Emilia-Romagna che celebra l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, Emilia Romagna Teatro Fondazione presenta la lettura scenica de Il viaggio di Nora di Rachid Benzine e Le strade invisibili. Una centrale, due giorni, tre eventi.

Sono circa 400 gli eventi programmati in tutto il territorio nell’ambito di EnERgie Diffuse, fra open day di musei, teatri e archivi, per la vasta campagna di sensibilizzazione che, da Rimini a Piacenza, culminerà nella Settimana di promozione della cultura dal 7 al 14 ottobre.

Ed è nel weekend di chiusura che si inserisce la lettura scenica de Il viaggio di Nora sabato 13 ottobre alle ore 16.30 presso il Teatro Storchi di Modena e allo stesso orario presso il Teatro Arena del Sole di Bologna. Firma la drammaturgia Rachid Benzine, filosofo e islamologo già autore di Lettere a Nour, le cui recite si sono appena concluse al Teatro Storchi.

Protagonista è Nora, una bambina che non sa da dove viene. Ha con sé solo uno zaino pieno di libri, in un mondo in cui leggere è diventato illegale. Dovrà proteggere il suo tesoro a tutti i costi per riuscire a scrivere, un giorno, una Storia più giusta: una favola brechtiana per insegnare ai bambini e far riflettere gli adulti, in un tempo dominato dalla folle violenza del più forte.

Interpreteranno questa favola per bambini e adulti gli allievi della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro - laboratorio permanente per l’attore, corso Attore Internazionale, approvato dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo: a Modena Giorgia Barsotti, Oreste Campagner, Brigida Cesareo e a Bologna Giulio Germano Cervi, Nicoletta Nobile, Cristiana Tramparulo.

Presso il Laboratorio Aperto ex Centrale AEM di Modena (viale Buon Pastore 43), ERT presenta Le strade invisibili. Una centrale, due giorni, tre eventi.

Primo appuntamento sabato 13 alle ore 21 e in replica domenica 14 ottobre alle ore 18 con Le strade invisibili. Una mise en espace costruita per l’occasione, per raccontare attraverso lo spazio recuperato dell’ex Centrale AEM il groviglio di strade, vie, reti che corre sotto i nostri occhi. Gli attori di ERT Donatella Allegro, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone e gli allievi della Scuola di teatro Iolanda Gazzerro – laboratorio permanente per l’attore (corso Attore Internazionale, approvato dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo) saranno protagonisti della drammaturgia a cura di Emanuele Aldrovandi.

Si prosegue poi sabato 13 dalle ore 16.30 alle ore 19.30 e domenica 14 ottobre dalle ore 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 con Modena e la letteratura un’installazione in forma di lettura per scoprire, ascoltando i brani più affascinanti di scrittori legati a Modena, gli spazi dell’ex Centrale AEM in omaggio alle energie creative della città.

Protagonisti sempre gli attori di ERT Donatella Allegro, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone e gli allievi della Scuola di teatro Iolanda Gazzerro – laboratorio permanente per l’attore (corso Attore Internazionale, approvato dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo).

Evento conclusivo della Settimana della Cultura 7-14 ottobre 2018 nell’ambito di EnERgie Diffuse – Emilia-Romagna Un patrimonio di culture e umanità sarà Moderneide. Oggidiani o misoneisti?. Domenica 14 ottobre alle ore 21: Lino Guanciale sarà protagonista di un recital tutto dedicato alla discussione interminabile, appassionata e spesso accesissima tra chi sostiene le ragioni di ieri e chi difende quelle di domani. Moderneide. Oggidiani o misoneisti? verrà trasmesso anche in diretta sulla pagina facebook di ERT.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

Le strade invisibili e Moderneide. Oggidiani o misoneisti?: accesso gratuito con biglietto ritirabile presso la biglietteria del Teatro Storchi a partire da sabato 6 ottobre nei consueti orari d’apertura (martedì, venerdì, sabato ore 10-13 e 16.30-19; mercoledì e giovedì 10-14) o prenotati all’indirizzo mail biglietteria@emiliaromagnateatro.com
Ogni persona può ritirare o prenotare un massimo di 2 biglietti.
Capienza massima Moderneide. Oggidiani o misoneisti?: 150 posti.

Vincenzo Cardarelli a Sibilla Aleramo: bontà e bellezza esprimono una forma di vita superiore

ROMA - Con Vincenzo Cardarelli la poesia è bellezza. Un classico del Novecento. Verso le celebrazioni dei sessant’anni della morte. Vincenzo Cardarelli ebbe sempre un rapporto particolare con la critica letteraria.

“Sono rari quei critici che potrebbero sostenere un colloquio a quattr'occhi con l'autore che hanno giudicato”. È uno dei “moniti” molto forti che ha sempre accompagnato il suo essere poeta e scrittore di una prosa che ha segnato il Novecento. Poeta unico. Il suo Leopardi va oltre l’infinito e si ancora al porto della siepe – radici. Un poeta che ha cercato la bellezza. Vivendola tra la vita e le parole.

In una lettera a Sibilla Aleramo, datata Roma, agosto 1909, Vincenzo Cardarelli scriveva: “… un artista non è soltanto un creatore della Bellezza, ma un suscitatore della Bontà; perché Bontà e Bellezza sono due nomi che esprimono una sola forma di vita superiore”. Si tratta, in un piccolo inciso, già di un manifesto poetico. La poesia come bontà e bellezza. Un modello di estetica che raccorda il sentimento della parola alla voce e al silenzio dell’anima.

Uno dei poeti che ha segnato una linea ben precisa nel contesto del Novecento poetico Italiano, attraverso codici linguistici legati alla tradizione e all’estetica della bella parola (in un costante raccordo con il sentire dell’anima) è stato certamente Vincenzo Cardarelli. Il poeta del lirismo, della malinconia velata, delle nostalgie ancorate ai ricordi che non si dimenticano.

Un poeta che ha attraversato i generi del primo Novecento e non si è lasciato condizionare. Anzi egli stesso è stato un attraversamento. Non si è fidato dei generi.

La sua poesia e la sua prosa (“d’arte”) hanno caratterizzato contesti storici e generazioni. In Il viaggiatore insocievole ha scritto: “Nessuno è mai riuscito a farmi un ritratto passibile e somigliante…”.

I suoi testi, il suo costante anticonformismo sono una viva testimonianza. Testimone e protagonista dunque. Ma la sua opera detta, tra l’altro, un viaggio nella realtà della storia e definiscono dei percorsi in cui arte e letteratura fanno i conti con la storia del Novecento. Un poeta dell’anima dentro la storia del Novecento. Si pensi ai suoi primi lavori. I Prologhi di Vincenzo Cardarelli portano la data del 1916. Siamo in piena prima guerra mondiale. È l'anno in cui Antonio Salandra si dimette dal Governo. Le truppe italiane conquistano Gorizia e continuano la battaglia sull'Isonzo. Se ne contano, fino al novembre del 1916, nove.

È nei Prologhi (scritti tra il 1913 - '14) che Cardarelli sottolinea : "Che cosa staremmo a fare più insieme? Ci siamo dati quel che potevamo. Ci siamo rubati tutto il possibile. Abbiamo fatto la guerra e il saccheggio. Siamo stracchi del dovere compiuto e lordi delle fami soddisfatte. Me ne andrò. Non accetterò di prolungare questo giorno fumido che è tramontato in ciascuno di noi senza partorire una stella".

Il gusto dell'arte per Cardarelli diventa "stile popolare". Ciò lo si riscontra sia nel saggio dal titolo "Italia popolare" sia nello scritto, che per certi versi resta fortemente emblematico per ciò che riguarda l'ideologia di Cardarelli : "Stato popolare - Riflessioni intorno al Fascismo". Entrambi gli scritti fanno parte della raccolta Parliamo dell'Italia edita da Vallecchi nel 1931.

Nel numero 7 (luglio 1959) della rivista “l’osservatore politico letterario”, dedicato a Vincenzo Cardarelli (1887 – 1959), G. Titta Rosa sottolinea l’importanza dello “stile popolare” e il “gusto dell’arte” che vibrano nella poesia e nella prosa di Cardarelli. La nostalgia del tempo e la malinconia dei paesaggi (i cui luoghi non sono, in Cardarelli, soltanto luoghi geografici, bensì luoghi dell’infanzia, della metafora di una memoria che riporta immagini e sensazioni e questi si trasformano in leggeri ricordi portati a spasso dal vento, da quel vento che ha tocchi di antiche civiltà) sono un viaggio che la poesia compie tra i sentieri incantati dei miti.

Gli Etruschi (i veri antenati di Cardarelli e della sua terra: Tarquinia), l’Etruria, la civiltà del paese, il ritornare al paese e il simbolizzare il paese come una eredità sono elementi di una poetica i cui temi fondamentali sono tutti giocati sul sentimento del ritorno e sulla allegoria del viaggio. Ma è la nostalgia la componente fondamentale non della sua ricerca (in Cardarelli non si parla di ricerca poetica ma di orizzonte poetico e di tensione lirico – sentimentale – onirico) ma dei suoi segni archetipici.

L’amore e il tempo, la partenza e l’attesa, il sogno (che non è il sognare soltanto ma è la “frase” della fantasia e del fantasticare nell’isola della creatività che assorbe il vissuto) e il ricordare sono percorsi di un labirinto dentro il quale la poesia si fa dolore – vita – grazia – magia. I suoi Prologhi, i suoi Viaggi nel tempo, le sue Favole della Genesi e poi quel Sole a picco riportano con la poetica del viaggio ciò che Titta Rosa ha chiamato “sapienza antica”.

Tutto ha il sapore delle radici. Il senso dell’appartenenza alla Patria è un radicamento forte. Perché per Cardarelli radici significa appunto radicamento. La storia che si trasforma in memoria è un altro tassello di questo radicamento in una “passeggiata” tra i simboli che lo catturano. Il tema dell’amicizia e dell’identità è un progetto esistenziale ed etico che si raccoglie tra i segni del mito e del rito (si pensi, a tal proposito, alla poesia intitolata: “Camicia nera” da Poesie disperse, anche se il linguaggio e i toni sono aridi e poco lirici ma sul piano letterario e linguistico, al di là del contenuto che resta, è una “prova poetica”).

E poi le parole hanno una bellezza non tanto solare ma piuttosto lunare. La luna, in Cardarelli, è la metafora della luce che ha toni scuri e nella sua luce c’è l’assorbimento del tempo antelucano, del sole che è stato (“saluto nel sol d’estate/la forza dei giorni più uguali”), dei meriggi (quei meriggi estivi?), dei tramonti (quel penetrare l’autunno e l’ottobre?), delle stagioni che salutano (“Benvenuta estate./Alla tua decisa maturità/m’affido”).

E il sole è nella luna. La luna come melanconia e strappo del tempo lungo i giorni che sembrano coriandoli appesi alle età del vivere. Ma cosa è la poesia per Cardarelli? In una sua sottolineatura ha cesellato: “La mia lirica (attenti alle pause e
alle distanze) non suppone che sintesi. La luce senza colore, esistenza senza attributo, inni senza interiezioni, impassibilità e lontananza, ordini e non figure, ecco quel che vi posso dare”.

L’essenza nell’intreccio dell’esistenza del dolore e della consapevolezza. Ma anche della meditazione sul viaggio che si fa tempo e sul tempo che è viaggio. In quel suo riscoprire il senso dell’orizzonte delle origini la parola non è una cronaca ma una metafisica che si aggrappa all’anima e la poesia che non si rappresenta mai è soltanto il “racconto” o la recita lieve della testimonianza di una spiritualità nel paesaggio stesso dell’anima.

Indubbiamente, Cardarelli ebbe un ruolo notevole nella poesia italiana del Novecento e lasciò il suo segno in un contesto ben preciso che abbraccia gli anni Venti, Trenta, Quaranta. Ma c'è da dire che la sua influenza è ben sentita tuttora soprattutto tra questi poeti il cui sentire lirico è tracciato sulla linea della tradizione.

Nel 1919 fondò "La Ronda". Una rivista che ebbe una sua importanza sia per i collaboratori che vi scrivevano, sia per il progetto culturale (la difesa della lingua e della tradizione letteraria italiana) sia perché in quel periodo rappresentava un momento di sicura rottura nella temperie letteraria e, in modo più generale, culturale. C'è da precisare che "La Ronda" nasce in un momento in cui il Futurismo aveva rotto gli argini nei confronti della prosa d'arte e del rispetto della tradizione e costituiva la vera avanguardia italiana.

I Prologhi nascono in un clima Futurista e nonostante ciò Cardarelli si impone con un modello d'arte che sta agli antipodi delle teorie formulate da Marinetti.
Ciò sta, comunque, a dimostrare la vivacità reale all'interno della cultura degli anni Venti. Ma c'è di più. Cardarelli pubblica i suoi scritti importanti tra il 1916 e il 1939. Viaggi nel tempo è del 1920, Favole e memorie è del 1923, Il sole a picco del 1929 (con il quale gli viene conferito il Premio Bagutta), Prologhi, viaggi e favole raggiunge la prima edizione il 1930 e la seconda nel 1934, Il cielo sulle città è del 1938 e Poesie del 1939. Negli anni successivi pubblicherà altri testi come la sua edizione definitiva delle Poesie.

Ma qui preme segnalare un fatto. Gli anni in cui opera e pubblica, Cardarelli, sono, in fondo, anche gli anni di maggiore affermazione del Futurismo. Queste due anime della letteratura convivono su uno scenario di straordinario spessore culturale in cui le proposte sia letterarie che artistiche si fanno garanzia di una vasta ed eterogenea discussione.

L'avanguardia marinettiana e la prosa d'arte cardarelliana, pur contrapponendosi, si mostrano su uno stesso campo di ricerca e contribuiscono a svecchiare una Italia che era rimasta ancorata al mito del giolittismo. Sia il Futurismo (in modo piuttosto emblematico come la sua stessa storia racconta) che la prosa d'arte europeizzano l'Italia o meglio italianizzano letterariamente l'Europa. Titta Rosa ha osservato: “C’erano stati in Italia, e ancora c’erano, il dannunzianesimo, il pascoliamo, il crepuscolarismo, il vocianesimo col suo quasi indiscriminato europeismo, il futurismo: Cardarelli si schierò contro tutte queste cose. Voleva un ritorno all’ordine: nello scrivere, nelle idee, nel costume. E questo fu chiamato neo-classicismo. Ma era un classicismo che non poteva ignorare lo spirito romantico, e nemmeno il decadentismo. Quindi si trattò di un ritorno abbastanza complicato, se non composito”.

Un processo all’insegna della tradizione attraverso i valori di una prosa che era espressione e tensione lirica. Il tutto all’interno di una dimensione esistenziale. Cardarelli su questo ebbe sempre le idee chiare. Una vita inquieta, ma una vita che ha attraversato il tempo, il tempo come viaggio e quindi, anche, come attesa nell’inquieto confronto con la parola.

Vincenzo Cardarelli era nato a Corneto Tarquinia il 1° maggio del 1987. Il suo vero nome era Nazareno Caldarelli. Giovanissimo entrò negli ambienti giornalistici. Lavorò alla cronaca nera dell'"Avanti". L'"Avanti", allora, era diretto da Leonida Bissolati. Su questo giornale firma una rubrica dal titolo "Gocce di sangue". Partecipa, sempre negli anni che precedono la prima guerra mondiale, alla redazione della rivista letteraria "Lirica". Si incontra con letterati e poeti come Rosso di San Secondo e Arturo Onofri. Ma l'anno che lo vede protagonista sul piano della cultura è il 1919 con la nascita de "La Ronda", la quale vede la luce, anche se saltuariamente, sino al 1921.

Un dopo guerra di grande interesse sul piano culturale e politico. Prezzolini con la sua "Voce" e poi Cardarelli con "La Ronda" costituiscono due fucine all'interno delle quali si discute sia di arte e di politica ma anche di ideologia.

Cardarelli conosceva bene gli scritti di George Sorel. Durante i suoi anni trascorsi alla redazione dell'"Avanti" si era occupato di sindacalismo teorico e di politica. In letteratura il suo maestro indiscusso resterà fino alla fine Giacomo Leopardi. Il Leopardi sia delle Operette Morali che dello Zibaldone. Ed è proprio grazie alla lezione di Leopardi che "impone" il ritorno all'ordine attraverso "La Ronda" della prosa d'arte. Su questa rivista tra gli altri apparsero scritti di Sorel e di Pareto.

Fu, indubbiamente, un'operazione coraggiosa quella di Cardarelli. Il ritorno all'ordine era in altri termini una proposta di neo - classicismo nel quale dovevano convivere sia elementi romantici che decadenti. Ma l'operazione coraggiosa è da intendersi, come già si diceva, in quanto contrappose la sua posizione a linee segnate sia dal vocianesimo sia dal futurismo che marcavano profondamente il tessuto storico di quegli anni.
Il suo percorso letterario è la testimonianza più viva di questa sua coerente posizione. Posizione che verrà sottolineata nei suoi saggi perché è qui che coniuga il poeta con l'uomo del pensare. Il dato creativo ha sempre, in Cardarelli, il sopravvento, ma è l'uomo creativo che segna il pensare dell'intellettuale che intellettuale non fu mai perché, dentro il luogo della sua consapevolezza, si imponeva come quell'uomo che viaggia nel tempo: tra le memorie e il quotidiano essere tra le cose della vita.

Letteratura, dunque, come arte ma cultura, soprattutto, come idea.

È appunto in Parliamo dell'Italia che si avverte questo bisogno di testimonianza al di là della poesia. Qui il cosiddetto ritorno all'ordine diventa il ritornare a recuperare l'etica di una civiltà attraverso i passi della storia, di una storia che si fa e sa diventare testamento oltre il messaggio.

È tra queste pagine che riesamina il valore di un secolo quale fu il Cinquecento e contrapponendosi alla teorizzazione desactisiana chiosa: "Noi attribuiamo al Cinquecento una grande funzione storica nello sviluppo o accrescimento del nostro genio letterario e artistico nazionale. Lo reputiamo un secolo italianissimo, il più italiano della nostra storia. E non ci fa meraviglia che, in nome di una coltura nordica o gotica, la quale si dice europea, si continui a non capirlo, a non digerirlo, per il fatto che il Cinquecento costituisce la negazione in eterno di quella coltura".

Nazionalismo come affermazione di una cultura che attraversa i segni di una civiltà che trova nelle radici storiche la sua peculiare identità. Ma Cardarelli di ciò ne fa anche una questione di natura linguistica. Cardarelli usa proprio queste parole riferendosi sempre al Cinquecento.

"E' quello il tempo in cui, per la prima volta, si realizza la promessa di un linguaggio letterario che Dante definisce illustre e i cinquecentisti chiamavano comune o nazionale e anche nobile. (…) Fu un culmine, dopo del quale non potevamo che scendere. Non per nulla si chiamò Rinascimento".

Questo saggio "Parere su De Sanctis" pone l'accento sul ruolo che ha avuto il Cinquecento e sul valore del Rinascimento, ma il termini ideologici porta sulla scena quel principio di nazionalità ben evidenziato nell'altro scritto dedicato a "Il Risorgimento e Cavour", il quale annuncia, a sua volta, altri due scritti, ovvero "Italia popolare" e il già citato "Stato popolare - Riflessioni intorno al fascismo".

È Mazzini che diventa protagonista in "Il Risorgimento e Cavour". Cardarelli si esprime in questi termini: "Spetta a Mazzini, più che a chiunque altro, la gloria di avere sfrancescato, naturalizzato in Italia l'idea dell'unità. Parlare di Mazzini è come parlare di un mito. Se ne discorre un po’ leggermente. Mazzini predicatore, Mazzini ligure che ha il senso del mondo, Mazzini che non perdona, è la fantasia e l'umore politico del popolo italiano. In lui non c'è più ombra di quello specioso patriottismo del liber'uomini del Primo Impero che vagheggiavano in Napoleone bandito all'Isola d'Elba il nostro eroe nazionale".

Mazzini, dunque, come mito ma, soprattutto, come costruttore di storia e viene paragonato al Matternich della Rivoluzione.

Così prosegue Cardarelli: "Con quest'uomo pensieroso che vive nel quadro naturale delle vecchie piazze italiane, delle botteghe di mestiere e delle case gentilizie, tra quel popolo degli Stati Pontifici e della Toscana granducale, antico, frusto, scaduto, ma urbano e di lunga memoria, a cui non conviene più che il nero, l'Italia del Risorgimento esprime dai principi della democrazia soltanto quello che è suo, che risponde al suo genio, ai suoi fini, con un sentimento così vivo e forte della propria individualità storica da far balenare alla mente l'Italia mistica e artigiana dei Comuni".

Mi pare che sia una osservazione di sicura forza etica e politica che caratterizza tra le altre cose la ricerca di un poeta come Cardarelli, il quale viene ad essere recuperato nell'idea portante della Nazione, legandolo alla linea della tradizione e della sacralità che percorreva la cultura del Ventennio.

È il Fascismo secondo Cardarelli l'erede dei movimenti popolari e della tradizione che ha caratterizzato l'Italia nel passaggio tra il secolo Diciannovesimo e il Ventesimo. Cardarelli afferma, tra l'altro, che il Fascismo ha restaurato, nel cuore del popolo, la Monarchia mentre è repubblicano lo spirito civile delle riforme. E tutto questo lo evidenzia in "Stato popolare - Riflessioni intorno al Fascismo".

È appunto in questo scritto che si legge: "Noi abbiamo toccato il vertice della libertà civile e morale più volte. Non abbiamo conosciuto, si può dire, il feudalesimo. Se è esistito al mondo un popolo padrone del suo destino e artefice della sua storia, questo fu il popolo italiano. Dominato politicamente, in alcune epoche, da principi indigeni e forestieri, non fu mai spiritualmente servo di nessuno. Anzi la forza delle sue tradizioni e la civiltà dei suoi focolari furono tali, in ogni tempo, che anche le tirannie dovettero essere popolari in Italia, farsi una anima polare, parlare il linguaggio del popolo, vestirsi i costumi. Sicché i dominatori furono in sostanza dominati, cosa della quale si tien troppo poco conto quando si parla dei lunghi secoli di servitù italiana. Dove trovare in tutto questo gli appigli per una Riforma la quale presuppone una storia barbara, una plebe servile e un lungo, troppo lungo Medioevo?".

La risposta di una siffatta domanda è nella conclusione del saggio stesso che chiude un discorso ben circostanziato ma potrebbe aprire anche oggi un dibattito vasto ed interessante. Ed è qui la conclusione:"…chi si faccia a considerare le vicende del nostro paese nell'ultimo cinquantennio, le vede come quelle d'un popolo profugo lungamente che soltanto nel Fascismo si riconcilia alla madre Italia e ci si ritrova".

È sicuramente un elemento di portata storica e culturale notevole e lo è di più conoscendo Cardarelli come poeta, come poeta di una liricità profonda e come prosatore d'arte i cui riferimenti sono tutti all'interno del viaggio del tempo. Un viaggio come metafora e un tempo come trasporto di memoria e dei luoghi che conservano fascino e mistero. Ma anche un viaggio nel tempo della giovinezza che raccoglie nella sua conchiglia il paese e l'infanzia. I luoghi del suo essere sono i luoghi della memoria ma sono anche i luoghi del sapere.

Cardarelli è certamente il grande poeta di "Adolescente", di"Amicizia", di "Estiva", di "Autunno", di "Ottobre", di "Amore", di "Distacco", di "Attesa" ("Amore, amore, come sempre,/ vorrei coprirti di fiori e d'insulti"), di "Passato" ("Dovevamo saperlo che l'amore/ brucia la vita e fa volare il tempo"), di "Spiragli" (Piano piano i minuti vissuti,/ fedelmente li ritroveremo"), di "Passaggio notturno", di "Nostalgia", di "Alla deriva" ("La vita io l'ho castigata vivendola/(…)/ Io annego nel tempo"), di "Ritorno al mio paese", di " Alle mura del mio paese".

Cardarelli è certamente il prosatore di un'arte sottile ed elegante a cominciare appunto da Prologhi.

Ma è anche il poeta delle Poesie disperse il cui esito lirico non raggiunge la tensione della sua grande poesia ma servono a testimoniare il viaggio di un poeta e di un uomo. Ci si riferisce ai versi di "Camicia nera", di "Canzone di marcia", di "Fato africano" e di altri versi come "La ballata degli impiccati". È in "Canzone di marcia" che si legge: "Essere uniti, amare la patria,/ portar con noi l'Italia…".

Queste quattro poesie vennero pubblicate in momenti diversi. "Camicia nera" in "Quadrivio" del 20 agosto 1933. "Canzone di marcia" in "Tevere" del 30 settembre 1935. "Fato africano in "Gazzetta del Popolo" del 29 febbraio 1936. "La ballata degli impiccati" in "Il Giornale della sera" del 5 ottobre 1947.

È certo che, soprattutto, in questo caso "Narrazione e eloquenza si coniugano in uno stile solenne, dove balena il ricordo della maniera civile di Carducci e D'Annunzio" (Clelia Martignoni).

E questo stile lo si evince anche dalle pagine del "Corriere padano", dell'"Italiano", del "Tevere" e in parte minore da quelle del "Selvaggio" e del "Bargello", dove Cardarelli collaborava.

L'itinerario letterario e culturale di Cardarelli è complesso, ma è il poeta che si testimonia con la sua storia personale e con la sua arte. Con il suo essere vero nel tempo del presente e nel tempo della nostalgia: "Lo sentii nella grazia/del tuo linguaggio,/fa lampeggiare l'occhio/ del tuo pastore" ( da "Sardegna").

Ecco allora come il tempo della memoria diventa sì il tempo della civiltà ma si solidifica come il tempo della testimonianza. E in ciò vive la sua malinconia mentre le sue attese sono le parole che rapiscono tempo. E in conclusione. Luigi Bartolini ha sostenuto: “…spero che nessuno voglia incolpare Cardarelli di versipelleria o fi fascismo sbagliato.

Ché chi, malaguratamente, lo incolpasse, ha, dianzi, il dovere di rileggere il libro ‘Parliamo dell’Italia’. Si tratta d’un libro pieno di profonde considerazioni, come di peregrine e leopardiane meditazioni” (in “l’osservatorio politico letterario”, N. 7, 1959).

Vincenzo Cardarelli alle ore 11 del 15 giugno del 1959 si spegne al Policlinico di Roma.

Così: “Morire sì,/non essere aggrediti dalla morte./Morire persuasi/che un siffatto viaggio sia il migliore” (da “Alla morte”). Comincia così un nuovo viaggio. Un nuovo e diverso andare nelle solitudini del tempo. Di quel tempo che non conosce (e non ha mai conosciuto) la cronaca e non ha mai creato dimensioni poetico – rappresentative.

Ha scritto G. A. Gibotto: “La sua avventura d’uomo obbligato fin dalla stagione delle lecite dimenticanze, ad apprendere che la vera lezione della festa malinconica cui ci troviamo fatalmente invitati, non è che si muore, sfoggiando nell’ipotesi migliore una composta dignità, ma che si muore derubati” (Introduzione a Cardarelli. Lettere d’amore a Sibilla Aleramo, 1974).

Il concetto del tempo resta fondamentale. Tempo e linguaggio. Non solo una metafora. Ma una metafisica dell’anima. L’opera d’arte, per Cardarelli, dentro questa metafisica dell’anima.

“…l’opera d’arte si matura in noi all’infuori delle nostre qualità e della nostra coscienza: specie quando l’opera d’arte è la scintilla che sprizza dall’urto delle nostre concezioni ideali, con le miserabili realtà della vita” (da una lettera di Cardarelli a Sibilla Aleramo datata Roma, ottobre 1909).

Un percorso, dunque, in quella grande poesia il cui senso è stato sempre raccordare la parola al sentimento. Ovvero la poesia dell’anima per un poeta che ha vissuto fino in fondo il sentimento della memoria. Di solitudine e di ricordi è vissuto: “Fin da ragazzo ho amato le distanze e la solitudine. Uscire dalle porte del mio paese e guardarlo dal di fuori, come qualche cosa di perduto, era uno dei miei più abituali diletti. Piacere e terrore mi portavano in certi luoghi romiti, sacri alla morte, a cui però non pensavo se non per quel tanto che m'impediva d'inoltrarmi troppo in un così pauroso reame”.

Muore a Roma il 18 giugno del 1959. Si lavora per celebrarlo a 60 anni dalla morte nel 2019. Per Cardarelli si aveva grande rispetto. Un poeta nella classicità del Novecento con D’Annunzio, Ungaretti e Pavese, che ha fatto della tradizione la percettibile visione di una metafisica eretica.

Di lui Orsola Nemi dirà: “L'ascoltavo rispettosamente, senza mai osare di rivolgergli direttamente la parola se non per salutarlo quando arrivavo e quando andavo via. Non soltanto sapevo, ma sentivo di trovarmi vicino a un poeta, e questo era tanto. La sua ritrosia, la sua povertà, la sua feroce schiettezza coincidevano perfettamente con l'idea che mi facevo del poeta italiano”.

di Pierfranco Bruni